8
febbraio

Chi l’ha Visto?, sigla suonata in diretta proprio contro Sanremo

Chi l'ha visto?

Chi l'ha visto?

Nella settimana del Festival di Sanremo la musica è nell’aria e contagia un po’ tutti, compreso Chi l’ha visto?. Il programma di Rai3, uno dei pochi ad essere regolarmente andato in onda contro la kermesse canora, ha infatti lo scorso mercoledì 5 febbraio aperto la puntata con una sorpresa per il proprio pubblico. La storica sigla Missing, composta da Bruno Carioti e Lamberto Macchi, è stata eccezionalmente eseguita in diretta in studio dalla Banda Musicale del Corpo di Polizia Urbana di Roma Capitale Primo Nucleo di “Guardie Di Città”. 

Non è la prima volta che la trasmissione curata e condotta da Federica Sciarelli regala ai telespettatori delle sorprese musicali. Anche lo scorso anno, la puntata del 6 febbraio, in onda piena settimana sanremese, venne eccezionalmente aperta con una versione speciale della sigla eseguita dall’orchestra sinfonica della Rai. Chi l’ha visto?, in onda ininterrottamente dal lontano aprile 1989 (qui 30 curiosità per i 30 anni del programma), continua ad essere uno degli appuntamenti di punta di Rai3. La puntata in onda lo scorso mercoledì, dedicata in gran parte all’allarme legato al “Corona Virus”, è riuscita, nonostante la forte concorrenza del Festival di Sanremo, a raccogliere un ascolto di 1.404.000 spettatori pari ad uno share del 5.75%.

Chi l’ha visto? – Sigla del 5 febbraio 2020



Articoli che potrebbero interessarti


Antonio Marano, Presidente Rai Pubblicità
Sanremo 2020: costi e ricavi del Festival


Tiziano Ferro
Sanremo 2020, Tiziano Ferro: «Canterò Mia Martini e Modugno. Duetto con Ranieri» (Video)


Rula Jebreal
Sanremo 2020, Rai su Rula Jebreal: «Intervento slegato da politica». Ma è ancora polemica sul suo cachet


Maurizio Costanzo
Sanremo 2020, Maurizio Costanzo difende Amadeus: «Attacco esagerato, fatelo lavorare. La Bellucci? Stia in Francia e non ci rompa le scatole»

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.