18
novembre

Quarto Grado, Rita Dalla Chiesa: «Totò Riina era un poveraccio che faceva ammazzare la gente. Per lui non ho pietà né voglia di vendetta» – Video

Rita Dalla Chiesa, Quarto Grado

Totò Riina pensava di avere un grande potere, ma in realtà era un poveraccio che faceva ammazzare la gente“. La pietra tombale sul capo di Cosa Nostra  – scomparso ieri all’età di 87 anni – ce l’ha messa Rita Dalla Chiesa, con parole sacrosante, inequivocabili. Solcate da tragici ricordi personali e in grado di interpretare il senso comune. La conduttrice e figlia del Generale Carlo Alberto Dalla Chiesa, ucciso dalla mafia nel 1982, le ha pronunciate ieri sera a Quarto Grado su Rete4, dove era ospite per parlare proprio della morte del boss di Corleone.

Lui (Riina, ndDM) pensava di aver raggiunto un grande potere, un impero, in realtà era un poveraccio, un poveraccio che faceva ammazzare la gente senza nemmeno probabilmente capire perché. Se lui avesse capito il senso della vita… Ha passato tutta la vita ad ammazzare gente, a nascondersi nelle campagne, nei tuguri, a non vedere la moglie ed i figli, a non godere di una vita normale. E tutto questo per finire tutta la sua vita in carcere. Di che cosa è stato così imperatore? Del male

ha affermato Rita Dalla Chiesa a Quarto Grado. Col volto come incupito e visibilmente scosso, la popolare conduttrice è poi tornata a parlare del boss condannato a 26 ergastoli, che in una intercettazione disse di ridere quando la vedeva in tv, perché era “appassionata con suo padre“:

Quella è una cosa che mi ha fatto molto male. Ma che posso fare? Io sto male, non posso far finta di niente (…) Dicono che bisogna avere pietà davanti alla morte. Io non ho pietà, non ho neanche voglia di vendetta, non gioisco, non brindo come invece ha fatto lui quando è morto mio padre. Lui si è vantato di aver dato il colpo di grazia a mio padre. Ho una somma di sentimenti che non riesco a far defluire in un unico senso“.

Di seguito, invitata dal conduttore Gianluigi Nuzzi ad individuare il principale enigma che il capo dei capi porterà con sé nella tomba, l’ex presentatrice di Forum ha parlato del suo rapporto con alcuni settori deviati dello Stato. “Ne sono convinta da sempre, dal giorno dopo che è stato ucciso mio padre” ha aggiunto.

Una testimonianza forte, pronunciata da una donna che ha purtroppo conosciuto in prima persona il dolore perpetrato per mano del boss di Corleone. E proprio alle vittime causate da quest’ultimo Rita ha rivolto il suo pensiero a Quarto Grado:

Nessuna delle persone che ha ammazzato ha avuto il conforto delle persone amate” ha affermato.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


DM Live24: 11 Febbraio 2010
DM LIVE24: 11 FEBBRAIO 2010


Gianluigi Nuzzi
Quarto Grado, Gianluigi Nuzzi riparte dal caso Ragusa. «Seguiamo solo la cronaca, non i sussulti emotivi»


Quarto Grado, Gianluigi Nuzzi
Quarto Grado: sentenza Bossetti in diretta, puntata speciale in prime time


Rita Dalla Chiesa
BOOM! Rita Dalla Chiesa a “Torto o Ragione? Il Verdetto Finale”

2 Commenti dei lettori »

1. Enzo ha scritto:

18 novembre 2017 alle 16:33

Rita Dalla Chiesa meriterebbe un programma su Rete4



2. Rosaria ha scritto:

19 novembre 2017 alle 03:54

Rita è una donna di grande classe e dovrebbe avere un programma tutto suo! Spero proprio he la Rai, o Mediaset, o La 7 ce la portino ancora dentro le nostre case, per noi è una di famiglia!



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.