10
settembre

TALE E QUALE SHOW 4: ALESSANDRO GRECO

Alessandro Greco

Alessandro Greco

Nel corso delle sue prime tre edizioni, Tale e Quale Show ha dimostrato di non essere soltanto un’ottima vetrina per personaggi emergenti o in fase d’affermazione, ma di rappresentare una buona occasione professionale anche per personaggi già popolari, le cui carriere attraversano un periodo di stallo. Basti pensare a quanto è accaduto lo scorso anno con conduttori come Fabrizio Frizzi e Amadeus che, dopo essersi messi in gioco con trucchi, parrucche e vocalizzi vari, sono approdati rispettivamente al timone dei preserali di Rai1 L’Eredità e Reazione a Catena. Anche nella quarta stagione del fortunato varietà in salsa talent condotto da Carlo Conti (da venerdì 12 settembre in prima serata su Rai1) c’è chi potrebbe rinverdire la propria popolarità. E’ il caso di Alessandro Greco, eterna promessa della televisione, avvantaggiato rispetto agli altri concorrenti del programma, per via dei suoi trascorsi da imitatore.

Alessandro Greco | Tale e Quale Show 2014 |  la carriera

Tarantino, classe 1972, Greco inizia la carriera come presentatore e imitatore in alcune radio e tv locali. Nel 1992 partecipa al concorso Stasera mi butto, in onda su Rai2. In seguito prende parte ad UnoMattina su Rai1, e conduce il Seven Show su Italia7. Raggiunge la popolarità grazie a Raffaella Carrà, che nel 1997 lo sceglie per condurre lo show musicale Furore, in onda su Rai2. La trasmissione, che ottiene grande successo, lo vede al timone per 5 edizioni sino al 2001. Nell’autunno del 1998 conduce lo sfortunato preserale di Rai1 Colorado, mentre nel 1999 affianca Laura Freddi nello show estivo di Rai2 Portami al mare e fammi sognare.

Nell’estate del 2000, sempre per Rai2, conduce con Federica Panicucci il varietà musicale Una Canzone per te. Dopo alcuni anni di lontananza dal video, torna in tv come concorrente del reality di Italia1 La Talpa, in coppia con la moglie Beatrice Bocci. Dal 2008 inizia un’intesa attività lavorativa in radio, con programmi come Chi c’è, c’è, chi non c’è non parla, No Problem – Viva l’Italia, e Shaker, tutti trasmessi da Rtl 102.5. Nel 2008, ancora una volta sotto il “patrocinio” di Raffaella Carrà, viene scelto come conduttore della trasmissione di Rai3 Il Gran Concerto, programma musicale basato sul format spagnolo El Concertazo di TVE, che si propone di far conoscere e divertire i bambini con la musica classica. La trasmissione viene proposta con successo sino al 2011.

Alessandro Greco | Foto

Dopo una parentesi come inviato di Carràmba che Fortuna, approda nel 2010 al canale MarcoPolo, dove conduce il programma Marcopolo Club. Nell’estate del 2011 ha condotto insieme a Lorena Bianchetti il Derby del Cuore su Rai2, mentre nell’estate del 2012 ha presentato per Rai1 la cinquantacinquesima edizione del Festival di Castrocaro.

Chissà che l’esperienza sul palco di Tale e Quale Show non porti ad Alessandro Greco nuove chance professionali.



Articoli che potrebbero interessarti


Alessandro Greco e Lorena Bianchetti - Una Voce per Padre Pio 2017
Una Voce per Padre Pio 2017: ecco gli ospiti della serata. Conduce Alessandro Greco con Lorena Bianchetti


Furore
Furore: domani l’ultima puntata con Luxuria e Raffaella Fico. A giugno speciale Summer


David di Donatello 2017 Cattelan
Le Pagelle TV della Settimana (27/03-02/04/2017). Promossi Valeria Bruni Tedeschi e Mara Maionchi, bocciati il quotidiano di Amici e Hidden Singer


Alessandro Greco, Furore
Alessandro Greco a DM: Furore torna grazie al pubblico ma non è un’operazione nostalgia

3 Commenti dei lettori »

1. mino ha scritto:

11 settembre 2014 alle 08:51

Finalmente!!!!! ..finalmente Greco e finalmente qualche “spiraglio” di Qualità…



2. michele ha scritto:

11 settembre 2014 alle 09:36

Grande Ale…..!!!! Vai con FURORE!!!!!



3. W.Rai uno ha scritto:

11 settembre 2014 alle 19:54

Finalmente, mi auguro che Rai 1, lo noti per im programma nuvo al posto di edere sempre le stesse persone



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.