10
ottobre

Will & Grace ritorna con matrimoni, David Schwimmer e le battute di Karen sull’Italia

will and grace

Debra Messing e David Schwimmer

Non tutti i revival riescono: i tempi cambiano e il pubblico spesso non apprezza. Non è il caso, però, di una delle serie più amate degli anni 90 e 2000. Will & Grace è tornato nella passata stagione televisiva con una nuova serie dopo più di un decennio (11 anni per l’esattezza) da quella che sembrava la fine. Dopo aver ottenuto un discreto riscontro negli Stati Uniti, la serie è ricominciata lo scorso 4 ottobre sull’emittente americana NBC per una seconda stagione di revival. E, se non bastasse, la realizzazione della terza è stata già annunciata.

Storicamente molto legata a temi come i diritti civili e la satira politica, la prima stagione del rilancio (la nona, considerando anche il passato) ha avuto la capacità di mantenere la caratterizzazione dei personaggi, mai parodia di se stessi, dialoghi divertenti e soprattutto l’ironia di sempre. Così si sono visti continui riferimenti e critiche alla presidenza Trump e alle politiche economiche e sociali attuate dal suo governo. In prima linea quando si tratta di frecciate e battute satiriche è la mitica Karen Walker (qui la nostra intervista alla sua interprete) che per il primo episodio della decima stagione usa la sua affilata dialettica, in due occasioni, per menzionare il Belpaese. La prima in riferimento a un chirurgo estetico dal nome nostrano:

Come puoi insinuare – dice la repubblicana Karen a Will - che io sia stata da un dottore italiano?”.

E la seconda, poco dopo:

“Di solito, rovinare una azienda italiana avrebbe rallegrato la mia giornata”.

Il gioco è abbastanza esplicito e prende due piccioni con una fava, lanciando frecciatine non troppo velate sia a livello nazionale, ancora verso l’autarchia di Trump, che a livello internazionale. Una metafora dei dazi che colpiscono il made in Italy, dunque, ma anche altro, legato al contesto socio-economico del nostro Paese.

Will & Grace 10: anticipazioni

Nelle nuove trame di Will & Grace 10 si annunciano divorzi e nuove frequentazioni, a partire da quella di Grace con un nuovo cinico personaggio incontrato già all’inizio del primo episodio e interpretato da David Schwimmer, l’amato Ross di Friends. Inoltre, pare evidente che, nella sitcom della singletudine per antonomasia, ci saranno dei matrimoni. Non a caso la tagline finale del promo recita: “Being single is so last season”Essere single fa tanto stagione passata.

Chi si sposerà? In pole position c’è il fidanzatissimo Jack ma sono da tener d’occhio anche il ritorno di Alec Baldwin nei panni della vecchia fiamma di Karen, Malcolm, e l’arrivo di Matt Bomer che apparirà in qualità di guest star nel ruolo di un anchorman che inizia a frequentare Will.

La decima stagione di Will and Grace arriverà nei prossimi mesi su Premium Joi e Infinity (probabilmente tra febbraio e marzo 2019).



Articoli che potrebbero interessarti


Megan Mullally karen will and grace
Intervista a Megan Mullally di Will & Grace: «Karen è rimasta la stessa, orribile e amabile, terribile e grandiosa». All’inizio avrei dovuto interpretare…


willegrace
Will & Grace sono tornati! Su Infinity il divertimento è assicurato con le otto stagioni complete e il nuovo revival della sitcom più amata


Fabio Fazio
Pagelle TV della settimana (9-15/10/2017). Promosse Antonella Elia e Simona Izzo. Bocciati gli alibi di Che (Fuori) Tempo Che Fa


NUP_179307_0128.jpg
Will & Grace: i 30 sono i nuovi 40?

1 Commento dei lettori »

1. giacomo bartoluccio ha scritto:

10 ottobre 2018 alle 14:43

la vecchia voce di karen è insostituibile. Seppur brava la nuova doppiatrice non arriva ai livelli della voce ha ha veramente portato al successo il personaggio, che purtroppo è venuta a mancare.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.