1
giugno

Cuochi e Fiamme: un programma rimasto troppo fedele a se stesso

Simone Rugiati

Simone Rugiati

Quello di Cuochi e Fiamme è stato un ritorno gradito a prescindere: il programma, da due anni in onda con le sole repliche, ha debuttato con una nuova edizione lunedì 22 maggio 2017, riportando su La7 quello schema semplice e piacevole che in passato lo ha distinto nel ricchissimo panorama culinario della tv nostrana. La sensazione, però, è che purtroppo l’appuntamento condotto da Simone Rugiati non abbia fatto molto per stare al passo con quel panorama in continua evoluzione.

Cuochi e Fiamme: la nuova edizione identica alle precedenti

La tv di oggi non è la stessa di due anni fa. L’offerta cresce a dismisura, soprattutto quella dei programmi ambientati tra i fornelli, e i linguaggi cambiano e diventano via via più moderni; dunque per far sì che un titolo resista bisogna dargli continuamente nuova linfa, pur preservandone i tratti distintivi. A Cuochi e Fiamme questo non è riuscito granché: il programma è uguale a come lo si ricordava, identico a se stesso, fatta eccezione per una giuria in parte rinnovata.

Se, infatti, Riccardo Rossi è rimasto nel cast, eternamente jolly e disturbatore capace di dissacrare l’alta cucina, ci sono stati gli arrivi di Csaba Dalla Zorza e Barù. Quest’ultimo appare incerto e poco efficace, come se stesse ancora cercando la propria strada nello show, mentre l’algida eleganza di Csaba si è rivelata subito vincente, perché capace di richiamare alla mente le gesta dell’indimenticata Fiammetta Fadda.

Cuochi e Fiamme: Rugiati troppo sopra le righe

Gran parte del programma lo fa però Rugiati, chiamato a presentare, commentare, intrattenere e spiegare. Ma il conduttore dell’ultima edizione di Tù Sì Que Vales, da sempre molto energico e attivo in scena, adesso sembra davvero caricato a mille, quasi smanioso e dunque stonato rispetto al quadro generale fin troppo rassicurante.

Siamo solo all’inizio della nuova edizione, c’è tutto il tempo per mischiare gli ingredienti e farne un piatto più saporito. Ma bisognerà riuscire a dosarne alcuni ed esaltarne altri.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Cuochi e Fiamme - Rugiati, Barù, Csaba, Rossi
Cuochi e Fiamme riparte su La 7 con Simone Rugiati. Ecco la nuova giuria


Cuochi e fiamme
CUOCHI E FIAMME PROMOSSO SU LA7. DALL’8 DICEMBRE IN PRESERALE


Valentina Scarnecchia, figlia di Beppe Grillo, con Tiziana Stefanelli
CUOCHI E FIAMME: IN GIURIA LA FIGLIA DI BEPPE GRILLO CON TIZIANA STEFANELLI E MICHELE LA GINESTRA


Simone Rugiati: "Joe Bastianich non sa cucinare"
SIMONE RUGIATI CONTRO BASTIANICH, BENEDETTA PARODI E RAI

4 Commenti dei lettori »

1. barbara ha scritto:

2 giugno 2017 alle 14:01

Si, infatti tutto solito tranne i nuovi (e orribili) denti di Rugiati!!!



2. La spettatrice incostante ha scritto:

3 giugno 2017 alle 12:11

Meno male che il programma è lo stesso, in realtà, a parte piccole variazioni. Non è detto che cambiare completamente formula si riveli vincente, in orari da ascolto semi-distratto e, fondamentalmente, rassicurante e meno male che Rugiati e Rossi ci sono, sennò non avrei ricominciato a guardarlo, l’anima dello show sono loro. Su Dalla Zorza e Barù sospendo il giudizio. Troppo presto per giudicare. Ma dall’esperienza (e ironia) della Fadda si poteva imparare molto, era interessante, la Dalla Zorza non mi sembra comunichi la stessa impressione. Per ora.



3. manu ha scritto:

14 giugno 2017 alle 15:52

Ma nessuno insegna alla Dalla Zorza che la forchetta non va impugnata sui rebbi e la bocca non va riempita di bocconi enormi ?
Per una che si propone – e viene presentata – come elegante queste semplici regole sono fondamentali. E anche la “semplicità” con cui viene definita sa di fasullo visto che poi ci tiene a rimarcare di aver “studiato a Parigi” .
Nulla a che vedere con la VERA eleganza e lo charme di Fiammetta Fadda, assolutamente inimitabile.



4. laura ha scritto:

23 giugno 2017 alle 13:08

Simone e Riccardo Rossi sono sinceri Dalla Zorza se la tira e Baru’ non lo capisco e non so giudicare l’unica cosa che ci sono molte repliche non ricordo se due anni fa fosse così Simone molto bravo



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.