23
novembre

Pagelle TV della Settimana (13-19/11/2017). Promossi RTL e Minetti, bocciati Insegno e Insinna

Jeremias Rodriguez

Jeremias Rodriguez

Promossi

9 a RTL. L’emittente radiofonica capeggiata da Lorenzo Suraci, anche col nuovo metodo di rilevazione, si conferma la più ascoltata d’Italia staccando le rivali, compresa Radio Rai che non ne esce benissimo (qui la classifica completa). Merito del successo, oltre all’assenza di snobismi, è anche la vetrina televisiva in grado di ottenere interessanti (nano) share.

8 ad Annalisa Minetti. La cantante è tra le concorrenti più apprezzate di Tale e Quale Show. Incinta e non vedente, eppure non sbaglia mai un’imitazione.

7 a Francesco Facchinetti. Quatto quatto l’ex deejay, prima osannato poi accantonato dalla tv, sbarca su Netflix commentando per l’Italia il reality Ultimate Beastmaster. Non è il prime time di Rai1 o Rai2 che ha assaporato in passato ma comunque una posizione che avrebbe fatto gola a molti.

6 all’accordo tra Milena Gabanelli e Urbano Cairo. Diciamo che avremmo voluto più di qualche semplice ospitata su La7.

Bocciati

5 a Jeremias Rodriguez che diserta l’ospitata a Domenica Live. D’accordo, si è liberi di andare dove si vuole evitando magari programmi non certo teneri nei propri confronti; tuttavia, tralasciando l’opportunità di confronto, l’assenza sembra un privilegio garantito solo dallo status di “fratello di”. Non è dunque un buon modo per affrancarsi dall’ingombrante Belen.

4 al postpartita bonsai di Italia-Svezia con Rai Sport che deve lasciare libero il campo a Che Fuori Tempo Che Fa (con evidenti ripercussioni sugli ascolti di Rai1). Comprensibili le proteste dei giornalisti.

3 al binomio musica – Real Time. Fatichiamo a comprendere il motivo per cui il canale 31 si ostini a puntare sulle sette note con gli speciali Radio Italia che vanno male in ascolti e stonano con un’identità dai contorni sempre più sbiaditi. Se ha floppato pure lo speciale con Tiziano Ferro in prima serata, cosa potrebbe andar meglio?

2 a Pino Insegno. Il conduttore si scaglia duramente e in maniera poco elegante contro Aldo Grasso per una critica mai uscita sul suo programma radiofonico. Doppia figuraccia.

1 a Flavio Insinna. Scelto dopo lo “scandalo dei fuorionda” per condurre una serata all’insegna della solidarietà, il conduttore, in un periodo in cui dovrebbe essere più diplomatico e gentile della norma, se la prende con un giornalista, colpevole di portargli sfortuna e di aver scritto male di lui. P.S.: Ma perchè la Rai non si è pubblicamente scusata con il giornalista? Bastava un tweet proprio come quello che l’allora direttore di Rai 1 fece per sostenere Insinna.



Articoli che potrebbero interessarti


Gerry Scotti
PAGELLE TV DEL 2013: I PERSONAGGI


Sara Tommasi Bin Laden, pagelle
LE PAGELLE DELLA SETTIMANA TV (13-19/06). PROMOSSI IL BOSS DELLE TORTE E SOS TATA, BOCCIATE LA CENSURA DI ITALIA 1 E L’ESTATE DI RAI1


Carmen Di Pietro e Malgioglio
Pagelle TV della Settimana (2-8/10/2017). Promossi Bocelli e Carmen Di Pietro. Bocciato Jeremias Rodriguez


Guess_my_age_03
Le Pagelle della Settimana TV (25-09/01-10/2017). Promosso Guess My Age. Bocciato Marco Predolin

10 Commenti dei lettori »

1. xxxxx ha scritto:

23 novembre 2017 alle 14:39

Concordo al 100% sull’1.
Ok, Jeremias è stato un personaggio discutibilissimo, ma non vedo perché criticarlo se non vuole andare dalla D’Urso.



