10
luglio

I «trombati» dai palinsesti autunnali Rai

Federico Quaranta

Federico Quaranta

Benedetta Rinaldi ha parlato di “giorni assurdi, crudeli ed immeritati” per spiegare la sua dipartita dai palinsesti autunnali di Rai 1 per la stagione tv 2019/2020. Ma quella dell’ormai ex conduttrice di Unomattina (al suo posto ci sarà Valentina Bisti, volto di Unomattina Estate) non è la sola voce fuori dal coro perché la schiera dei ‘trombati Rai‘ è piuttosto ricca e qualcuno di loro non ha esitato a manifestare un chiaro disappunto.

Nonostante un’ottima stagione sul fronte ascolti, a Linea Verde la direttrice di rete Teresa De Santis ha deciso per un cambio: dentro Beppe Convertini (forse per le strepitose performance a La Vita in Diretta Estate!!!), fuori Federico Quaranta. Il conduttore genovese, tramite Instagram, è stato piuttosto categorico:

Il talento non basta

ha scritto, aggiungendo una serie di hashtag alquanto eloquenti, tra cui #coscienzapulita.

Restando nella mattina del weekend, anche Luca Rosini, promosso lo scorso anno alla guida di Unomattina in Famiglia, non è stato riconfermato, a vantaggio di Tiberio Timperi. Non pervenuti neppure Chiara Giallonardo a Linea Verde Life, Fabio Gallo a Lineablu e Giulia Capocchi a Linea Bianca. Un’altra silurata e non ricollocata altrove è Cristina Parodi, che nella passata stagione ha condotto ogni domenica (dopo Domenica In) La Prima Volta; sarà rimpiazzata da Francesca Fialdini con il nuovo programma A Ruota Libera.

Restando in casa Rai 1, a fare rumore è anche Antonella Clerici, per la prima volta orfana di programmi per l’intera prima parte di stagione (durante le festività natalizie condurrà uno speciale di Telethon, ma per lei è davvero poca cosa). Vero è che, come annunciato alla presentazione dei palinsesti, nel 2020 dovrebbe essere protagonista di un nuovo progetto, ma intanto a chi vorrebbe essere nella sua mente per sapere cosa pensa di tutto ciò, lei via Twitter risponde così:

Meglio di no.

Passando a Rai 2 (qui i palinsesti), alla voce ‘trombati’ non risulta soltanto Adriana Volpe (e con lei Sergio Friscia), in guerra ormai da tempo per la chiusura di Mezzogiorno in Famiglia. Dal palinsesto della rete, passata dalle mani di Andrea Fabiano a quelle di Carlo Freccero, sono spariti dal daytime Giovanni Mucciaccia (l’ex volto di Art Attack conduceva ogni mattina 5 Cose da Sapere), Tinto e il suo Frigo del sabato e Gabriele Corsi, un anno fa di questi tempi in rampa di lancio dopo il successo in estate con Reazione a Catena su Rai 1, poi ridimensionato con il flop del sabato pomeriggio B come Sabato. Fuori anche Licia Colò, che era tornata in Rai conducendo in prima serata Niagara.



Articoli che potrebbero interessarti


Gabriele Corsi
Palinsesti Nove, autunno 2019. Gabriele Corsi in access con un nuovo game. Tra le new entry anche Gino D’Acampo


Cristina Parodi
Cristina Parodi fuori dalla Rai: «Non sono riuscita a parlare con nessuno. Farò altro serenamente»


Linda Raimondo in Missione Spazio Reloaded
Palinsesti Rai Gulp, autunno 2019


Andrea Beltramo, Dodò e Laura Carusino
Palinsesti Rai YoYo, autunno 2019

5 Commenti dei lettori »

1. ics ha scritto:

10 luglio 2019 alle 16:46

L’accostamento “trombati” con Federico Quaranta me gusta mucho. Mi presterei volentieri.



2. sameoldstory ha scritto:

10 luglio 2019 alle 17:00

il siluramento dell’ottimo Quaranta a favore dell’imbarazzante Convertini è una vergogna



3. Marianna ha scritto:

10 luglio 2019 alle 20:49

Fortunatamente Corsi si è subito riaccasato a Discovery. Almeno lì il talento viene tenuto in considerazione…



4. Miko ha scritto:

11 luglio 2019 alle 09:22

Finché la Rai sarà pubblica andrà sempre così: al cambio di dirigenti farà sempre seguito un cambio dei volti in video: è successo con i democristiani, i socialisti, i comunisti, i berlusconiani, i dalemiani, i renziani ed ora con i leghisti-grillini, c’è un solo modo per far si che questo non accada più: PRIVATIZZARE LA RAI!!!!!!!



5. Sartushna ha scritto:

13 luglio 2019 alle 10:53

Senza parole.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.