29
maggio

Pagelle Tv della Settimana (20-26/05/2019). Promossi Domenica In e Alberto Urso. Bocciato il paradosso Rai-Fabio Fazio

Maria De Filippi e Alberto

Maria De Filippi e Alberto

8 a Domenica In. Grazie a Mara Venier, in questa stagione il contenitore ha ritrovato appeal. Tre ore e mezza di diretta sapientemente guidate da una padrona di casa tornata in pompa magna tanto da rivelarsi più forte del format. L’auspicio è che il programma, insieme alla conduttrice, torni anche nella prossima stagione ripartendo dall’esperienza appena trascorsa ed evolvendosi rispetto all’attuale formula, non riproducibile all’infinito, dominata da sole interviste one-to-one.

8 a Alberto Urso, vincitore di Amici 18. Il lirico siciliano conquista a mani basse il primo posto nel talent di Canale 5 portando un genere nuovo in quel particolare contesto. Perfetto anche per il più tradizionale pubblico del sabato sera, con il quale, suo malgrado, Amici deve fare i conti da qualche anno.

7 alle “girls di Mediaset,” ospiti della finale di Amici. Spontanee e complici, Silvia Toffanin, Ilary Blasi, Alessia Marcuzzi e Michelle Hunziker tengono banco al cospetto di Maria De Filippi dando un pizzico di brio alla finale.

6 a Manuela Arcuri. Ballando con le stelle era l’occasione per ripresentarsi al pubblico, dopo un periodo di scarsa visibilità, in maniera pulita. Se da un lato ha mostrato un carattere affabile, che l’ha tenuta lontana da pretestuosi battibecchi con la giuria, dall’altro è evidente che poteva fare di più sulla pista da ballo.

Bocciati

5 a Massimo Giletti che ospite di Ballando con le Stelle, come Ballerino per una notte, non balla. E allora perchè è andato?

4 al ventilato approdo di Fiorello su Rai Play (tutte le motivazioni qui).

3 al paradosso Rai-Fabio Fazio. La gestione Maggioni-Orfeo riteneva indispensabile il conduttore ligure, era l’uomo senza il quale la Rai non avrebbe retto e per questo motivo meritava di essere assecondato nelle sue (faraoniche) richieste. Ora è diventato una specie di handicap da far sloggiare su Rai2 con cachet e budget decurtato. La verità, come spesso accade, sta nel mezzo.

2 ad Alessandro Cecchi Paone. A Dritto e Rovescio, l’opinionista è una furia e fa perdere la pazienza a Paolo Del Debbio che cerca invano di contenerlo (per maggiori info qui qui).

1 al trio Pamela Prati, Eliana Michelazzo, Pamela Perricciolo che, arrivato ad un punto di non ritorno, ha iniziato a imperversare sui media con accuse incrociate. Uno scaricabarile di colpe in cui il “più pulito c’ha la rogna”.



Articoli che potrebbero interessarti


Manuela Arcuri - Storie Italiane
Manuela Arcuri sul matrimonio della Prati: «Un copione già scritto. E’ un gioco delle due agenti perverso e malato»


Mauro Mazza
MAZZA A TUTTO SPIANO TRA I NUOVI PROGETTI E LE FRECCIATINE A BONOLIS E FAZIO


Chat Donna Pamela  - Eliana (3)
Donna Pamela e Eliana Michelazzo tentano di sbugiardarsi a vicenda


Milly Carlucci
Pratiful: l’albero genealogico immaginario della famiglia Coppi. C’è anche Roberta Carlucci, nipote di Milly!

2 Commenti dei lettori »

1. XxdanyxX ha scritto:

30 maggio 2019 alle 09:54

Ma io direi anche un bel non classificabile per le tre rincoglionite coinvolte nella aicos management… scusate ma non c’è altro modo per chiamarle.



2. Socrate ha scritto:

30 maggio 2019 alle 12:42

Massimo Giletti a Ballando utile e appropriato quanto un radiatore nel deserto.

La Arcuri a me è piaciuta. La giuria le ha fatto, assurdamente, una colpa perchè nel ballo non ha restituito l’immagine di panterona sexy che si sarebbero aspettati – o avrebbero preteso – da lei. Mi ha ricordato la famosa frase di Rita Hayworth quando diceva che gli uomini restavano delusi perchè sognavano Gilda e si svegliavano con Rita. E’ forse una colpa essere sè stessi? Invece il bello è proprio che è emersa una ragazza pulita, semplice, divertente, lontanissima dal culto di sè stessa e della propria bellezza, non eccezionalmente portata per il ballo, ok, ma pure questo mica è colpa sua. Se nelle fiction appare tutt’altro forse significa che come attrice non è poi così male come dicono, o no?



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.