1
marzo

SANREMO 2008 : LA BIONDA O LA BRUNA?

Bianca Guaccero, Andrea Osvart @ Davide Maggio .it

La sindrome dei neologismi inoffensivi (o presunti tali) non poteva non colpire anche il Festival di Sanremo.

Un pò come gli spazzini che ora vengono definiti operatori ecologici, anche le presenze femminili della kermesse canora da un po’ di anni vengono definite co-conduttrici ma nella sostanza sempre vallette rimangono, con tutto il rispetto per il ruolo!

Una bionda e l’altra bruna, l’una italiana, l’altra straniera, in un binomio quasi religioso, imprescindibile e allo stesso tempo caratterizzante per il palco del Teatro Ariston.

Dopo alcune infelici parentesi in cui il binomio aveva ceduto il posto a soluzioni differenti, quest’anno Bianca Guaccero e Andrea Osvart hanno riportato l’antica tradizione sul palcoscenico più importante del belpaese.

Ma come ad Amici il pubblico di Maria De Filippi è diventato tutt’a un tratto parlante, allo stesso modo le vallette di Sanremo hanno conquistato un posto decisamente diverso nella kermesse canora. O quanto meno ci hanno provato.

Vallette non più impacciate, non più portatrici sane di gaffe e perfette “portavoci” dell’eleganza della moda italiana ma aspiranti showgirl da lanciare o attrici da confermare.

E così accanto alla presentazione del cantante di turno e alle piccole “battute comandate e studiate” insieme a Pippo Baudo e Piero Chiambretti, Bianca e Andrea hanno potuto dar prova delle proprie qualità.

Ma a me, con tutta l’ammirazione possibile, non è piaciuta la presenza di questi “siparietti promozionali” che hanno allungato il brodo e oltre a non risultare essenziali non hanno fornito al Festival un valore aggiunto.

Performance che non hanno contribuito a cancellare un giudizio poco esaltante sulla Osvart o a plasmare un parere a tratti positivo a tratti no sulla bella barese.

Probabilmente creava più attesa la fatidica discesa dell’immancabile scalinata quando i maestri della moda italiana confezionavano appositamente degli abiti per la nostra manifestazione musicale più importante. Ma è venuta meno quella ritualità che accostava la valletta del Festival alla Madre Natura di Ciao Darwin (di cui è rimasta traccia, però, nei ballerini “presi in prestito” da Bonolis), ovvero una bellezza eterea pronta a dare sfoggio di questa sua qualità ammaliante senza per questo dover o voler dimostrare nulla. E soprattutto non a tutti i costi come invece è avvenuto in questo caso.

Performance senza appeal, decontestualizzate rispetto al Festival e arraffazzonate da un punto di vista squisistamente artistico, tese a far conoscere meglio Andrea e Bianca al grande pubblico.

Annedoti di “vita vissuta” citando un vecchio programma, balletti dallo spirito campanilistico, arricchiti da un “bel canto” supportato da improbabili playback. A quale scopo non si sa, dal momento che, almeno in linea di principio, alle due vallette o co-conduttrici che dir si voglia, si dovrebbe richiedere una conduzione garbata, piacevole senza troppi guizzi di personalità.

O almeno così dovrebbe essere nel corso di una kermesse canora, dove i conduttori, vallette comprese dovrebbero mettere la loro popolarità e le loro capacità al servizio del tema centrale del Festival.

Per dirla col claim di questa edizione del Festival di Sanremo, la parola dovrebbe andare alla musica!



Articoli che potrebbero interessarti


Sanremo 2008 scenografia @ Davide Maggio .it
SANREMO 2008 : LA PAROLA ALLA MUSICA


Megan Gale - Ieri e Oggi
SANREMO STORY: PATTY BRARD, CANNELLE, MEGAN GALE, FEDERICA FELINI…CHE FINE HANNO FATTO LE VALLETTE DEL FESTIVAL?


