Chi l’ha Visto?



1
novembre

Chi l’ha Visto?, Federica Sciarelli: «Ho una ferita sulla faccia ma sono qui con voi»

Federica Sciarelli

Federica Sciarelli

Chi l’ha visto il livido sul volto di Federica Sciarelli?”. Nell’appuntamento in prime time di mercoledì 31 ottobre, la conduttrice di Chi l’ha visto? è apparsa in video con un segno evidente sulla parte destra del viso, scatenando agitazione da parte dei suoi fan sui social. La Sciarelli, dunque, tra un caso e l’altro, ha preso la parola per giustificare il segno particolare e, pur mantenendosi sul vago, ha rassicurato tutti: 




12
settembre

Chi l’ha Visto?: Federica Sciarelli festeggia i 30 anni della trasmissione

chi l'ha visto

Federica Sciarelli

Un doppio traguardo per Chi l’ha visto? all’inizio di questa nuova stagione: il programma compie 30 anni e Federica Sciarelli raggiunge il 15° anno alla conduzione. Da stasera alle 21.15 torna lo storico programma di Rai3 per 42 appuntamenti settimanali fino al 10 luglio 2019. Vecchi e nuovi casi di scomparsa, cold case e misteri da risolvere anche con l’aiuto dei telespettatori, e un occhio sempre attento all’attualità.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes


18
settembre

Le Pagelle TV della Settimana 11-17/09/2017. Promossi GF Vip e Serena Rossi. Bocciati i palinsesti del Nove e Chi l’ha visto?

Federica Sciarelli

Federica Sciarelli

Promossi

9 alla partenza di Grande Fratello Vip. Il reality è iniziato con il piede giusto, complice un cast ben assortito per età, curricula e personalità. Nella prima settimana non ci sono stati litigi di rilievo, né sono sbocciati amori, eppure non si può dire che le vicende Vip di Cinecittà abbiano annoiato o che la seconda puntata manchi di destare interesse.





14
settembre

«Chi l’ha visto?» e il reality del dolore. Omicidio Noemi, i genitori del fidanzato scoprono in tv che il figlio ha confessato

Chi l'ha visto, omicidio Noemi

La tv del dolore non fa sconti. E nemmeno Chi l’ha Visto? li fa. A sette anni dalla tragica notte di Avetrana – quando la madre di Sarah Scazzi scoprì in diretta nel medesimo programma che la figlia era stata uccisa – la trasmissione di Federica Sciarelli è di nuovo incappata nella drammatica fatalità. E nella sua discutibile ma voluta messa in onda. Stavolta è accaduto con l’omicidio di Noemi, la sedicenne di Specchia (Lecce) trovata morta a Castrignano del Capo: durante un’intervista con l’inviata Paola Grauso, i genitori del fidanzato della ragazzina hanno appreso che il loro figlio aveva appena confessato di aver commesso l’omicidio.


13
settembre

Chi l’ha Visto: al via su Rai3 la trentesima edizione con Federica Sciarelli

Federica Sciarelli

Federica Sciarelli

Trentesima edizione per Chi l’ha Visto?. Da questa sera alle 21.15 lo storico programma di Rai3 tornerà a far luce su nuovi casi di scomparsa, cold case e misteri da risolvere con l’aiuto dei telespettatori e con uno sguardo all’attualità. Confermatissima alla guida della trasmissione per il 14° anno consecutivo Federica Sciarelli. La giornalista, coinvolta questa estate insieme a Henry John Woodcock nell’indagine sulla presunta fuga di notizie relativa all’inchiesta Consip (posizione che proprio in questi giorni si avvia verso l’archiviazione), tornerà dunque a guidare il programma “sugli scomparsi”, smentendo le voci che negli ultimi mesi parlavano di un cambio di conduzione e della volontà della stessa Sciarelli di lasciare il programma e dedicarsi a nuove esperienze professionali. Esperienze che non mancheranno, dato che dal 14 settembre la giornalista affiancherà all’impegno di Chi l’ha Visto? quello in seconda serata con I mille giorni di mafia capitale – Speciale, tre appuntamenti su Rai3 in coda alla messa in onda dell’omonima docu-fiction incentrata sull’organizzazione di tipo mafioso-politico-imprenditoriale operativa a Roma dal 2000.





10
settembre

Rai3, debutta il nuovo daytime. Ad Agorà c’è Serena Bortone, Chi l’ha visto? anticipa, Quante Storie riparte con Sgarbi

Serena Bortone

L’impianto generale è confermato nella sua dimensione informativa, ma con qualche integrazione. Il nuovo daytime di Rai3 è pronto al debutto, che avverrà ufficialmente domani – lunedì 11 settembre – a partire dalle ore 8 del mattino. A quell’ora, sarà il rinnovato Agorà di Serena Bortone ad aprire le danze all’insegna del talk d’attualità. Poi via: il palinsesto del direttore di rete Stefano Coletta proseguirà con Mi manda RaiTre, Tutta salute e con la striscia quotidiana di Chi l’ha visto?. Quante Storie e Geo (al pomeriggio, dalle 16) si aggiungeranno all’offerta che entrerà a pieno regime nelle prossime settimane con l’inizio di Passato Presente con Paolo Mieli, prima del TGR delle 14. Ecco i dettagli della programmazione ai blocchi di partenza.


30
marzo

Chi l’ha visto? – Federica Sciarelli contro il solito disturbatore: “La devi piantare, fatti curare!” (Video)

federica sciarelli

Federica Sciarelli

Federica Sciarelli ha avuto prontezza: stavolta il ‘disturbatore seriale’ non l’ha fatta franca. Ieri sera, durante la puntata di Chi l’ha visto?, la conduttrice ha interrotto bruscamente la telefonata di un uomo che si spacciava come testimone del delitto di Alatri, senza però voler rivelare la propria identità. Insospettita dalla sua voce, riconducibile a quella di un noto disturbatore di programmi tv e radio, la giornalista ha troncato la conversazione. E si è scagliata verbalmente contro l’uomo, invitandolo a “farsi curare”.


26
gennaio

CHI L’HA VISTO?, FEDERICA SCIARELLI LEGGE LE OSCENITA’ SULLE DONNE SCRITTE SU FACEBOOK: “LETTE DA ME VI PARRANNO ANCORA PIU’ VOLGARI”

Federica Sciarelli

“I gruppi Facebook che istigano alla violenza commettono un reato, i responsabili vanno perseguiti“. Partiamo da questo post pubblicato dal profilo ufficiale di Chi l’ha visto? nel social più celebre di tutti, quello in cui però si aggirano indisturbati inquietanti figuri che attaccano le donne con una leggerezza e una violenza che sono drammaticamente proporzionali alla pesantezza di ciò che scrivono e all’ignoranza con cui lo fanno, e drammaticamente sproporzionate rispetto alle conseguenze di questo loro inno all’odio sulle vittime dirette e sulle donne tutte (e pensare che fra i carnefici a volte ci sono anche alcune “donne che odiano le donne”).