13
settembre

RAI, PRODUZIONI ESTERNE: ECCO I COSTI E I PROGRAMMI PIÙ CARI. MA ARRIVANO NUOVE REGOLE (FINALMENTE)

Paola Cortellesi, Antonio Campo Dall'Orto e Laura Pausini

Regole chiare ed inclusive per arginare il ‘far west’ delle produzioni esterne in Rai. A Viale Mazzini è in arrivo una piccola rivoluzione, che gli amanti del piccolo schermo non potranno che plaudire. Nella nuova Concessione del servizio pubblico radiotelevisivo, infatti, sarà presente una norma che obbligherà l’azienda ad affidare una percentuale delle produzioni esterne a società giovani e autonome, anche di piccole o medie dimensioni, svincolate dalle ‘major’ che attualmente monopolizzano (o quasi) il settore.

Il principio generale sancito dalla norma – ispirato al modello Bbc – sarà disciplinato negli aspetti operativi dal Contratto di Servizio e sarà sviluppato secondo criteri di trasparenza. Si tratta di una buona notizia, che finalmente potrà portare nuove idee e maggiore creatività in Rai (almeno questo è l’auspicio), consentendo peraltro all’azienda di guadagnarci anche dal punto di vista economico.

Attualmente, infatti, alcune delle produzioni affidate alle grandi società si rivelano piuttosto onerose per le casse di Viale Mazzini (si parla di decine di milioni di euro), come dimostrano le cifre pubblicate da Repubblica. Il quotidiano riporta i costi esterni sostenuti dalle reti Rai per diritto di messa in onda, conduttore, regista e scenografia di alcuni dei maggiori programmi. A ciò si aggiunge il fatto che, spesso, la Rai debba accollarsi pure le spese operative per la trasmissione. Dunque le cifre che leggerete non rappresentano, in molti casi, il costo complessivo e finale del programma bensì quanto la Rai paga alle società di produzione.

Rai, costi delle produzioni esterne (infografica La Repubblica):

Stando a quanto riportato da Repubblica, è Affari tuoi – a fronte di un alto numero di puntate in access prime time – la produzione esterna per la quale Rai1 sborsa di più: per il game show, Endemol richiede un prezzo di 7.134.000 euro. Per il programma leader Tale e Quale Show, Rai1 paga ad Endemol 6.776.000 euro; Ballando con le Stelle fa incassare a Ballandi Multimedia 6.602.000 euro. Per Laura & Paola (Repubblica lo riporta come Duemilaluci), con Pausini e Cortellesi, la Rai ha elargito alla casa di produzione 3.260.000 euro: non male per un programma durato sole tre puntate.

Sono 2.440.000 gli euro sborsati dalla Rai per Sogno o son desto 3 (produzione Ballandi), con Massimo Ranieri. La Prova del cuoco e Torto o Ragione? fanno incassare ad Endemol rispettivamente 2.210.000 e 1.566.000 euro.

Ma la produzione più onerosa per il servizio pubblico è (o meglio era) trasmessa da Rai2: si tratta di The Voice of Italy, per la quale la rete ha pagato a Talpa 9.311.800 euro. Tuttavia si tratta di un prime time spalmato su 14 puntate di oltre 3 ore. Le dieci puntate di Pechino Express fanno incassare a Magnolia 4.950.000 euro, ben più economico Made in Sud di Nando Mormone a quota  2.870.300. La produzione di Detto Fatto frutta ad Endemol invece 1.959.700 euro. Il nuovo Collegio, docu-reality targato Magnolia in arrivo su Rai2, secondo le stime richiederà una spesa di 1.500.000 euro.

Più contenuti (si fa per dire) i costi di produzione dei programmi di Rai3. Per Che tempo che fa, Endemol riceve 2.600.000 euro. Per Amore Criminale (D4), la Rai paga 1.050.000 euro, per l’Erba dei vicini di Severgnini 708.000 euro. Il Gazebo di Zoro, infine, è costato alla rete 416.000 euro.



Articoli che potrebbero interessarti


Leonardo Pasquinelli magnolia
MAGNOLIA: ILARIA DALLATANA LASCIA. LEONARDO PASQUINELLI NUOVO AD


Raffaella Carrà
RAFFAELLA CARRA’ VERSO IL RITORNO SU RAI1 CON BALLANDI E ENDEMOL


so You Think You can Dance
FERMI TUTTI! SALTA SO YOU THINK YOU CAN DANCE


So you think you can dance su Rai2
BOOM! FRANCESCO FACCHINETTI AL TIMONE DI SO YOU THINK YOU CAN DANCE E 101 WAYS TO LEAVE A GAME SHOW

6 Commenti dei lettori »

1. Guasty_95 ha scritto:

13 settembre 2016 alle 17:00

Bello spendere quasi 10 milioni per fare un talent show dagli ascolti pessimi e che non ha neanche lanciato un talento. Complimenti alla Rai. Sarei curioso di sapere quanto costino le produzioni Mediaset o Sky, che ha attualmente ha in mano tutti i format più famosi (e costosi) da produrre, come X Factor, IGT e Masterchef.



2. controcorrente ha scritto:

13 settembre 2016 alle 17:39

cioe’ da 17 anni la rai da a endemol 2mln e passa di € per un programma.. che mi dovete dire voi.. quale format originale possiede.. due cuochi che si scontrano.. io non ho parole.. e poi a queste cifre si aggiungono altri costi per la Rai o sbaglio? compensi ai conduttori e alle squadre tecniche.. costi degli studi..
se cosi .. quanto CI son costate le 3 puntate di Laura e Paola…??



3. Saa ha scritto:

13 settembre 2016 alle 18:47

La prova del cuoco vende un sacco di pubblicità, bisogna vedere quando la rai guadagna dall’investimento!!!



4. Claudio ha scritto:

13 settembre 2016 alle 18:51

Articolo molto interessante, soprattutto per voi di DM. Chissà che non si possa aprire la strada per produzioni in Rai. Ve lo auguro!



5. Eolo ha scritto:

13 settembre 2016 alle 18:54

Certo è che si deve cambiare registro per le produzioni future. Bisogna tornare al passato, quando si produceva tutto ‘in casa’.
Immagino però che ci siano costi anche per la tv commerciale, altra realtà—-



6. ciak ha scritto:

15 settembre 2016 alle 13:19

MANTENIAMO I PROGRAMMI MA PRODUCESSERO DALL’INTERNO… COME SI FACEVA TANTO TEMPO FA…



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.