29
aprile

Chi l’ha visto?: 30 curiosità per i 30 anni della storica trasmissione di Rai3

Donatella Raffai e Paolo Guzzanti in Chi l'ha visto? (1989)

Donatella Raffai e Paolo Guzzanti in Chi l'ha visto? (1989)

Buon compleanno Chi l’ha visto?! La trasmissione di Rai3 festeggia 30 anni di messa in onda. Erano le 20.30 di domenica 30 aprile 1989 quando sugli schermi della terza rete, allora diretta da Angelo Guglielmi, prese il via un programma destinato ad entrare nella storia della tv e del costume italiano. Per festeggiare l’importante traguardo ripercorriamo questi 30 anni di successi attraverso altrettante curiosità ed aneddoti legati alla trasmissione ideata da Lio Beghin.

1 - Dopo Un giorno in pretura (18 gennaio 1988) e Blob (17 aprile 1989), Chi l’ha visto? è il terzo programma più longevo di Rai 3.

2 – Chi l’ha Visto? ha raggiunto un totale di 31 edizioni e ben 1209 puntate (al 24 aprile 2019). Con 15 edizioni e 653 puntate (al 24 aprile 2019), Federica Sciarelli è la conduttrice più longeva del programma.

3 - L’attuale sigla del programma, intitolata Missing, è stata composta da Bruno Carioti e Lamberto Macchi ed è in uso dal gennaio 1993. Nel corso degli anni ha subito diversi restyling grafici ed è stata riarrangiata musicalmente nell’edizione 2016-2017. La puntata in onda il 6 febbraio 2019, in piena settimana sanremese, è stata eccezionalmente aperta con una versione orchestrale della sigla eseguita dall’orchestra sinfonica della Rai. Nelle prime quattro edizioni del programma venne invece utilizzata un’altra sigla, realizzata da Toni De Gregorio con le musiche di Massimiliano Orfei.

4 – Lo storico numero 06/8262, presente sin dalla prima edizione (sostituito soltanto nelle stagioni 1989/1990 e 1990/1991), era inizialmente utilizzato anche da altre trasmissioni di approfondimento giornalistico che facevano parte del ciclo “Chiama in diretta Rai3”. Tra queste Telefono GialloLinea RoventeCamice BiancoParte Civile. Lo stesso numero venne usato anche per una striscia quotidiana intitolata per l’appunto 8262. La rubrica di cronaca ed attualità, nata nell’autunno del 1992 con l’obiettivo di fare da traino al Tg3 delle 19.00, non ebbe però il successo sperato e venne cancellata dopo poche settimane.

5 – La trasmissione riprende per certi versi la rubrica Dove sei? proposta anni prima nel programma Portobello da Enzo Tortora, ma nasce ufficialmente dopo il buon riscontro di pubblico ottenuto, nel 1988, da Posto pubblico nel verde, altro programma ideato da Lio Beghin. Durante la trasmissione, che utilizzava il già citato numero 06/8262, ci si occupò tra i vari argomenti anche della misteriosa scomparsa di un agente pugliese della Guardia di Finanza. Il caso, ancora oggi irrisolto, coinvolse notevolmente il pubblico da casa, che si attivò con decine di segnalazioni ed interventi.

6 - Il primo caso di scomparsa trattato da Chi l’ha visto? fu quello di Jennifer, una ragazza di ventuno anni di origini americane, ausiliaria della base Nato di Bagnoli, sparita nel nulla nell’estate del 1988. Per la cronaca la ragazza, della quale alcuni giornali italiani si erano già occupati, venne ritrovata il giorno dopo l’appello in trasmissione. Fu lei stessa a chiamare il padre, intervenuto all’interno del programma la sera precedente. Jennifer non fu rapita, come si pensava, ma si allontanò volontariamente dopo aver preso parte ad una festa a base di alcol e sesso con altri suoi colleghi militari. Trasferitasi a Reggio Calabria, aveva poi incontrato un marocchino pregiudicato con il quale per diversi mesi era andata a vivere insieme in un appartamento condiviso con altri uomini nordafricani.

7 - La trasmissione ha vinto ben 3 Telegatti (1990, 1991, 1999) nella categoria Tv utile, e 2 Premi Regia Televisiva (1990, 2011).

