25
gennaio

CINQUANTA SFUMATURE DI GRIGIO IN PRIME TIME SU CANALE 5: “NON C’E’ RISPETTO PER LE FAMIGLIE” TUONA IL MOIGE

Cinquanta Sfumature di Grigio

La prima serata di Canale 5 si tinge di grigio… anzi, di rosso. Perchè il film Cinquanta sfumature di grigio, uscito nelle sale italiane nel febbraio 2015 e in programma oggi – lunedì 25 gennaio 2016 – alle 21:10 in prima tv sull’ammiraglia Mediaset, rappresenta un’offerta decisamente hot per il pubblico della generalista. E, infatti, le polemiche impazzano.

Cinquanta sfumature di grigio questa sera alle 21:10 su Canale 5, contro il volere del Moige

Ad alimentarle è stato il Moige, che attraverso il responsabile dell’Osservatorio media Elisabetta Scala ha definito la scelta di Mediaset “eticamente scorretta, decisamente lesiva per i minori che vengono televisivamente violati da una programmazione tv non adatta a loro“. Il Movimento Italiano Genitori ha perfino richiesto alle aziende inserzioniste di ritirare gli spot dal programma perchè “questa non è una televisione capace di esprimere rispetto verso le famiglie che credono nel valore sociale e culturale della tv che utilizza concessioni pubbliche“.

Bigottismo a parte, c’è da ammettere che tra la messa in onda la scorsa settimana di Sole a Catinelle di Zalone ed un film che parla di sesso sadomaso e giochi erotici di una coppia sui generis c’è una certa differenza di target, che è stata tenuta poco in considerazione, essendo entrambi i titoli inseriti nel nuovo ciclo dei Filmissimi.

Cinquanta sfumature di grigio: i protagonisti

Il film campione d’incassi, ispirato al bestseller di E. L. James – a cui hanno fatto seguito Cinquanta sfumature di nero e Cinquanta sfumature di rosso (al cinema con ogni probabilità nel 2017 e nel 2018) – ha per protagonisti principali l’attore nordirlandese Jamie Dornan e Dakota Johnson, figlia di Melanie Griffith, scelti dopo una lunga girandola mediatica di provini per interpretare il ricco e stravagante Christian Grey e l’inesperta ed acerba studentessa Anastasia. Nel 2017 e nel 2018 dovremmo assistere ai sequel di cinqua

Cinquanta sfumature di grigio: la trama

Anastasia Steele è una studentessa di letteratura inglese prossima alla laurea. Per sostituire la migliore amica influenzata, va ad intervistare Christian Grey, giovane e ricco amministratore delegato della Grey Enterprises Holdings Inc. Tra i due scatta subito un’intesa fortissima ma hanno modi opposti di vedere una relazione: Anastasia vuole una storia d’amore, Christian vuole un rapporto di dominatore-sottomessa. Tra compromessi, attrazione e contrattazioni proveranno a costruire una relazione che funzioni.



Articoli che potrebbero interessarti


cinquanta sfumature di grigio su canale 5
CANALE 5: TORNANO I “FILMISSIMI” DEL LUNEDI. CINQUANTA SFUMATURE A MENO DI UN ANNO DALL’USCITA NELLE SALE


American Sniper
Eroi senza tempo: Canale 5 punta sul cinema per difendersi da Montalbano


Scomparsa 8
SCOMPARSA: DA QUESTA SERA SU CANALE 5 TUTTI IN CERCA DI LEA (FOTOGALLERY)


Il Sospetto 2 -6.
IL SOSPETTO 2: SU CANALE 5 TORNANO LE INDAGINI SOTTO COPERTURA DEL COMMISSARIO CASAS (FOTO)

20 Commenti dei lettori »

1. Luca ha scritto:

25 gennaio 2016 alle 17:15

il film è piuttosto esplicito e a tratti angosciante…una storia (che non definirei d’amore) tormentata…più che un film erotico, un vero e proprio film drammatico



2. giacomo bartoluccio ha scritto:

25 gennaio 2016 alle 17:15

quando le associazione dei genitori la smetteranno di prestarsi a queste markette pubblicitarie potremmo dare una certa credibilità alle loro proteste. Quando c’è da lanciare un qualcosa di finto scabroso in tv e dare visibilità al prodotto reclamizzato, loro ci sono….



3. BohBeh ha scritto:

25 gennaio 2016 alle 17:49

fosse anche ’sto gran filmone…



4. Tore ha scritto:

25 gennaio 2016 alle 17:59

Ecco perché i genitori dovrebbero vigilare su quello che i loro figli seguono in tv.



5. a ha scritto:

25 gennaio 2016 alle 18:10

come mai da noi è così poco usato e così poco pubblicizzato il parental control, presente da sempre sugli apparecchi digitali?



6. xxxxx ha scritto:

25 gennaio 2016 alle 18:16

Il film non contiene molte scene spinte, ma comunque non è il massimo del film da far vedere a un bambino per via delle tematiche trattate. Perché non mandarlo in seconda serata, come si fece a suo tempo con Arancia Meccanica?

(@a: le reti generaliste in teoria dovrebbero seguire un regolamento vigente in tutta europa in cui le trasmissioni vengono trasmesse in fasce orarie diverse a seconda dei loro contenuti, ma tale norma viene sempre disattesa)



7. Duff ha scritto:

25 gennaio 2016 alle 18:48

Tralasciando le tematiche del film….certo però che pure il Moige ha rotto tre quarti di maroni eh. E Ti Lascio una canzone no perchè i bambini vengono sfruttati, E 50 sfumature no perchè ha scene esplicite, e Tale e quale no per la Maya, e Lo sportello di Forum no per le tematiche….posso dirlo BASTA? Il telecomando ce l’hanno, mettessero su Tv2000 e che non rompessero



8. giacomo bartoluccio ha scritto:

25 gennaio 2016 alle 19:17

le born digital trasmettono di peggio in prima serata…è solo una polemica creata ad arte per creare l’evento. Il moige fa da spalla agli uffici stampa..chissà….



