6
novembre

PROBABILE CAMBIO DI VERTICE A RAITRE: FUORI RUFFINI, DENTRO (DI NUOVO) ANTONIO DI BELLA.

Antonio Di BellaEletto segretario del PD Bersani, si stringono i tempi per ridefinire i principali assetti di Raitre, definita da alcuni “Tele-Kabul”. Dopo il passaggio della direzione del Tg3 da Di Bella a  Bianca Berlinguer, il principale nodo da sciogliere rimane proprio la scelta del direttore di rete.

Al comando, per il momento, troviamo ancora Paolo Ruffini che tuttavia, nonostante gli ascolti importanti di trasmissioni come Ballarò, Report e Che tempo che fa, rimane piuttosto traballante. Ruffini infatti, inattaccabile dal punto di vista degli ascolti, si è “macchiato” della colpa proprio di aver cresciuto e alimentato trasmissioni che sono diventate un’ “autentica spina nel fianco (mediatico)” dell’attuale governo, ed è proprio questo il motivo che rende incerto il suo futuro.

In un “gioco di poltrone” che in Rai non passa mai di moda (per la serie: “Bisogna cambiare tutto per non cambiare nulla”), al posto di Ruffini dovrebbe giungere proprio l’ex direttore (silurato) del Tg3 Antonio Di Bella. In tal caso a Ruffini verrebbe offerta la direzione di Rainews 24 o, in alternativa, un ruolo di rilievo in Rai Cinema (ipotesi a quanto pare a lui molto più gradita).

Chiunque sarà il nuovo direttore della terza rete Rai, avrà comunque il difficile compito di alleggerire (in teoria) il “livore” di alcune trasmissioni nei confronti del governo, senza però snaturare l’indole della rete: una missione decisamente ardua, considerata anche e soprattutto la polemica mai sopita sulla libertà di stampa in Italia.

Nelle prossime ore le conferme ufficiali delle nuove nomine che dovrebbero, tra l’altro, vedere la definitiva estromissione di Del Noce anche dai Rai Fiction. Insomma, un’intreccio infinito di potere, intrighi, politica e stratagemmi… è proprio il caso di dirlo: Rai, di tutto, di più.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,



Articoli che potrebbero interessarti


PROBABILE CAMBIO DI VERTICE A RAITRE: FUORI RUFFINI, DENTRO (DI NUOVO) ANTONIO DI BELLA.
QUESTIONI DI POTERE: IL CDA RAI SILURA IL DIRETTORE DI RAITRE RUFFINI, CEDE LA POLTRONA A DI BELLA E APPROVA L’AUMENTO DI STIPENDIO DI BRUNO VESPA


PROBABILE CAMBIO DI VERTICE A RAITRE: FUORI RUFFINI, DENTRO (DI NUOVO) ANTONIO DI BELLA.
IL DIRETTORE TROMBATO LE CANTA AL DIRETTORE REINTEGRATO: IN RADIO DI BELLA FA UNA SERENATA A RUFFINI.


Serena Dandini
PARLA CON ME: SERENA DANDINI E LA VERITA’ NASCOSTA (DI CLAUDIO VELARDI)


Antonio Di Bella
RAI, NUOVE NOMINE: ANTONIO DI BELLA DIRETTORE DI RAI 3, MARCELLO MASI AL TG2

6 Commenti dei lettori »

1. GIEMMEGI ha scritto:

6 novembre 2009 alle 12:33

Aggiungerei anche “Parla con me”.
Io mi auguro solo che, quello che viene definito “alleggerimento” non significhi …. mettere il bavaglio a queste trasmissioni.



2. Ignazio ha scritto:

6 novembre 2009 alle 13:06

Qualche volto nuovo no eh???



3. Marco89 ha scritto:

6 novembre 2009 alle 14:14

e automaticamente cambia il segretario del pd e cambia il direttore di rai3.perchè deve esistere una rete comunista?li non c’è la libertà, lì.



4. ambrogio ha scritto:

8 novembre 2009 alle 10:02

e giusto perche ci deve essere una rete che fa vera informazione, noi dobbiamo solo sentire il nostro duce, dobbiamo solo ascoltare il vero giornalismo che fa vespa, che quando parla col duce lo fa a mani giunte quando fa i suoi monologhi insultando a destra e a manca, e poi dice che è lui quello che viene insultato, piuttosto che si faccia processare e poi dica le sue ragioni, vero marco89



[...] e le scelte dei nuovi direttori Mauro Mazza per Raiuno e Massimo Liofredi per Raidue (mentre per Raitre la direzione è ancora in bilico). Anticipiamo subito che Raiuno continuerà a puntare sull’usato sicuro mentre Raidue [...]



[...] tutte, ha tenuto banco “l’atteso siluramento” del  direttore di Raitre Paolo Ruffini a favore dell’ex direttore del Tg3 Antonio Di Bella, a sua volta silurato a favore di Bianca [...]



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.