13
luglio

Fabio Fazio e Magnolia: nasce «L’Officina». La società produrrà Che Tempo Che Fa

Fabio Fazio l'officina

Fabio Fazio

Fabio Fazio realizza il suo sogno: lavorerà in ‘officina’. Il conduttore Rai, promosso sulla rete ammiraglia del servizio pubblico con un contratto milionario, dalla prossima stagione produrrà i suoi programmi con L’Officina, una società di nuova costituzione formata da lui stesso e da Magnolia. L’aveva promesso e alla fine l’ha fatto. Il presentatore ligure deterrà il 50% del capitale della neonata società. 

Le premesse sono ambiziose. Nelle intenzioni, infatti, L’Officina unirà le competenze televisive di Fazio al know how internazionale portato dal gruppo Banijay, di cui Magnolia fa parte. In particolare, la stessa Magnolia spiega in un comunicato quanto segue:

Nasce così una collaborazione che porta anche in Italia un modello tipico del mercato europeo – in particolare francese – anche con reti del servizio pubblico: un modello che vede l’impegno produttivo diretto dei più importanti conduttori di talk show“.

Secondo quanto riportato dall’Ansa nei giorni scorsi, l’accordo tra la Rai e la costituenda società dovrebbe arrivare entro il 20 settembre. La chiusura definitiva delle modalità contrattuali tra l’azienda e Fazio (in vista del passaggio di quest’ultimo sulla rete ammiraglia) dovrà avvenire entro il 30 luglio.

E già sorgono le prime polemiche. Dopo le critiche per i 10,8 milioni che Fazio dovrebbe percepire in qualità di produttore dei suoi programmi, ora le critiche si concentrano proprio sulla composizione della nuova società. Il gruppo Banijay, infatti, è partecipato per circa un quarto da Vivendi, che a sua volta possiede un pacchetto del 30% di Mediaset. Tra le voci più critiche, manco a dirlo, quella del deputato Pd Michele Anzaldi.

Con il suo ingresso nella società L’Officina, Fazio interrompe la sua collaborazione con Endemol, che sinora aveva prodotto i suoi programmi. In ogni caso, il conduttore ritroverà due sue vecchie conoscenze: si tratta degli ex Endemol Marco Bassetti, ora Amministratore Delegato di Banijay Group, e di Leonardo Pasquinelli, Ceo di Magnolia Italia.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Mario Orfeo
Mario Orfeo in Vigilanza Rai: «Nel 2018 possibile perdita da 100 milioni. Giletti a La7? Scelta legittima. Costava più dei suoi ricavi»


Fabio Fazio
CdA Rai, Orfeo svela i costi dei programmi di Fazio: 14,4 milioni per il solo prime time


Fabio Fazio
Vigilanza Rai: documento contro il conflitto d’interessi di agenti delle star e artisti-produttori. Fazio avvisato


Fabio Fazio, Mario Orfeo
Fabio Fazio su Rai1: costi e ricavi di Che tempo che fa. Ecco le cifre

6 Commenti dei lettori »

1. federico ha scritto:

13 luglio 2017 alle 11:32

Fazio, fai il riccone coi nostri soldi….ti auguro tutto il flop possibile.
arrogante..viziato con manie di protagonismo da prima donna in menopausa.



2. Nina ha scritto:

13 luglio 2017 alle 11:58

I sogni di Fazio corrispondono sempre con il denaro. Ovviamente al fianco dei più deboli! aah ah ah ahhhaaaa ahh!



3. Sabato ha scritto:

13 luglio 2017 alle 12:07

Mi piace! Fazio, come sempre, ci mette la faccia e si prende la responsabilità dei suoi prodotti a 360 gradi; non tutti hanno né la competenza né il coraggio di farlo.



4. kalinda ha scritto:

13 luglio 2017 alle 12:28

Questa società verrà pagata a parte dalla Rai?



5. RoXy ha scritto:

13 luglio 2017 alle 12:43

“Officina”, termine più vetero-comunistoide non poteva esserci!

Ad ogni modo, la parola d’ordone dei cittadini è: BOICOTTARE! Nonostante le polemiche e le sollevazioni degli abbonati Rai, Fazio-so porterà a casa il malloppo milionario. Scordiamoci che la magistratura, la corte dei conti, la commissione di vigilanza e quant’altri possano intervenire per sanare questo scandalo.

Nulla muterà, e Fazio andrà molto probabilmente anche al Festival di SanScemo con la sua scimmietta Lucianina al suo fianco, ed il saltimbanco Roberto Maligni ospite di sinistro dis-onore.

E’ la stessa armata con cui il PD si presentò alle ultime elezioni del 2013, utilizzerano il Festival ancora una volta come mezzo di propaganda elettorale. E non solo, anche il programma domenicale del Fazio-so lo sarà, con le sue interviste servili ai santoni della sinistra.

L’unica cosa da fare, ribadisco, è boicottare, boicottare, boicottare.



6. Nina ha scritto:

13 luglio 2017 alle 12:57

RoxY: vuoi mettere?Ricorda gli operai! Mica come quel cattivone di Feltri. Sai cosa mi ha detto un simpatico signore? Che il problema non farsi fregare il problema è quando quella “cosa lì” ti piace troppo.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.