9. lordchaotic ha scritto:

25 gennaio 2016 alle 19:24

Una cosa che il Moige potrebbe fare e sciogliersi….. Voglio dire danno proprio x scontato che non esistano più i genitori che impediscano di vedere ai figli un film non adatto a loro?

Cmq mille volte peggio per un bambino sentire uno dei rappresentanti del Moige parlare in un talk tv che guardare un film porno -.-’



10. Antonio Sanna ha scritto:

25 gennaio 2016 alle 19:29

A parte che si vede e si sente di peggio nei programmi durante il daytime tipo forum, pomeriggio5, domenica live,avanti un altro…i genitori hanno comunque il telecomando e non penso che guardino questo film coi figli piccoli, se proprio devono…c’è più trash e volgarità in molti altri programmi che in questo film



11. FedEx ha scritto:

25 gennaio 2016 alle 19:30

Ahahaha il Moige è esilarante… Ma il pare tal control è soprattutto i genitori dove diamine sono?
Poi tutta questa polemica quando su i digitali danno mille volte peggio…



12. nicola83 ha scritto:

25 gennaio 2016 alle 19:40

Se un bambino ha il padre e la madre iscritti al Moige la sua vera disgrazia è quella, non certo vedersi le 50 sfumature di grigio.
E basta con il bogottismo e il moralismo di questa gente, che poi sono quelli che fanno le peggio perversioni.



13. Peppa ha scritto:

25 gennaio 2016 alle 19:51

Il film in sé fa più ridere che altro, però sono d’accordo con quanto detto dal Moige.
Non puoi trasmettere un film in cui ci sono scene così spinte e nudi integrali in prima serata, come se fosse un Checco Zalone qualunque.
Un adulto ci ride su ma al bambino che questa sera capiterà su canale 5 (perché i suoi genitori non lo controllano) di sicuro non gioverà la visione di cotali zozzerie.
E poi comunque la televisione è assurda, censurano in terza serata I segreti di Brockeback Mountain e poi mandano in prima serata l’almanacco del sadomaso.
CHE FACCIANO PACE COL CERVELLO.



14. Peppa ha scritto:

25 gennaio 2016 alle 19:55

Aggiungo che sono di visioni molto ampie (come ho detto è stato scandaloso censurare I segreti di Brockeback mountain) ma penso che dal bigottismo si possa passare all’eccesso opposto, ossia ad accettare tutto, anche che un minore, comodamente seduto sul divano di casa, alle 9 di sera possa guardare una legata al muro che.. beh ci siamo capiti.



15. xxxxx ha scritto:

25 gennaio 2016 alle 20:18

@Antonio Sanna: Avanti Un Altro non si regge interamente su gag trash ed è sicuramente meno volgare delle altre trasmissioni che hai citato, sulla cui rimozione sono completamente d’accordo. Anch’io spesso non sono d’accordo con il Moige (soprattutto per le cagate che hanno combinato con gli anime giapponesi…), ma su questo hanno ragione.



16. luigi ha scritto:

25 gennaio 2016 alle 20:38

non mi sembra la prima volta che un film del genere va in prima serata ( basic insinct non era hot??) si tratta di film non porno ma appunto hot con tematiche difficili ma che si possono tranquillamente non far vedere ai bambini essendoci il telecomando o altri metodi di blocco…. la polemica del moige mi sembra sterile visto poi quello che si può tranquillamente vedere oggi,nel 2016 , sul web…come tutte le cose ripeto sta ai genitori o a chi è atto all’educazione e la salvaguardia del minore proteggerlo da queste cose… certo che poi fargli vedere il pomeriggio UOMINI E DONNE…..mah!….



17. ellis ha scritto:

25 gennaio 2016 alle 20:53

se si vuole impedire la visione basta non guardare, cambiare canale, non necessariamente fare del clamore inutile salvo poi vedere bambini alle elementari con telefonini di ultima generazione dove possono trovare sfumature di ogni tipo…



18. Groove ha scritto:

25 gennaio 2016 alle 22:10

Polemiche senza senso. Tralasciando i contenuti mediocri del film che è stato quasi descritto come comico, bisogna dire che c’è di peggio alla tv. E perchè Cielo allora non trasmette lo stesso i vecchi film erotici italiani in prima serata? Non mi sembra che il Moige si sia lamentato in questo caso…
Dai dopotutto Canale 5 cerca solo di fare un colpaccio (ammesso che riesca, lo scopriremo domani) con un film che alla fine ha fatto tanto rumore per nulla!



19. Dany ha scritto:

26 gennaio 2016 alle 09:42

Non credo sia l’unico film al mondo nel suo genere, sempre in tv ne ho visti altri molto simili se non peggio, credo che le polemiche siano inutili anche perchè esistono tanti canali e chi non lo vuole vedere può cambiare canale, ormai siamo nel 2016, non ci scandalizziamo per un film quando magari dal vivo si fa peggio!



20. Antonio Sanna ha scritto:

26 gennaio 2016 alle 12:55

Avanti un altro non si regge solo sul trash???? ma quando fanno il kamasutra o le solite battute di bonolis e laurenti a sfondo sessuale e gli interventi del notaio o le domande sempre a sfondo sessuale o a doppio senso??? ma per favore….ho smesso di seguire bonolis e il programma tre anni fà proprio perchè ero stufo…e ribadisco, per fortuna esiste il telecomando!



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.