8 - Negli anni 90, grazie al successo di Chi l’ha visto?, Donatella Raffai, prima storica conduttrice del programma, divenne un volto popolarissimo del piccolo schermo. Tale successo le valse un Telegatto nel 1990 come personaggio femminile dell’anno. Sparita dalla tv italiana nel 1999, la Raffai, “emulando” i tanti scomparsi dei quali si era occupata, si è trasferita in Costa Azzurra, a pochi chilometri da Nizza, insieme al compagno Silvio Maestranzi, ex regista Rai. Qui si è ritirata a vita privata evitando di apparire in tv e di rilasciare interviste. A seguito della sua prolungata assenza dagli schermi televisivi, alcuni siti Internet avevano diffuso l’errata notizia della sua prematura morte a causa di un tumore.

9 – Riferendosi a Donatella Raffai, nei primi anni 90 Antonio Ricci dichiarò: “Gronda umanità da tutti gli artigli”.

10 - La Raffai viene citata in una canzone parodistica di Stefano Nosei sull’alcolismo che in una strofa recita: “Il fegato lo perderai…e lo cercherà la Raffai”, e in un brano di Enzo Iacchetti: “Non lo trovarono mai… alla faccia della Raffai”.

11 - Chi l’ha visto? compare all’interno del film di Riccardo Milani La guerra degli Antò. Nella pellicola Donatella Raffai interpreta un breve cameo nel ruolo di sé stessa, conduttrice di un’improbabile puntata del programma.

12 - Nella stagione 1990-1991 l’ideatore Lio Beghin, in rotta di collisione con la Rai, abbandonò il programma e passò alla Fininvest, dove propose un programma molto simile a Chi l’ha visto? dal titolo Linea Continua. La trasmissione, dedicata alla ricerca di persone scomparse e ai misteri insoluti, era condotta da Rita dalla Chiesa e Andrea Barberi ed andava in onda tutti i giorni con una striscia quotidiana e il martedì in prima serata su Rete4. Visto il basso riscontro di ascolti venne chiusa dopo appena due mesi.

13 – Nella stagione 1991-1992, dopo l’abbandono di Donatella Raffai, decisa a intraprendere nuove sfide lavorative, il programma venne affidato a Luigi Di Majo (già presente con la Raffai nelle stagioni 1989/1990 e 1990/1991) e alla sessuologa Alessandra Graziottin. In questa stagione si registrò un notevole calo degli ascolti che portò i dirigenti di Rai3 a chiudere la trasmissione. Dopo alcuni mesi di pausa, il 19 gennaio 1993, si decise di riproporre il programma con il ritorno alla conduzione della Raffai. La giornalista, reduce dal doppio flop dei programmi Parte Civile e 8262, riportò il programma al successo.

14 – Dalla stagione 1993/1994, dopo la soppressione della trasmissione Telefono Giallo di Corrado Augias, Chi l’ha visto? ha esteso il suo campo di indagine anche a casi di delitti irrisolti e ad inchieste di cronaca. Nella stagione venne addirittura realizzato uno spin-off  intitolato Indagine, che si occupava esclusivamente dei casi di cronaca. Alla conduzione Giovanna Milella che nella primavera 1994 aveva sostituito la Raffai alla conduzione.

15 - Una parte integrante della trasmissione è sempre stata rappresentata dalle telefonate in diretta dei telespettatori, che riportano segnalazioni e avvistamenti. In alcuni casi in passato era lo stesso ricercato a telefonare, confessando un allontanamento volontario. Una delle telefonate storiche del programma è stata quella effettuata da una donna nella puntata del 19 novembre 1989. La signora fece ritrovare in diretta, grazie ad un successivo intervento delle forze dell’ordine, il camper della famiglia Carretta, scomparsa da mesi.

16Marcella De Palma, giornalista del Tg3 e conduttrice della trasmissione dal 1997, lasciò il programma il 21 dicembre 1999, a ridosso delle vacanze di Natale, dando ai telespettatori l’appuntamento a gennaio. Con il nuovo anno Chi l’ha visto? non venne però trasmesso e tornò in onda soltanto il 1° febbraio con la conduzione in studio di Fiore De RienzoTiziana PanellaPino Rinaldi Filomena Rorro, principali inviati del programma. La De Palma, che da tempo si era ammalata di tumore, infatti, ebbe un aggravamento improvviso della malattia che le impedì di proseguire il suo lavoro e morì l’8 marzo dello stesso anno. I quattro inviati condussero il programma fino all’ultima puntata della stagione.

17 - Nell’autunno del 2000 la conduzione venne affidata a Daniela Poggi. Tale scelta fu oggetto di diverse critiche da parte di pubblico e addetti ai lavori, che ritenevano la trasmissione non adatta nei contenuti ad un’attrice ed ex-soubrette, ma più consona ad un giornalista professionista. Con il suo stile garbato e professionale la Poggi mise a ben presto a tacere le critiche e venne riconfermata alla guida del programma per 4 stagioni.

