Vivendi



12
novembre

Emendamento «salva-Mediaset» ok del Senato. Salvini si smarca e strappa con Berlusconi

Matteo Salvini, Silvio Berlusconi

Il giorno dopo l’approvazione dell’emendamento “anti scalata”, tanto atteso da per sbarrare la strada ad eventuali assalti di Vivendi, nel centrodestra il clima resta teso. Soprattutto tra Lega e Forza Italia, che ieri si sono scontrate sull’argomento. Il partito di Salvini aveva infatti votato contro la norma in commissione Affari Costituzionali, salvo poi correggere la rotta con l’astensione in Senato. Una mossa non certo gradita a , che il leader leghista avrebbe però attuato – secondo i retroscenisti – a fini politici.




9
settembre

Mediaset, primo semestre 2020: fatturato in calo, pesa il lockdown

Mediaset

non vede “nessun’altra strategia” se non un “consolidamento europeo“. Lo ha ribadito il direttore finanziario del gruppo, Marco Giordani, durante la conference call con gli analisti finanziari sui risultati del primo semestre 2020. Nonostante i ricorsi giudiziari di Vivendi abbiano di fatto stoppato il progetto Mfe-MediaForEurope, il top manager ha ribadito l’intenzione di dialogare con i francesi, con i quali peraltro è aperto un altro contenzioso per il mancato acquisto di Premium. Situazione ingarbugliata insomma.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,


3
settembre

Mediaset, la Corte Ue dà ragione a Vivendi: legge Gasparri è contraria al diritto dell’Unione

Corte di Giustizia europea

I giudici europei danno ragione a Vivendi, stavolta senza possibilità di appello, aprendo così nuovi scenari nella già movimentata contesa tra il gruppo francese e . La Corte di Giustizia europea ha infatti stabilito che la disposizione Agcom derivante dalla legge Gasparri, “che impedisce a Vivendi di acquisire il 28% del capitale di Mediaset“, è “contraria al diritto dell’Unione“. Un pronunciamento che riaccende i progetti espansionistici dei transalpini all’interno del Biscione.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,





6
agosto

Mediaset, stop ad Mfe. Ma l’azienda non molla: «Allo studio un’esecuzione diversa del progetto»

Mediaset

Tutto da rifare. dovrà ricalcolare il percorso (ma non la meta). Pur confermando la volontà di investire in progetti di espansione internazionale, il gruppo di Cologno ha formalizzato lo stop all’operazione Mfe-MediaForEurope, che avrebbe dovuto portare alla creazione di un polo europeo della tv in chiaro sotto l’egida del Biscione. La presa d’atto è arrivata ieri dal Cda dell’azienda, dopo la sentenza del tribunale di Madrid dello scorso 20 luglio, che respingeva il ricorso di Mediaset España e dava di fatto ragione a Vivendi (azienda che si era opposta al progetto). 

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,


26
febbraio

Mediaset: via libera ad Mfe. In Olanda rigettato il ricorso di Vivendi

Pier Silvio Berlusconi

Da un’aula di giustizia all’altra, prosegue lo scontro tra MediasetVivendi. Stavolta, con un punto a favore del gruppo di Cologno Monzese. Il Tribunale di Amsterdam ha infatti rigettato il ricorso dell’azienda francese con il quale si chiedeva di “bloccare la fusione transfrontaliera tra Mediaset e Mediaset España” e cioè la realizzazione del progetto Mfe-MediaForEurope. Lo comunica, in una nota, il Biscione.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,





1
dicembre

Tra Mediaset e Vivendi «il tentativo di conciliazione si è concluso negativamente»

Vincent Bolloré (Vivendi)

Vincent Bolloré (Vivendi)

Ancora nessun accordo tra Mediaset e Vivendi, dopo la decisione della Corte di Madrid di ‘appoggiare’ la posizione della media company francese, sospendendo la fusione della tv di Cologno con Mediaset España nella holding MediaForEurope con sede in Olanda. Una mossa che ha portato allo scontro Pier Silvio Berlusconi e Vincent Bolloré, incapaci ancora oggi di trovare un’intesa.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,


12
ottobre

Mediaset, il Tribunale di Madrid sospende la fusione con Mediaset España. Vivendi esulta, Cologno insorge

Pier Silvio Berlusconi

Pier Silvio Berlusconi

Ricordate la decisione di Mediaset di trasferire, insieme a Mediaset España, la sede legale in Olanda, costituendo la nuova holding MediaForEurope? Lo scorso 4 settembre, nonostante il disappunto di Vivendi, dalle assemblee era arrivato il via libera al riassetto delle attività in un unico gruppo, compresa la partecipazione del 9.6% del broadcaster tedesco ProSiebenSat.1. La Corte di Madrid, però, ha bloccato tutto: la fusione è sospesa.


29
maggio

Mediaset diventa prima azionista di Prosiebensat.1 e pensa ad una tv free europea

Piersilvio Berlusconi

punta all’Europa. L’azienda di Cologno ha acquistato il 9,6% del capitale sociale del broadcaster tedesco Prosiebensat.1 Media, operatore che gestisce tv in Germania, Austria e Svizzera, divenendo così primo azionista della società. Per il Biscione è il primo passo verso la creazione di un network tv generalista europeo, obiettivo dichiarato in tempi non sospetti dal Vicepresidente del gruppo milanese, Piersilvio Berlusconi.