DM Chart, vota la valletta migliore del Festival di Sanremo
DM CHARTS SPECIALE SANREMO: VOTA LE MIGLIORI VALLETTE DEL FESTIVAL


Gianni Morandi
FESTIVAL DI SANREMO 2012: LA RISPOSTA DI MORANDI ALLE POLEMICHE SULLE VALLETTE E SU SANREMO SOCIAL

20 Commenti dei lettori »

1. Mauro ha scritto:

1 marzo 2008 alle 15:31

Saro ripetitivo,ma io credo fortemente che la scelta delle “”vallette”" questanno sia stata sbagliata.. Andrea Osvart e Bianca Guaccero, le due ragazze sono troppe anonime e sconosciute al grande pubblico e di conseguenza non creano quella curiosit e quel pettegolezzo che caratterizza Sanremo,parlo di vedere cosa indossano ogni sera e di vedere se fanno qualche gaff..manca quell attesa che lanno scorso era presente con Michelle Hunziker e con le altre vallette.



2. Davide Maggio ha scritto:

1 marzo 2008 alle 16:49

@ Mauro : in realt la Hunziker lanno scorso fu leccezione. Pippo ha sempre preso sul palco delle attrici brave ma non ancora conosciute dal grande pubblico. Sanremo serviva proprio a lanciarle definitivamente. Ricordo ad esempio Claudia Koll. Credo che la Osvart rappresenti una continuazione della politica di Baudo, la Guaccero, al contrario, era gi troppo conosciuta rispetto allo standard festivaliero di Pippo (per le vallette).



3. Teo ha scritto:

1 marzo 2008 alle 19:14

Davide io continuo a sostenere che anche se Sanremo si può consderare come unistituzione, deve essere innovato nella maniera che anche tu sostieni (mi permetto di dirlo avendo letto il tuo post precedente)…….



4. Astrix ha scritto:

1 marzo 2008 alle 22:25

posso dire…nessuna delle due? eh s che sono pugliese e dovrei dire Bianca Guaccero, però mi spiace dirlo ma non mi è piaciuta. sono state anonime tutte e due. vallettine, senzinfamia e senza lode.



5. Mauro ha scritto:

2 marzo 2008 alle 00:26

Si ma Davide,ma queste due sono troppe anonime e non lasciano tracce,non riescano ad imporsi…



6. Davide Maggio ha scritto:

2 marzo 2008 alle 01:59

@ Astrix e Mauro : anche io mi aspettavo di più da entrambe. Pugliese?



7. Ale85 ha scritto:

2 marzo 2008 alle 09:29

Il momento che mi ha commosso del Festival è stato quello con Sandra e Raimondo, che standing ovation hanno avuto!!!.



8. Mibemolle ha scritto:

2 marzo 2008 alle 12:08

nessuna delle due…. si puo?



9. Gordon Gekko ha scritto:

2 marzo 2008 alle 13:04

Ho letto una cosa su internet che mi ha lasciato interdetto.Evero che nella giuria di qualit cerano Mughini,Boncompagni ed Emilio Fede?????Ma stiamo scherzando?E Homer Simpson non cera?A questo punto ci sarebbe stato a pennello.Non credo sia gente che si intenda di musica,o sbaglio?Non dico che volevo Gustavo Dudamel in giuria,ma almeno qualcuno che sapesse suonare qualcosa in più di un citofono avrebbe dato più lustro alla definizione “”di qualit “” (qualit e Boncompagni vanno a braccetto proprio…).O almeno qualche buon discografico,mah.Per forza che Sanremo è stato un disastro.Il re è nudo…



10. piccololord84 ha scritto:

2 marzo 2008 alle 15:07

Ma io non darei tanto la colpa alle vallette.Purtroppo quello è lo spazio che Baudo ha sempre concesso alle vallette,quindi non è che loro potessero osare o fare chiss cosa. Quando Bianca ha cercato di ironizzare o altro,è stata addittata perchè aveva perso 5minuti per presentare un cantante. A me la Guaccero è piaciuta: genuina,spontanea,ironica,bella e capace. Potrebbe tranquillamente farsi notare di più in un programma televisivo a fianco di chi le da il giusto spazio. Su Andrea devo ammetterlo,non mi esprimo,ma sar che io sonop contro tutte queste vallette straniere. Io cavrei visto benissimo alla conduzione come vallette Ambra Angiolini e Maddalena Corvaglia o perchè no una Canalis con la Littizzetto.



