26
aprile

IL SISTEMA: UNA FICTION DI NICCHIA CON BEN POCHE NOVITA’

Il Sistema

La fiction al lunedì sera è ormai un must per il pubblico di Rai 1, un appuntamento fisso nonché al momento un modo per sfuggire alle grinfie dell’Isola dei Famosi 2016, in onda su Canale 5 in contemporanea. Sicuramente questa consuetudine ha favorito il 18.47% di share con cui ha esordito la scorsa settimana Il Sistema, ma con la seconda puntata di ieri sera c’è stato un calo al 15.98%. Ed era del tutto prevedibile.

Il Sistema: in calo la nuova fiction di Rai 1

Il Sistema fa parte del genere action puro, uno di quelli che sull’ammiraglia Rai di norma paga poco: il pubblico di Rai 1 predilige le indagini divertenti, quelle che sfociano nella commedia, ed ha dimostrato di non apprezzare più nemmeno i drammi familiari e personali. Tuttavia, la cura della messa in scena e la presenza di un cast valido ed impegnato ha aiutato a confezionare un prodotto tecnicamente ben fatto, addirittura sofisticato, che all’inizio deve aver incuriosito. Purtroppo senza conquistare.

L’insieme, infatti, alla resa dei conti non convince: la fiction, per come è costruita e per la fotografia noir che l’accompagna, sembra strizzare con troppa insistenza l’occhio alle serie tv americane. Il che potrebbe anche essere un bene, se non fosse che l’obiettivo principale del sistema era quello di raccontare l’Italia di oggi e le vicende di Mafia Capitale, cosa che ha dato vita ad una certa confusione di intenti.

Il Sistema: troppe stonature narrative e déjà vu

Il prodotto si annunciava poi fortemente innovativo ma i fedelissimi della serialità italiana non avranno potuto fare a meno di avvertire un pesante e ripetuto senso di déjà vu. Innanzitutto Gabriella Pession era già stata protagonista femminile dell’altra fiction nostrana incentrata sulla Guardia di Finanza, Il Capitano, e anche lì il protagonista si infiltrava mettendo a rischio la propria vita; Claudio Gioè aveva poi già avuto modo di interpretare la parte di un uomo che sconta il dolore per la perdita del fratello, nella serie di Canale 5 Codice Rosso.

Se a tutto questo aggiungiamo i soliti meccanismi del lavoro sotto copertura e le immancabili beghe con i superiori, il dado è tratto. Ma la caratteristica meno invitante de Il Sistema non è neanche questa, quanto l’estrema lentezza del racconto, a tratti esasperante e sicuramente più adatta ad un pubblico di nicchia che non a quello di Rai1.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Sacrificio d'Amore - Francesca Valtorta
Sacrificio d’Amore: Il Segreto è un capolavoro a confronto


Scomparsa - Vanessa Incontrada
Scomparsa: Rai 1 vince facile con la «solita» Vanessa Incontrada


La Strada di Casa - Alessio Boni
La Strada di Casa: Alessio Boni emoziona, la storia è forte e coinvolge


Rosy Abate - La Serie
Rosy Abate riporta in scena il meglio di Squadra Antimafia

1 Commento dei lettori »

1. grilloparlante ha scritto:

26 aprile 2016 alle 18:43

Condivido tutto. Specie il senso di déjà vu, davvero pesante (aggiungo anche il personaggio di Gioè in Squadra Antimafia).
Ho guardato l’inizio della prima puntata perchè sono una grande fan di Claudio Gioè, ma non sono nemmeno arrivata alla fine. Va anche detto che in questo periodo storico la realtà è talmente angosciante già di suo che dalla fiction cerco soprattutto evasione e relax …



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.