2. giacomo bartoluccio ha scritto:

23 novembre 2017 alle 14:59

concordo tranne che per RTL, de gustibus la trovo una pessima radio, l’accoppiata Nicoletta De Ponti (antipaticissima speaker) Platinette la trovo poco sync. Dozzinale e qui un po’ di snobismo ci vuole la selezione musicale e i contenuti. Va il merito a differenza di altre radio (tanto per non fare i nomi radio deejay) di aver investito in frequenze e “multipiattaformicità” con una radiovisione che ne ha fatto la sua fortuna.

concordo in pieno su Cairo Gabanelli, si poteva fare di più. Un po’ limitativo le ospitate per un personaggio di spessore come la giornalista cacciata dalla rai.

idem la musica su real time, non ci azzecca una mazza



3. Travis ha scritto:

23 novembre 2017 alle 15:23

Non sono d’accordo con quasi nulla. RTL, tra favoritismi e conflitti di interesse è una radio da rifare in toto: dalle voci alla programmazione.
Minetti sopravvalutata e favorita a TEQS.
Facchinetti meriterebbe di più ma per adesso una trasmissione del genere va benissimo.
Jeremias farebbe meglio a non presentarsi più e basta, non solo dalla D’Urso.
D’accordo solo sul’affaire Insinna.



4. Sergio ha scritto:

23 novembre 2017 alle 17:51

Minetti sopravvalutata??? Ma che trasmissione hai visto? Se la Minetti è sopravvalutata allora possono chiudere la trasmissione….
E poi basta con le critiche ad Rtl, sono ormai anni che è la prima radio d’Italia senza sconti sugli avversari, evidentemente anche se a voi non piace, ad altri 8 milioni e rotti di persone piace, quindi va bene così!



5. Srich ha scritto:

23 novembre 2017 alle 17:57

Oh, che bello, altra gente che trova orribile RTL e tutto il sistema che si è creato attorno, mi sento meno solo <3
Non concordo sul voto a Jeremias per l'assenza da DL, mentre giustissimo il voto a Insinna. L'altra volta è stato tirato in mezzo (anche se per sue colpe) con una bassezza, stavolta si è scavato la fossa da solo e la Rai doveva dissociarsi.



6. Patrick ha scritto:

24 novembre 2017 alle 02:44

Insinna ha clamorosamente floppato poi in quel programma (mi auguro che in fatto di beneficenza sia andato bene invece), il karma gli si è rivoltato contro in maniera più che sufficiente.
Gente così fastidiosa, cafona e maleducata non dovrebbe mai e poi mai più ripresentarsi in televisione, per questione di rispetto nei confronti dei telespettatori.



7. tina ha scritto:

24 novembre 2017 alle 13:30

Ho sempre detto che Insinna e’una faccia di merda



8. soralella ha scritto:

24 novembre 2017 alle 17:12

Non sapevo di tutto questo dibattito intorno a RTL, mi devo informare … Comunque a me piace.

Il problema di Jeremias non è andare o meno a DL, ma il fatto che si possa permettere capricci da grande star solo perchè è il fratello di …. Sicuramente i passaggi dei concorrenti eliminati attraverso tutto il palinsesto di Canale5 sono obbligati e probabilmente anche regolamentati a livello contrattuale, ma lui come al solito fa quello che gli pare (perchè lui è vero, non dimentichiamocelo!). Il fatto è che lui se non è tenuto per manina dalle sorelle non esce di casa, da Costanzo è andato a traino di Belen, e nelle altre trasmissioni andrà solo se Cecilia sarà con lui. Spero per lui che prima o poi nella vita si decida a fare qualcosa di diverso dal “fratello di …”, ma per adesso non mi pare ne abbia alcuna intenzione.



9. Srich ha scritto:

24 novembre 2017 alle 18:05

Ma se non sbaglio lo scorso anno disertò anche Bettarini, non è questione di essere fratello di.
O meglio, lo è nel senso che non ci va per i problemi tra Barbara e Belen, ma penso fosse ampiamente previsto dall’inizio (e chissà se è stato invitato davvero)



10. Pongo&Peggy ha scritto:

25 novembre 2017 alle 15:20

A parte che anche Bettarini è un gran miracolato per motivi di parentele, la situazione tra lui e la D’Urso è ben diversa. Hanno avuto una storia, non si sono lasciati per niente bene, lui l’ha pure citata nel famigerato elenco di conquiste ….. ovvio che lei a DL non ce lo volesse nemmeno dipinto e che lui non ci sarebbe andato nemmeno minacciato di morte.

Il caso di Jeremias è completamente diverso, semplicemente lui pensa di essere al di sopra di tutto e di tutti e di non essere tenuto a rispettare nessuna regola. Dalla Panicucci si è presentato in ritardissimo perchè dormiva e aveva ignorato la sveglia. Fosse per me, lo manderei a zappare la terra.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.