11. sergio ha scritto:

2 marzo 2008 alle 16:24

umh.. ho gi avuto modo d dire che nn sn mai uscito pazzo per sanremo (ftt eccezione delledizioni d paolo bonolis e d fazio che ho seguiti cn molto entusiasmo..). qll d questanno poi proprio nn si poteva vedere!! anzitutto cinque serate sn troppe.. tre basterebbero e avanzerebbero.. poi baudo ormai ha stancato.. chiambretti lunica cs che d ttt lambaradam mi è garbata d +!! canzoni e cantanti assolutamente fuori luogo, la scenografia mi ha un tantino lasciato a desiderare, le due vallette ttt sommato potevano andare bene.. e poi sinceramente ragazzi.. a me è proprio il festival che ha stancato!! ttt qste manifestazioni nn sn più appuntamenti che si rinnovano annualmente e che la gente attende cme una volta!!



12. Davide Maggio ha scritto:

2 marzo 2008 alle 16:24

@ Gordon Gekko : anche io sono rimasto abbastanza interdetto quando è stata presentata la giuria di qualit . Poi ho riflettuto e ho pensato che è giusto che che la musica e i suoi interpreti siano valutati sotto tutti i punti di vista, anche da quello nazional-popolare. Però per questo cera gi il televoto e la giuria di qualit doveva essere composta in maniera differente. Esperti con la E maiuscola; @ piccololord84 : in realt io credo, invece, che lo spazio sia stato decisamente maggiore rispetto al passato e ho criticato proprio questo. Esibizioni che mi son parse come delle occasioni per mettere in mostra delle qualit che tra laltro non cerano. Uno spettacolo nello spettacolo che avrei riservato ad altre occasioni.



13. Gordon Gekko ha scritto:

2 marzo 2008 alle 17:33

Il televoto poi è stato il colpo di grazia!!!In pratica chi ha cantato dopo mezzanotte penso sia stato molto penalizzato.Non lho visto ma comprendo perfettamente il perchè del fallimento.Se lo sono cercato.E proprio sicuro il signor Pippo Baudo di aver fatto un Festival di qualit ?A me sembra solo un gran casino!!!



14. vicio80 ha scritto:

2 marzo 2008 alle 23:42

A me sono piaciute.Sicuramente sono state poco valorizzate e quindi hanno potuto dimostrare poco ma in quel poco che le ho viste mi sono piaciute.Bianca Guaccero un pò di più. Riguardo la giuria di qualit dice bene Magalli(della quale era componente)che dice che accanto alla parola qualit cera uno spazio vuoto sul quale ognuno poteva aggiungere lepiteto che preferiva.Io ho seguito la serata e tra tutti i giurati quello che proprio non ho sopportato è stato Fede che ha dato quasi a tutti un 6 politico.Sembrava l per forza.Riguardo le canzoni rettifico il mio commento in un altro post.Dopo diversi ascolti sono diverse le canzoni che mi sono piaciute.



15. sanjai ha scritto:

2 marzo 2008 alle 23:50

io le ho trovate tutte e due inadeguate.sembravano fuori posto.di meno la guaccero che nelle ultime due serate sè ripresa.la osvart più di una volta sbagliava lunica cosa che doveva fare:chiamare i cantanti sul palco.(più di una volta è successo che leggesse tutta la scheda che aveva davanti,per esempio invece che dire “”gianluca grignani”",diceva “”gianluca grignani,cammina nel sole,dirige lorchestra il maestro fio zanotti,codice x”"…e intanto ancora doveva aprirsi la porta in cima alla scala). poi ho trovato inutili quei balletti che le due hanno fatto durante le serate.non avevano niente a che fare col contesto,posticipavano soltanto linizio del dopofestival. @gordon gekko:anche se non è argomento del post ti rispondo alla questione televoto.è vero che è penalizzante esibirsi dopo una certa ora…per questo lordine di esibizione è estratto da un notaio.ma daltra parte non si può fare diversamente.tanto che nessuno ha mai criticato il televoto a sanremo(introdotto nel 2004 nelledizione ventura



