31
agosto

CAOS REAZIONE A CATENA: PUNTATE SALTATE E CAMPIONI SCOMPARSI. ECCO COSA E’ SUCCESSO AI PISOLI

Reazione a Catena - I Pisoli

I cambiamenti di palinsesto, dovuti al terremoto che ha colpito lo scorso 24 agosto il centro Italia, stanno facendo discutere il popolo del web. Tra i programmi maggiormente penalizzati in questa occasione c’è stato Reazione a Catena, quiz leader della fascia preserale che ha ceduto varie volte il proprio spazio all’informazione o a titoli non di intrattenimento, in segno di lutto da parte dell’azienda pubblica. Gli slittamenti hanno causato una messa in onda confusa, perchè alcune puntate sono saltate e alcuni campioni letteralmente scomparsi senza spiegazioni.

Reazione a Catena: che fine hanno fatto i Pisoli?

I campioni in questione sono i Pisoli, ovvero Tiziana, il suo fidanzato Cristian e il suo ex fidanzato Paolo, apparsi per la prima volta nella puntata di venerdì 26 agosto 2016, nella quale hanno vinto ben 73.000 euro. Il giorno dopo, sabato 27, il programma non è andato in onda e domenica 28 Amadeus in apertura di puntata ha detto che quella era la quarta volta in cui i Pisoli tornavano, segno che due puntate erano state già tagliate; domenica i tre si sono confermati campioni ed hanno vinto 1.040 euro portandosi, secondi i calcoli del conduttore, ad un bottino complessivo di circa 90.000 euro.

Fin qui tutto bene, più o meno. Ma la vera sorpresa è stata quella del giorno successivo, lunedì 29 agosto, giorno in cui i Pisoli improvvisamente non c’erano più e i campioni in carica di Reazione a Catena risultavano essere gli Antonelli, fino a quel momento mai comparsi in video. Dunque, anche la puntata in cui Tiziana, Paolo e Cristian sono stati battuti era stata tagliata.

Reazione a Catena: ecco cosa è successo nelle puntate tagliate

A confermare il tutto ci ha pensato proprio Paolo, che ha lasciato il seguente messaggio sulla pagina Facebook del programma, rispondendo a chi chiedeva cosa fosse accaduto e non sapendo, al momento, che anche la loro uscita di scena sarebbe stata cassata.

“In effetti sono state saltate a piè pari due puntate, la seconda e la terza a cui abbiamo partecipato, suppongo perché, con tutti i maledetti disastri che hanno portato a interrompere il programma, ne abbiano d’avanzo e siano quindi costretti a tagliare il superfluo. Nella seconda non abbiamo vinto un tubo e per di più abbiamo fatto una vergognosa Intesa Vincente finita 3-2 :D. Nella terza, il cui finale è stato mandato in onda prima della puntata trasmessa domenica, abbiamo preso, come si è visto, 16.000 €”

Visto il caos e le proteste piovute sui social, sulla pagina Facebook è comparsa ieri la comunicazione ufficiale da parte della produzione, che ha confermato i tagli ma non ha spiegato granché di quello che è realmente accaduto e che noi invece abbiamo appena ricostruito.

“Per i cambiamenti di palinsesto che si sono verificati in questi giorni a seguito del terremoto nel centro Italia, l’ordine di messa in onda ha subito delle modifiche”.

Se le variazioni di palinsesto erano inevitabili, lo stesso non può dirsi per tali tagli che non fanno onore alla rete più seguita d’Italia, ammiraglia del servizio pubblico, che dovrebbe rispettare i propri telespettatori e non bistrattare un programma campione d’ascolti. Oltretutto non trasmettere delle puntate già registrate ha un costo.

Stasera, invece, ci sarà invece il primo appuntamento in prime time, anche questo già rimandato.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,



Articoli che potrebbero interessarti


Amadeus (2)
REAZIONE A CATENA: RAI 1 RECUPERA LE PUNTATE SALTATE. L’EREDITA’ SLITTA


Reazione a Catena - parenti stretti
REAZIONE A CATENA: I PARENTI STRETTI ELIMINATI TRA LE POLEMICHE


Amadeus
Reazione a Catena in prima serata ad agosto, Amadeus: «Sarà un triangolare. Ecco chi giocherà»


I Tre di Denari - Selfie con Amadeus
Reazione a Catena: i Tre di Denari licenziati dall’azienda in cui lavoravano. Ecco cosa faranno ora

6 Commenti dei lettori »

1. xxxxx ha scritto:

31 agosto 2016 alle 17:10

Sulla sospensione del programma in alcune giornate non ho nulla in contrario. Se si devono sospendere delle puntate, però, credo che sia doveroso perlomeno trasmettere le puntate rimaste in ordine cronologico. Spero che le puntate mancanti vengano caricate sul sito.



2. Antonio Borgo ha scritto:

31 agosto 2016 alle 17:46

Ok la sospensione del programma (che quest’anno è stato interrotto e sospeso più volte nel corso della programmazione), ma come detto giustamente alla fine della notizia, le puntate hanno un costo!
Allora, mi chiedo, perchè non caricare queste puntate saltate e sicuramente già montate, sul sito della rai? è più complicato di quel che sembra?



3. Salvatore Cau ha scritto:

31 agosto 2016 alle 17:59

Non capisco perché buttare via intere puntate. Bastava fare un leggero lavoro di editing per alcune parti (quelle legate all’uscita della rivista etc) e mandarle regolarmente in onda. Se poi si andava oltre la messa in onda estiva, sarebbe stata la giusta occasione per testarle nelle domeniche di settembre/ottobre.



4. Michele ha scritto:

3 settembre 2016 alle 12:36

Potevano anche continuare la normale messa in onda e ritardare l’inizio de L’Eredità.
Comunque questo è anche la conseguenza di questi palinsesti 7 giorni su 7 tutti uguali. Non solo logorano i programmi, ma creano anche questi pasticci quando la programmazione subisce modifiche.



5. Giuseppe ha scritto:

4 settembre 2016 alle 00:36

Tutto questo non ha senso. Capisco che il programma slitta, ma perché non recuperare la puntata , si può trasmettere su Rai 4 la mattina con comunicazione.



6. Fra X ha scritto:

15 settembre 2016 alle 13:15

Che roba! Bleah!



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.