18
gennaio

Rai 2: dopo il successo con Celentano, il 28 gennaio «C’è Grillo». Poi speciali su Benigni, Funari e Tortora

Beppe Grillo

Beppe Grillo

C’è (stato) Celentano, ma ci saranno altri personaggi che, a loro modo, hanno scritto pagine ‘cult’ della tv italiana. E’ questa l’idea di Carlo Freccero per la sua Rai 2 che, dopo il successo dello scorso 5 gennaio con lo speciale dedicato al Molleggiato (14.4% di share), ripropone il format con altri protagonisti.

Il prossimo sarà l’ex comico e politico Beppe Grillo in C’è Grillo, in onda in prime time lunedì 28 gennaio. L’obiettivo del neo direttore della seconda rete Rai, oltre quello di ripercorrere le vite sul piccolo schermo di personaggi italiani che hanno segnato un’epoca in tv, è anche di colmare alcuni vuoti di palinsesto nei mesi di gennaio e febbraio con una programmazione – si legge in una nota Rai – “di qualità”.

Il prossimo, dunque, sarà Grillo. Poi spazio a Roberto Benigni, Gianfranco Funari ed Enzo Tortora, di recente ‘omaggiato’ da Antonella Clerici con la nuova edizione di Portobello.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,



Articoli che potrebbero interessarti


Beppe Grillo
C’è Grillo, polemica sui 30mila euro di diritti. Freccero precisa: «Non vedo lo scandalo, il programma è costato davvero poco»


Carlo Freccero.
C’è Grillo, Freccero scatenato: «E’ costato 40mila euro, quanto un caffè di Fazio. Ciannamea (palinsesti Rai) ragiona in maniera leninista»


Carlo Freccero
Carlo Freccero: «La mia Rai 2 inizia adesso. Da Fazio mi aspetto l’8%. Ventura a nozze con i fichi secchi ma ce la farà. Detto Fatto spostato per tutelare Rai 1»


Adriana Volpe
Adriana Volpe tuona di nuovo contro Freccero: «Una Rai 2 in ginocchio e non si fa niente»

1 Commento dei lettori »

1. Cugino ha scritto:

19 gennaio 2019 alle 07:43

Sarebbe bello riproponesse la puntata di Unici dedicata a Non Stop, che andò in onda durante le feste di Natale ed è passata quasi sotto silenzio.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.