Lega



13
ottobre

Report, Lega all’attacco preventivo: «Accanimento mediatico, becera propaganda politica»

Report, Sigfrido Ranucci

Un tempo le polemiche contro le inchieste televisive scattavano (eventualmente) all’indomani della loro messa in onda. Ora invece il biasimo è addirittura anticipato, preventivo. A una settimana dal debutto della nuova stagione di (fissato per lunedì prossimo, 19 ottobre) la Lega ha già puntato il dito contro la trasmissione di Rai3, chiamando in causa la Commissione di Vigilanza del servizio pubblico. Il motivo? Un’annunciata inchiesta sulla gestione dell’emergenza sanitaria da parte del governatore della Lombardia, Attilio Fontana.




14
maggio

La Lega querela Federica Sciarelli: «Non tollereremo squadrismo mediatico»

Federica Sciarelli

Federica Sciarelli

La Lega ha deciso di querelare Federica Sciarelli. Ad annunciarlo, durante il suo intervento in commissione di Vigilanza Rai, dove è in corso l’audizione del presidente dell’Agcom Angelo Cardani, è il deputato del Carroccio e segretario della bicamerale Massimiliano Capitanio.


18
ottobre

Claudio Borghi (Lega): «Non siamo riusciti a fare uscire Fazio dalla Rai». La reazione del conduttore: «Inaudito!»

Fabio Fazio

Fabio Fazio

Fabio Fazio retrocesso da Rai 1 a Rai 2 fa ancora discutere. A buttare nuova benzina sul fuoco c’ha pensato Claudio Borghi, presidente leghista della Commissione Bilancio della Camera:

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,





11
aprile

Rai, la Lega critica Salini. M5S all’attacco: «Pressioni inaccettabli»

Fabrizio Salini

L’approvazione del Documento di Economia e Finanza (Def) non è bastata a stemperare le tensioni tra Lega ed M5S. In vista delle ormai prossime elezioni europee, non passa giorno che i due partiti di governo non si lancino frecciate e non marchino il territorio con qualche polemica. L’ultimo scontro, risalente alle scorse ore, riguarda la Rai ed in particolare il dell’AD Fabrizio Salini.


12
ottobre

Matteo Salvini frena i suoi sul caso Parodi: «Passiamoci sopra, siano gli altri a fare polemiche»

Matteo Salvini

Matteo Salvini stempera i toni e chiede ai suoi di evitare inutili polemiche. Intervenendo sulle critiche politiche espresse da Cristina Parodi nei suoi confronti, il vicepremier ha assicurato che chiederà ai colleghi della Lega di soprassedere. Questi ultimi, infatti, avevano replicato alla conduttrice in modo polemico chiedendone addirittura le dimissioni dal servizio pubblico

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,





1
giugno

Governo Conte al via: entro un mese le nuove nomine Rai

Giuseppe Conte

Dopo il fischio d’inizio dell’arbitro Mattarella, il nuovo governo guidato da Giuseppe Conte entrerà finalmente in partita. Tra i primi banchi di prova per l’inedita formazione giallo-verde ci sarà il rinnovo dei vertici di Cdp, Autorità per l’Energia, Antitrust. E poi ci sarà il nodo cruciale della Rai, visto che il 30 giugno prossimo scadranno i mandati dell’attuale CdA e del DG Mario Orfeo.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,


5
febbraio

Diritti TV Serie A 2018/2021 assegnati a Mediapro. Sky infuriata: diffida la Lega e fa ricorso

Diritti TV Serie A

Diritti TV Serie A

Clamoroso al Cibali! La Lega ha assegnato agli spagnoli di Mediapro i diritti tv della Serie A per trasmettere le prossime tre stagioni, dal 2018 al 2021. Sky e Mediaset, dunque, restano fuori dai giochi, con i vertici della pay satellitare infuriati; hanno già mandato una diffida e annunciato l’imminente ricorso.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , , , ,


30
gennaio

Diritti TV: la Serie A 2018/2021 resta in bilico ma si lavora «per fare in modo che Mediaset e Sky possano rientrare in corsa»

Diritti TV Serie A 2018/2021

Diritti TV Serie A 2018/2021

Mentre il calcio italiano attende di conoscere il nuovo numero uno della Figc dopo la fumata nera di ieri per l’elezione del successore di Carlo Tavecchio (si va verso l’inevitabile commissariamento, con la nomina dell’attuale presidente del Coni Giovanni Malagò), anche la partita dei diritti tv della Serie A per il triennio 2018/2021 è nel pieno caos. Dopo l’annullamento della prima asta, sono state respinte le nuove offerte di Sky e Mediaset, giudicate troppo basse dalla Lega, che lunedì 5 febbraio prenderà delle decisioni in merito alla trattativa con Mediapro.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , , ,


  • Pagina 1 di 2
  • 1
  • 2
  • »