18 - Nel corso degli anni sono state realizzate diverse puntate speciali. Tra queste si ricordano: Speciale Chi l’ha visto? – Donne senza mimose, due appuntamenti, in onda il 1º e 8 marzo 1999, dedicati alle donne vittime di sé stesse e dei loro rapporti; Speciale Chi l’ha visto? – Alla ricerca del segreto, puntata speciale in onda il 25 marzo 2002, nel quale vennero documentate storie di persone che cercano le loro origini. Speciale Chi l’ha visto? – Labirinti, puntata speciale in onda il 10 gennaio 2003, dedicata alle sparizioni più singolari che, nonostante le indagini di magistrati e Polizia, non hanno mai trovato una soluzione.

19 - Il 4 novembre 2008, subito dopo la messa in onda di una puntata, lo studio di Chi l’ha visto? venne preso d’assalto da un gruppo di attivisti di estrema destra per via di un servizio andato in onda nel quale veniva mostrata un’aggressione a dei giovani in piazza Navona a Roma. I volti di quegli aggressori del Blocco Studentesco, mostrati durante la trasmissione, scatenarono gli estremisti che minacciarono i redattori del programma di pesanti ritorsioni: “Vi abbiamo identificato, a voi ed ai vostri familiari”.

20 - Dalla stagione 2009-2010 nel programma è prevista la presenza del pubblico in studio. A differenza delle altre trasmissioni il pubblico rimane per tutta la durata della puntata in completo silenzio, non intervenendo mai con applausi o con commenti.

21 – Nella puntata andata in onda il 6 ottobre 2010, il programma, che da tempo si occupava della scomparsa di Sarah Scazzi (una ragazza di 15 anni di Avetrana), diede in diretta alla madre di Sarah (in collegamento da casa dei Misseri, zii della ragazza) la notizia del ritrovamento del cadavere della figlia, in seguito alla confessione del suo presunto assassino, ovvero lo zio Michele. Tale episodio ottenne punte di oltre 5 milioni di telespettatori ed il 40% di share ma venne pesantemente criticato da parte del pubblico e degli addetti ai lavori.

22 – Chi l’ha visto? è stato spesso protagonista di vari sketch e parodie. Tra le tante, si ricordano: un’esilarante imitazione della Raffai da parte di Corrado Guzzanti in Scusate L’interruzione; lo spettacolo teatrale di Benito Urgu Chi l’ha visto, l’ha visto?; l’imitazione di Federica Sciarelli da parte di Lucia Ocone a Quelli che il calcio, e di Francesca Reggiani a teatro e in tv con l’improbabile ‘Ndo l’hai visto?; ed ancora gli sketch di Lillo e Greg in radio e tv al grido di Che l’hai visto?. Negli anni ‘90 all’interno di UnoMattina Estate venne inoltre realizzata la rubrica Chi l’ha VIPsto?, nella quale i telespettatori dovevano scovare dei vip in vacanza.

23 - Dalla trasmissione sono stati tratti tre libri: Chi l’ha visto? (Donatella Raffai, 1990), Scomparsi (Donatella Raffai, 1991) e Storie di Chi l’ha visto? (AA.VV.2011).

24 - A Chi l’ha visto? difficilmente trovano spazio ospiti legati al mondo dello spettacolo. Una delle poche eccezioni è avvenuta nella puntata del 9 aprile 2014, quando la trasmissione ha ospitato Alba Parietti. La showgirl, in collegamento da Milano, in quell’occasione si rivolse alla trasmissione per denunciare un possibile caso di malasanità che aveva visto per protagonista il marito di Sally, la sua storica colf filippina.

25 - Nella puntata del 25 febbraio 2015 è intervenuta telefonicamente Milly Carlucci. La conduttrice ha chiamato in diretta Federica Sciarelli per rinnovarle l’invito a partecipare come pattinatrice allo show di Rai 1 Notti sul ghiaccio.

26 - Nelle puntate in onda il 29 marzo 2017 e il 23 maggio 2018 la trasmissione è stata vittima del disturbatore Michele Caruso che, spacciandosi per testimone di alcuni episodi trattati in trasmissione, è intervenuto telefonicamente durante la diretta, salvo essere prontamente scoperto e zittito da Federica Sciarelli.

