21
febbraio

Agcom, ecco le motivazioni alla maxi-multa per la Rai. Tg2 sotto accusa. Nel mirino anche il Festival di Sanremo

Diletta Leotta, Amadeus, Rula Jebreal

L’Agcom infligge una mazzata alla Rai. Secondo l’Autorità per le Comunicazioni, l’azienda del servizio pubblico ha infranto il Contratto di Servizio, mancando di pluralismo ed imparzialità. Rimostranza pesantissima. Lo si apprende dalle motivazioni del provvedimento di condanna che il Garante aveva emesso ai danni dell’emittente, multandola per 1,5 milioni di euro. In ragione di questa violazione – ha evidenziato l’Agcom – ora lo Stato avrebbe il diritto di negare alla Rai una parte del canone.

Secondo l’Autorità, infatti, il mancato adempimento degli obblighi di pluralismo potrebbe arrecare all’emittente un danno erariale. E’ la prima volta che il Garante si esprime in termini così severi nei confronti della Rai. Nelle motivazioni depositate, l’Agcom ha ravvisato la violazione dei principi di “indipendenza, imparzialità e pluralismo” in una serie di specifici episodi.

Agcom, Tg2 sotto accusa

Nel mirino dell’Authority è finito, in particolare, il Tg2 di Gennaro Sangiuliano. Sotto accusa, ad esempio, il servizio che il notiziario ha dedicato (il 19 e 20 maggio del 2019) al presunto “fallimento del modello svedese di accoglienza dei migranti” , nel quale sarebbe stato rappresentato solo un unico punto di vista. Ci chiediamo, in questo caso, se il giudizio abbia o meno tenuto conto che esiste un diritto all’interpretazione della notizia da parte della testata (che ovviamente non deve sostituirsi alle verità fattuali, ça va sans dire).

Nell’edizione delle ore 13 del Tg2 del 26 luglio, invece, il Tg2 aveva comunicato l’assassinio del vice-brigadiere Mario Cerciello Rega, sostenendo “nei titoli e nel lancio da studio e nel servizio, con una assoluta certezza, che i responsabili dell’omicidio fossero indicati come ‘due nordafricani’, mentre la responsabilità presunta è presto ricaduta su due cittadini statunitensi“.

Nella lista nera, anche un servizio del Tgr Emilia Romagna (28 aprile 2019, edizione delle 19.30) sulla manifestazione dei nostalgici a Predappio. In esso – denuncia l’Agcom – “si raccoglievano le dichiarazioni di alcuni presenti, ivi compresa la nipote di Mussolini, al limite dell’apologia del fascismo“.

Secondo l’Autorità, anche Bianca Berlinguer e Gad Lerner hanno peccato per il mancato pluralismo, ma nei loro confronti si rileva un atteggiamento più indulgente, che considera le loro sviste quasi ‘veniali’ e dettate imprevedibilità della diretta tv.

Agcom: sottostimato M5S nei tg

Nel documento emesso, l’Agcom ha anche passato al setaccio i tempi di parola e di notizia riservati ai politici, denunciando “una costante e reiterata e sistematica sotto-rappresentazione nei notiziari” del M5S nel periodo agosto 2019-gennaio 2020. Anche i ministri, i viceministri e i sottosegretari grillini sarebbero stati penalizzati rispetto alle altre forze di governo.

Agcom, Festival di Sanremo nel mirino

Sotto accusa anche il Festival di Sanremo 2020 per la questione femminile. Così l’Agcom:

In relazione alla trasmissione del Festival di Sanremo si evidenzia che sono pervenute all’Autorità diverse segnalazioni che lamentavano la scorretta rappresentazione dell’immagine femminile e il ruolo stereotipato della donna nelle trasmissioni Rai. Anche in questo caso è stata verificata una carenza della particolare responsabilità richiesta alla Rai nella garanzia della dignità della persona e nella rappresentazione dell’immagine femminile“.

Un rilievo, quest’ultimo, alquanto discutibile, a nostro avviso non corrispondente alla realtà. Al di là delle generiche “segnalazioni” e di certe campagne d’opinione (soggettive per definizione) sollevate attorno alla kermesse, vorremo capire quali situazioni precise hanno indotto l’Agcom a parlare di carenza di responsabilità sul tema della rappresentazione femminile al Festival.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,



Articoli che potrebbero interessarti


Mattia Santori
Tg: ecco i leader politici più presenti. Spunta la sardina Santori


Matteo Salvini, Giuseppe Conte
Agcom: Pd e M5S primeggiano nei tg. Ma a parlare di più sono Conte e Salvini


Tg2
Agcom diffida il Tg2: informazione «incompleta, parziale e non obiettiva». La replica del direttore


TG2
TG2: MULTA DI 50 MILA EURO PER L’INTERVISTA AL MINORENNE SALVO PER MIRACOLO DOPO L’ALLUVIONE DI GENOVA

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.