1
giugno

Governo Conte al via: entro un mese le nuove nomine Rai

Giuseppe Conte

Dopo il fischio d’inizio dell’arbitro Mattarella, il nuovo governo guidato da Giuseppe Conte entrerà finalmente in partita. Tra i primi banchi di prova per l’inedita formazione giallo-verde ci sarà il rinnovo dei vertici di Cdp, Autorità per l’Energia, Antitrust. E poi ci sarà il nodo cruciale della Rai, visto che il 30 giugno prossimo scadranno i mandati dell’attuale CdA e del DG Mario Orfeo.

Come noto, qualsiasi governo ha sempre considerato decisivo il tassello del servizio pubblico. E così sarà anche per il nuovo esecutivo, sebbene pentastellati e leghisti in passato avessero garantito di volersi approcciare in modo diverso agli oneri (ed onori) del rinnovo. Al di là delle promesse e dei buoni propositi, però, i nuovi arrivati dovranno attenersi alla legge Renzi di riforma della Rai, che ha recentemente modificato i criteri di nomina.

Secondo la norma, il Direttore Generale (con funzioni di Amministratore Delegato) verrà sempre nominato dal Ministero dell’Economia in qualità di azionista di maggioranza dell’azienda pubblica. L’incombenza, dunque, spetterà al neo-ministro del Tesoro Giovanni Tria. Cambierà invece qualcosa nella designazione dei 7 consiglieri del CdA (non più 9 come in passato).

Due di essi saranno designati dal Consiglio dei ministri su proposta del ministero dell’Economia. Due verranno eletti dalla Camera e altri due dal Senato. Ogni deputato e senatore potrà votare un solo consigliere Rai. In Parlamento, la maggioranza giallo-verde potrebbe teoricamente avere i numeri per aggiudicarsi anche tutti e quattro i consiglieri di nomina ‘politica’.

Bisognerà però vedere se M5S deciderà di proporre candidati politici o se sceglierà – come teorizzato in passato e come avvenuto per la nomina di Carlo Freccero in quota grillina – personalità selezionate in base al curriculum. D’altra parte, la Lega potrebbe – sempre in linea teorica – concordare la nomina di un consigliere con gli alleati (esterni al governo) di centrodestra. Solitamente, poi, la prassi parlamentare prevede che anche alle minoranze sia concessa una rappresentanza nel CdA Rai: il ‘governo del cambiamento’ si atterrà a questa consuetudine o la archivierà?

All’appello manca infine un consigliere, che verrà scelto dai dipendenti del servizio pubblico. La scadenza per la presentazione delle candidature era fissata per il 31 maggio 2018. Per candidarsi occorrevano tre anni di anzianità aziendale, almeno 150 firme o la presentazione delle organizzazioni sindacali firmatarie del contratto di lavoro della Rai SpA. Il consigliere eletto aggiungerà al proprio stipendio un gettone da 66mila euro, ma dovrà restare complessivamente sotto il tetto dei 240mila euro.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,



Articoli che potrebbero interessarti


Un Posto al Sole
CdA Rai: approvati i contratti per gli highlights della Serie A e «Un Posto al Sole»


Riccardo Laganà
Presidenza Rai: il Cda boccia Riccardo Laganà. La decisione slitta a settembre


Alberto Barachini, Presidente Vigilanza Rai
Rai, la Vigilanza pressa il CdA: «Indicare un nuovo Presidente». Delibera attesa per oggi


Marcello Foa rai
Marcello Foa Presidente Rai: via libera del CdA. Ora manca l’ok della Vigilanza

6 Commenti dei lettori »

1. aleimpe ha scritto:

1 giugno 2018 alle 16:58

Come AD vedrei bene Flavio Cattaneo e come consigliere, che verrà scelto dai dipendenti del servizio pubblico Bruno Vespa.



2. RoXy ha scritto:

1 giugno 2018 alle 17:15

La Rai sarà la vera prova di intelligenza di questo nuovo governo.

E’ necessaria infatti una massiccia opera di derattizzazione, in primis delle redazioni dei TG che in tutti questi anni sono state sapientemente infestate da servili pennivendoli al saldo del regime PDiota, il cui apice è stato raggiunto durante il fulgore degli anni del regime dell’ex Caro Leader, ex-Reuccio di Rignano sull’Arno.

Non basrerà infatti nominare direttori di TG vicini alle posizioni del governo, come erroneamente fatto ad esempio nel Governo di Berlusconi con Minzolini direttore del TG1. Il poveretto non poteva far nulla, aveva costantemente tutta la redazione contro, gli impedivano di lavorare liberamente facendo ricorso a continue assemblee di redazione, scioperi e quant’altro i pennivendoli rossi ruscivano a fare per ostacolarlo, il tutto culminò con una ulteriore gogna nei tribunali rossi in cui il poveretto venne ripetutamente condannato e dunque trattato come un traditore della patria.

Il lavoro da fare dunque è immenso, spero ne siano capaci perché stanare tutti questi servi insidiati a mo’ di cancrena nella Rai non sarà facile.



3. Joseph ha scritto:

1 giugno 2018 alle 17:16

Mentana al Tg1, Porro al Tg2, Padellaro al Tg3 con Travaglio e Belpietro opinionisti fissi in ogni talk Rai. Occupazione in avvicinamento.



4. aleimpe ha scritto:

1 giugno 2018 alle 18:14

Vedrei bene Mario Giordano in un tg Rai…



5. tim ha scritto:

2 giugno 2018 alle 13:32

freccero ovunque, please!



6. w.raiuno ha scritto:

3 giugno 2018 alle 15:33

AD Flavio Cattaneo vicino alla Lega, Presidente Freccero please!!!! lui conosce la tv,puo’ dare consigli al dg Rai ……



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.