6
settembre

CdA Rai: ok al contratto milionario con Fazio. Per Bruno Vespa, invece, compensi tagliati del 30%

Bruno Vespa

Tutte fregnacce. I discorsi sul tetto agli stipendi Rai e i solenni appelli alla sobrietà in busta paga, forse, erano solo un pour parler. A Viale Mazzini, infatti, l’austerità non vale per tutti: è di oggi la notizia che il CdA Rai ha dato all’unanimità il proprio ok al contratto con L’Officina di Fabio Fazio, il quale, in occasione del suo approdo sulla rete ammiraglia del servizio pubblico, riceverà una pioggia di milioni, sia in qualità di artista che di produttore dei suoi programmi. Allo stesso tempo però, la Rai ha rifilato una tranvata a Bruno Vespa, che subirà un taglio del suo compenso di oltre il 30%. C’è chi può e chi non può (guadagnare soldi a palate).

Nonostante le polemiche sorte sin da subito, prima ancora che i palinsesti della nuova stagione venissero presentati, la Rai ed il DG Mario Orfeo non hanno indietreggiato di un passo sul discusso compenso pattuito con Fabio Fazio e la sua società di produzione, L’Officina, istituita con Magnolia lo scorso luglio. Il CdA di Viale Mazzini ha dato il via libera definitivo all’esecuzione del nuovo contratto col conduttore di Che tempo che fa, che dal prossimo 24 settembre debutterà su Rai1 con il suo storico programma (qui i costi della trasmissione svelati dallo stesso Orfeo).

Per il buon Fabio, la corsia è stata preferenziale e non vi sono stati tentennamenti sull’assegnazione di un lauto compenso, giustificato – ripetono in Rai – dalle aspettative di successo legate alla sua promozione su Rai1. La decisione del CdA, peraltro, è arrivata in un clima non proprio tranquillo: nei giorni scorsi, infatti, l’Autorità Anticorruzione guidata da Raffaele Cantone aveva chiesto alla Rai una serie di documenti per verificare la correttezza del contratto, anche in relazione all’assegnazione parziale della produzione ad una società esterna senza bando di gara. Non solo. L’Authority aveva chiesto anche delucidazioni sull’ingaggio, sulla differenza rispetto al precedente contratto dell’artista, sulle spese di produzione a carico della Rai e su quelle della società esterna.

Ciò nonostante, la formalizzazione del contratto è arrivata (e persino con anticipo rispetto alla scadenza ultima del 20 settembre). Nel frattempo è arrivata anche l’ufficializzazione del nuovo contratto di Bruno Vespa, il quale però – a differenza di Fazio – si è visto decurtare lo stipendio in nome di un’inflessibile austerity che tuttavia non è stata applicata al conduttore savonese.

La nostra intenzione, dunque, è quella di rinnovare il suo contratto per Porta a Porta tenendo doverosamente in conto tutto quello che è successo in materia di compensi. Bruno sa perfettamente che sono cambiati i tempi e che ognuno di noi ha fatto delle rinunce

aveva dichiarato Mario Orfeo in una recente in intervista a Repubblica. E gli effetti di quella affermazione si sono visti: il conduttore di Porta a Porta – cui è stato applicato un rinnovo biennale – subirà un taglio di oltre 30% al compenso. Il conduttore, che negli ultimi anni aveva maturato guadagni per un milione e 930mila euro, scenderà così a un milione e 200mila euro per lo stesso numero di puntate del talk show di seconda serata: 120 a stagione.

Parliamo pur sempre di cifre a sei zeri e di certo nessuna delle personalità sopra citate rischierà la fame. Una cosa però è certa: in Rai le “rinunce” non valgono per tutti.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , , ,



Articoli che potrebbero interessarti


Mario Orfeo
Mario Orfeo in Vigilanza Rai: «Nel 2018 possibile perdita da 100 milioni. Giletti a La7? Scelta legittima. Costava più dei suoi ricavi»


Fabio Fazio
CdA Rai, Orfeo svela i costi dei programmi di Fazio: 14,4 milioni per il solo prime time


Fabio Fazio
Fabio Fazio e Magnolia: nasce «L’Officina». La società produrrà Che Tempo Che Fa


Fabio Fazio, Mario Orfeo
Fabio Fazio su Rai1: costi e ricavi di Che tempo che fa. Ecco le cifre

4 Commenti dei lettori »

1. Sabato ha scritto:

6 settembre 2017 alle 21:28

Articolo vergognosamente di parte e poco focalizzato sui fatti. L’autore bolla come “fregnacce” i “discorsi sul tetto agli stipendi Rai e gli appelli alla sobrietà in busta paga”, quando evidentemente le uniche fregnacce sono le polemiche, strumentali e pretestuose, che hanno accompagnato il rinnovo di Fazio in Rai: sono stati – giustamente – fatti fior di controlli sulla legittimità del contratto di Fazio, il quale, evidentemente, è risultato regolare e pertanto approvato. Fazio, per pure ragioni politiche, ha addosso lo “sguardo severo” (voglio essere generoso e diplomatico) di numerosi detrattori ed un suo eventuale, minimo, passo falso sarebbe immediatamente rilevato e punito. Purtroppo per i rosiconi, l’ingaggio di Fazio è risultato assolutamente legittimo ed il contratto milionario ampiamente giustificato dal valore dell’artista. “C’è chi può e chi non può guadagnare soldi a palate”, dice l’autore dell’articolo, ma la verità è un’altra: c’è chi vale milioni di euro e chi non li vale! Fazio firma prodotti importanti, produce risultati (riscontro Auditel e introiti pubblicitari) ed arricchisce l’offerta della TV di Stato con contenuti di qualità, pertanto è comprensibile che la Rai punti su di lui, promuovendolo sull’ammiraglia ed investendo – perché no – milioni di euro. Gli altri si accontentino di 1 milione e 200mila euro (!).



2. RoXy ha scritto:

7 settembre 2017 alle 15:51

@Sabato: il contratto di Fazio-so è stato legittimato unicamente dal CdA Rai, ovvero da persone scelte dal PD per controllare la Rai e promuovere gli interessi del partito degli ex-comunisti italiani.

Tutt’altro che legittimo dunque, non per altro l’ANAC, Autorità Anti Corruzione, ha aperto un’istruttoria sulla vicenda del contratto a Fazio-so per le modalità tutt’altro che trasparenti con cui il paggetto PDiota e la sua fida scimmiettina gianduida sono stati ricoperti d’oro utilizzando soldi pubblici.



3. Sabato ha scritto:

8 settembre 2017 alle 08:26

Roxy, il fatto che l’Autorità Anticorruzione si sia mossa non significa che abbia trovato irregolarità, ma solo che abbia voluto vederci chiaro. Sono assolutamente favorevole a tutti quei provvedimenti che puntano a fare luce e chiarezza e, se dovessero emergere irregolarità, sarò il primo a chiedere che il contratto venga regolarizzato.
Per quanto riguarda le tue altre esternazioni, te ne assumi la responsabilità: non condivido né la tua convinzione del fatto che il CdA Rai sia composto da persone che – tutte senza eccezione – commetterebbero irregolarità per interesse politico, né il tuo linguaggio offensivo (“paggetto PDiota”, “fida scimmiettina gianduida”).



4. francesco ha scritto:

8 settembre 2017 alle 13:30

un contratto di Fazio di quel genere significa che la Rai si deve aspettare 5/6 milioni di spettatori a puntata..! Secondo me ne farà la metà..e quel punto voglio proprio vedere cosa si inventeranno per giustificare un contratto spropositato completamente fuori dal mercato!



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.