25
gennaio

Antonella Clerici a L’Intervista: «Elisa Isoardi mi ha fatto soffrire ma non per colpa sua. Con Mara Venier delle litigate storiche, tremavano i muri»

Antonella Clerici e Maurizio Costanzo

Antonella Clerici e Maurizio Costanzo

Antonella Clerici nella tana di Mediaset. Questa sera la boccoluta conduttrice sarà ospite di Canale 5 per raccontarsi a L’Intervista di Maurizio Costanzo. Molti gli argomenti toccati, nell’appuntamento già registrato, si va dalla vita privata a quella professionale. In particolare, Antonella ha parlato del rapporto con le colleghe. Incalzata da Costanzo su chi, tra le donne comparse sul led, le avesse fatto del male risponde citando Elisa Isoardi:

«Sicuramente mi ha fatto soffrire Elisa Isoardi ma non per colpa sua, poveretta, perché lei era una giovane ragazza a cui hanno affidato un programma come “La Prova del Cuoco”, chi avrebbe detto di no? Nessuno. Però io soffrii molto perché avevo appena avuto la mia bambina, pensavo poi di ritornare a lavorare a “La Prova del Cuoco” e invece ci fu un veto…».

Il giornalista poi le domanda di Mara Venier, con la quale è noto ci furono degli attriti:

«Con Mara ho fatto delle litigate storiche, una litigata a “Domenica In” che tremavano i muri, perché io venivo dal successo de “La Prova del Cuoco” e quindi erano anni di crescita professionale importanti, lei tornava a ”Domenica In” dopo un lungo periodo di assenza…chiaramente metti due prime donne insieme, qualcosa deve succedere…».

Il rapporto con Eddy Martens

Privato ma con forti ripercussioni sul lavoro, il rapporto con Eddy Martens. A Costanzo che suggerisce che l’ex animatore belga si sia approfittato di lei, la neo conduttrice di Sanremo Young replica:

«Forse la parola approfittare non è giusta… lui certamente soffriva molto la mia personalità e la mia presenza, lui voleva brillare di luce sua».

Le molestie

Inevitabile poi una domanda sull’argomento caldo di questi giorni, le molestie. Antonella racconta la sua esperienza:

«E’ capitato a tutti che qualcuno ti facesse delle allusioni, poi forse ai miei tempi erano più velate. Però secondo me intanto non bisogna mai trovarsi in situazioni particolari, per cui quando avevo un appuntamento preferivo prenderlo in un ufficio negli orari di lavoro e non la sera tardi. E poi si può sempre dire di no. Poi io avevo una tecnica formidabile, facevo la finta tonta, fingevo di non capire e poi me ne andavo… Non è mai capitata una situazione in cui uno ti mettesse le mani addosso, non so come avrei reagito però mi è capitato che uno mi facesse una proposta, credo un produttore… mi disse vorrei qualcosa in cambio da te, mi fece capire che cosa voleva. Io gli dissi: questa è la cassetta, gliela buttai addosso e me ne andai».

La perdita di sua madre

Spazio poi agli affetti con una Clerici particolarmente coinvolta al visionare nella “scatola” le immagini di sua mamma.

«Eh sai… mia mamma è morta alla mia età di oggi. Era una donna bellissima, molto più bella di me. Lei ha sempre creduto in me anche osteggiandomi eh… avevo un rapporto molto conflittuale [...] E’ come se ci fosse sempre, io ci penso sempre… quando ho delle gioie mi vien voglia di telefonarle. Quando è nata mia figlia ho messo la sua foto sul comodino dell’ospedale, la guardavo e dicevo “sono diventata mamma anche io”».

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


I Ferragnez
Maurizio Costanzo riparte con «L’Intervista» a Fedez


Antonella Clerici
Portobello, Antonella Clerici: «Sarà come la gente se lo ricorda. Non sono ossessionata dagli ascolti»


Antonella Clerici
Portobello: Antonella Clerici e i pappagalli protagonisti del promo – Video


Antonella Clerici Portobello
Portobello: si lavora al ‘mercatino’ di Antonella Clerici. Ecco chi stanno cercando

10 Commenti dei lettori »

1. RoXy ha scritto:

25 gennaio 2018 alle 13:37

“Poveretta” lo dici a tua sorella o alla moglie del tuo agente! Non sei nessuno, e tra poco te ne accorgerai.



2. Sabato ha scritto:

25 gennaio 2018 alle 14:46

Roxy, ma che problemi hai?! Stai vomitando odio addosso a Bonolis e alla sua famiglia da giorni ed ora te la prendi con la Clerici, manco ti avessero investito il gatto. Ripigliati, dai il giusto peso alle cose!



3. aaaaa ha scritto:

25 gennaio 2018 alle 16:12

qualcosa mi dice che RoXy è leggermente un/una frustrato/a.



4. Mattep ha scritto:

25 gennaio 2018 alle 18:38

Mi pare che tutto sommato non abbia detto nulla di male contro la Isoardi.



5. Gianni ha scritto:

25 gennaio 2018 alle 18:52

Roxi ma uno o una che ti piace? Dobbiamo tornare indietro a Nunzio Filogamo o pure quello era un po’ stronzo?



6. Patrick ha scritto:

26 gennaio 2018 alle 02:52

Roxy, seriamente, dici di poterti arrogare il diritto di criticare questo e quello senza per forza avere delle questioni irrisolte ma te la stai proprio raccontando alla grande, la realtà è che dietro cotanti commenti così inaciditi si nasconde una profonda e seria frustrazione personale, anche malcelata, chissà mai a che sarà dovuta.
Fattela una domanda se nella vita non sei nessuno, a differenza di chi ce l’ha fatta, e l’unico consiglio che posso darti è quello di rivolgerti a un bravo psicologo, perché stare qui tutti i giorni a vomitare odio nei confronti di persone che nemmeno conosci (ieri era la moglie di Bonolis, oggi la Clerici, mesi fa ce l’avevi con qualcun altro, non ricordo il nome) è a dir poco patologico e seriamente patetico.



7. R101 ha scritto:

26 gennaio 2018 alle 13:29

Ma poi Roxy esiste oppure no?!?!🤔🤔🤔



8. Patrick ha scritto:

26 gennaio 2018 alle 13:31

Beh, R101… qualcuno che scrive ci sarà sicuro dietro quel profilo, il punto è che chiunque sia, è una mente decisamente irrisolta e frustrata.



9. R101 ha scritto:

26 gennaio 2018 alle 13:35

Una curiosità…ma è l’articolo di Ida Di Grazia scritto
per il messaggero.it è ripreso da Dagospia.
O Dagospia ha sbagliato citazione?🤔



10. R101 ha scritto:

26 gennaio 2018 alle 13:38

* e



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.