16. Laura B ha scritto:

3 marzo 2008 alle 12:08

La Osvart è stata indubbiamente algida e impacciata ma glielo si può perdonare perchè la sua grazia e la sua bellezza hanno fatto il resto. Quello che non ho accettato, e qui perdonatemi se tiro una bachettata alla brava Bianca Guaccero fintantochè e sul set…, è stato il suo atteggiamento sguaiato sul palco che poco si lega al festival. Risate sguaiate fuori luogo, movimenti di braccia fuori luogo,poca grazia insomma. non si può stare sul palco dellariston con un braccio appoggiato sul cavalletto del microfono ( o come si chiama…) e laltro sul fianco in perfetta posa “”anfora”", non siamo a casa. Insomma, ho visto pose e atteggiamenti veramente non da palco dellAriston e gli abiti di Cavalli da soli non bastano a fare una donna elegante.



17. Dario 7sere ha scritto:

3 marzo 2008 alle 16:15

INDUBBIAMNETE MEGLIO LA MORA, PIU SOLARE MA SOPRATUTTO MADE IN ITALY



18. Lucien ha scritto:

5 marzo 2008 alle 02:17

Di sicuro la loro immagine non fa male, per fortuna sono belle entrambe, ma inspiegabilmente Baudo le lasciava parlare più volentieri della svizzerotta dello scorso anno. Baudo vuole apparire il padrino artistico dogni personaggio che sale sul palco, ma le due vallette (perché quello sono) il meglio lo davano quando interagivano con Chiambretti. Mi ricordo un episodio del marted sera, quando la Osvart allineatasi con una squadra ospite mentre Baudo li passava in rassegna, ebbe a dire: “”Io non sono una concorrente”", tuttora credo non fosse una battuta.



19. mauro ha scritto:

6 marzo 2008 alle 23:51

Belle, brave e spigliate. Ma come?! Una volta tanto che a Sanremo si da un minimo spazio alle vallette cercando di cavare da loro un quid artistico -apertura, badate bene, effettuata da uno come Pippo Baudo, noto dittatore del palco (bravissimo però, sia chiaro) – e voi che fate? cercate il pelo nelluovo, a cominicare da Davide Maggio a cui vanno i miei complimenti per il sito. Ok, magari qualche siparietto sar stato cos cos, ma nel complesso le due ragazze hanno dimostrato di avere talento e spigliatezza. A mio avviso da promuovere, come peraltro, va promosso il festival nel suo insieme. Baudo e Chiambretti sono stati bravissismi, il festival è stata una messa cantata decisamente meno noiosa del solito. Una sola critica, che va estesa anche alle precedenti edizioni: manca suspense intorno alla gara, non cè il senso della sfida, cosa che ad Amici, ad esempio, abbonda e si vede. Forse il fatto è che la musica è scarsina è un fattore penalizzante. m.



20. Annarè ha scritto:

9 marzo 2008 alle 17:50

Mah… io nn ho seguito in maniera “”accanita”" il festival… forse perchè ha un pò stancato? Dai ragazzi… non si può sentire ancora Little Tony… ci vorrebbero cantanti un pò meno “”preistorici”" come Ramazzotti, Pausini, Ferro… verrebbe seguito molto di più…Delle vallette invece nn ho da dire niente… brave al punto giusto e secondo me la Guaccero non è stata per niente “”sguaiata”" nelle risate e quegli attegiamenti forse li assumeva per sentirsi meno a disagio o cmq per cambiare un pò la solita “”routine”" di pose (per Laura B)… Baudo meglio ke si ritira… lanno prossimo vorrei vedere un Paolo Bonolis o una (perchè no) Luciana Litizzetto come conduttori… ci sarebbero più momenti divertenti… o no???



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.