27 - Nella puntata in onda l’11 maggio del 2016, mentre la trasmissione si occupava della scomparsa di Emanuela Orlandi, intervenne al telefono Ali Agca. L’ex terrorista turco, che sparò a Giovanni Paolo II, chiamò per fare alcune rivelazioni sul caso della giovane scomparsa il 22 giugno del 1983. L’uomo sostenne che Emanuela Orlandi fosse stata rapita per ottenere la sua liberazione, in accordo con il Vaticano. Secondo l’ex terrorista, il Papa e Sandro Pertini avrebbero dovuto incontrarsi per decidere il suo rilascio. Di fronte a queste affermazioni – certamente forti, ma prive di alcun riscontro – Federica Sciarelli si rivolse all’uomo così: “Lei è un criminale pagato per sparare al Papa. Porti le prove di quello che dice altrimenti le sue sono solo buffonate”.

28 – Nella puntata del 9 novembre del 2016, Federica Sciarelli lanciò un appello legato alla sparizione di una ragazza di 17 anni di Rimini. Quest’ultima si fece subito viva con un messaggio sul proprio profilo Facebook: “Volevo avvisare tutte le persone che si sono preoccupate per me che sto benissimo, non voglio essere cercata e tornerò (…) La foto su ‘Chi l’ha visto’ fa veramente cagare…. La Sciarelli dopo aver letto testualmente il contenuto del post si è rivolta alla ragazza: “I tuoi sono preoccupati, sei minorenne, i tuoi hanno la responsabilità finché non hai 18 anni… Se la fotografia non ti piace la cambiamo, daccene un’altra tu, però fatti viva con le persone che ti vogliono bene perché c’è tanta preoccupazione”.

29 - Nella puntata in onda il 27 aprile 2016, Federica Sciarelli replica a Matteo Salvini, che la settimana prima aveva criticato la trasmissione di Rai3. Il leader leghista, in particolare, aveva accusato il programma di processare i Carabinieri dopo la messa in onda di un filmato riguardante la vicenda di Cerro Maggiore: nel video in questione si vedeva un pubblico ufficiale dell’Arma che schiaffeggiava una donna. “Tutto questo con denaro pubblico… Una vergogna!” aveva tuonato Salvini. La giornalista, senza mai nominare Salvini, ha risposto: “Devo ringraziare tutti voi, che vi siete accorti prontamente di un tweet di un esponente politico contro Chi l’ha visto?… dobbiamo rispondere ad una cosa che non è proprio vera. Cosa ha scritto l’esponente politico: “Tutto questo con denaro pubblico, una vergogna!”. Non è vero. Siamo pagati interamente con la pubblicità, il rapporto è 4 a 6: noi costiamo 4 e la pubblicità è 6. Facciamo un servizio pubblico grazie agli imprenditori che investono e facciamo entrare addirittura soldi alla cassa della Rai. Questa cosa del denaro pubblico, quindi, a noi non ce la può dire. “Una vergogna”, se lo può tenere…”.

30 - In 30 anni Chi l’ha visto? è andato in onda in tutti i giorni della settimana ad eccezione del sabato. La trasmissione, partita alla domenica sera, è in seguito approdata al venerdì. Per alcuni anni ha occupato la serata del martedì, occasionalmente il giovedì, e poi il lunedì. Dal 2010 il programma va in onda al mercoledì.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Federica Sciarelli - Chi l'ha Visto?
Chi l’ha Visto?, il disturbatore Michele Caruso al telefono: «Vaffanc*lo». Sciarelli: «Si deve andare a far curare. Deficiente» – Video


Federica Sciarelli - Chi l'ha Visto?
Chi l’ha Visto?: Federica Sciarelli riparte con l’omicidio di Piacenza e l’inchiesta di Bibbiano


Franca Leosini
Franca Leosini non risponde alla Sciarelli: «Io non commento Federica»


Ettore Bassi - Horacio Peralta
Chi l’ha visto?: Ettore Bassi è diventato Horacio Peralta per i ‘truffatori romantici’

3 Commenti dei lettori »

1. R101 ha scritto:

29 aprile 2019 alle 14:59

Programma mito!!!
🎩



2. nik ha scritto:

29 aprile 2019 alle 17:41

Ma la numero 13 è una trollata o esiste veramente Luigi Di Majo ? ^^



3. Salvatore Cau ha scritto:

29 aprile 2019 alle 18:02

@nik
Luigi Di Majo (con la J) è un avvocato che oltre a condurre Chi l’ha visto?, ha preso parte come giudice a Forum, curato delle rubriche all’interno di UnoMattina, ed ha anche interpretato il ruolo di un Pubblico Ministero nella fiction Le Ali della Vita, con Sabrina Ferilli e Virna Lisi.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.