Silvio Berlusconi



7
febbraio

HOW I MET YOUR MOTHER 8: SU ITALIA1 CENSURATA LA BATTUTA SU SILVIO BERLUSCONI (VIDEO)

How I Met Your Mother, battuta su Berlusconi

Una libera traduzione dall’inglese, proprio al punto giusto. Così, dal ventitreesimo episodio dell’ottava stagione di How I Met Your Mother, trasmesso ieri su Italia1, è sparita una battuta alquanto esplicita su Silvio Berlusconi. La mancanza non è certo sfuggita agli appassionati della serie tv americana: nella versione originale, infatti, la puntata in questione (dal titolo Qualcosa di vecchio) conteneva un evidente riferimento all’ex premier, che nella resa italiana è stato tagliato.

Il frame incriminato, in particolare, riguarda una discussione tra i protagonisti Lily (Alyson Hannigan) e Marshall (Jason Segel), in procinto di trasferirsi in Italia. Ad aiutarli nella composizione dei bagagli c’è l’amico Ted (Josh Radnor), che consiglia loro di portarsi dietro una vecchia poltrona rossa. Tale suggerimento non è però apprezzato da Marshall, che – nella versione originale – replica così al suo interlocutore (video sotto):

“Ted, l’Italia non ha bisogno di qualcosa di grinzoso, rosso e che non si contiene, che puzza di alcol e droghe varie. Hanno già l’ex Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi”




27
gennaio

SILVIO BERLUSCONI SENZA TRUCCO (FOTO). IL CAV CAMBIA STRATEGIA D’IMMAGINE?

Berlusconi senza trucco, Sunday Times Magazine

Senza trucco e senza inganno: così, al naturale. E’ un Silvio Berlusconi inedito quello apparso sulla copertina e nelle pagine del Sunday Times Magazine. L’ex premier, che ha rilasciato un’intervista al rotocalco britannico, si è lasciato fotografare senza nascondere i segni del tempo. Negli scatti realizzati da Paul Stuart, il Cavaliere è apparso mostrando le rughe e le imperfezioni proprie della sua età (77 anni), come forse mai era accaduto in immagini ‘posate’ che lo ritraessero.

Berlusconi in copertina sul Sunday Times Magazine

In un reportage, il Sunday Times Magazine ha ricostruito le ultime vicende politico-giudiziarie di Berlusconi, dalla sua decadenza da senatore allo scandalo del Bunga Bunga. “Fortunatamente, non ho mai dovuto pagare una donna per fare sesso” ha dichiarato il Cavaliere a John Follain, corrispondente del magazine da Roma. Ma, di fonte a quelle immagini, le parole passano subito in secondo piano. Quello mostratosi al rotocalco britannico è infatti un Berlusconi al naturale, diverso da quello impeccabile spesso esibito davanti alle telecamere.

Del resto, la location è quella casalinga dei servizi fotografici patinati o dei videomessaggi. Ma stavolta, sul Sunday Times, il volto del leader non appare liscio come al solito ed il suo sguardo non è sempre rivolto all’obiettivo. Così, qualcuno si chiede se dietro a questa scelta vi sia una mossa studiata, un astuto cambiamento nella strategia d’immagine. Tale ipotesi potrebbe essere avvalorata a giudicare dalle ultime scelte mediatiche dell’ex premier, che di recente si è mostrato ai telespettatori come un uomo combattivo, provato tuttavia dalle vicende giudiziarie che lo hanno colpito.


15
gennaio

GIOVANNI TOTI IN FORZA ITALIA: BERLUSCONI FRENA SULLA NOMINA

Giovanni Toti

Non l’avrebbe presa bene, Silvio Berlusconi. Troppe beghe da cortile, troppi brontolii contro quella nomina da lui stesso proposta. Così, il Cavaliere è stato costretto a frenare bruscamente sulla designazione di Giovanni Toti a coordinatore unico di Forza Italia, mossa che nei giorni scorsi pareva ormai a un passo dall’ufficialità. Già sembrava tutto deciso: il direttore del Tg4 e Studio Aperto avrebbe conquistato la poltrona più alta del partito berlusconiano, con l’obiettivo di un immediato rilancio politico e mediatico dello stesso. Ma qualcosa non è andata come previsto.

All’interno del movimento azzurro, infatti, sarebbe cresciuta l’insofferenza per la nuova strategia del Cav, che avrebbe attribuito a Toti poteri ben più ampi di quelli riservati ai forzisti della prima ora. In un’intervista al Corriere, Raffaele Fitto aveva chiesto a Berlusconi di evitare quella nomina, invitandolo così a non “umiliare” la classe dirigente del partito. Parole molto chiare, che probabilmente avevano intercettato un sentire comune tra i fedelissimi dell’ex premier. Anche alla luce di tale reazione, il leader di Forza Italia ha così deciso di rallentare il corso degli eventi e di ‘congelare’ temporaneamente il progetto su Toti.

Non c’è mai stata alcuna intenzione di procedere alla nomina di un Coordinatore Unico di Forza Italia, figura peraltro non prevista dallo Statuto del nostro Movimento” ha dunque precisato Berlusconi in una nota, aggiungendo: “non dobbiamo avere timore di aprire le porte del nostro Movimento alle risorse nuove che si affacciano, e che vogliono dare il loro contributo al nostro rilancio“. La strategia è stata perciò ricalibrata, ed ora si può andare avanti col piano. Senza escludere Toti.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,





10
gennaio

FORZA ITALIA: GIOVANNI TOTI SARA’ IL COORDINATORE UNICO. ATTESA A BREVE L’UFFICIALITA’

Giovanni Toti

L’annuncio ufficiale potrebbe arrivare già nelle prossime ore. Perché Silvio Berlusconi ha deciso: sarà Giovanni Toti il coordinatore unico di Forza Italia, il nuovo anti-Renzi di centrodestra. Dopo una serie di valutazioni condotte in autonomia, il Cavaliere avrebbe infatti scelto di affidare all’attuale direttore del Tg4 e di Studio Aperto l’incarico più importante per il rilancio del suo partito. Lo confermano anche gli organi di stampa più vicini all’ex premier. Il giornalista Mediaset dovrebbe ottenere la poltrona di nuovo deus ex machina azzurro, al fianco di Berlusconi stesso, con poteri certamente superiori a quelli dei vari esponenti forzisti.

Forza Italia: Giovanni Toti vice di Berlusconi

La pubblica ‘investitura’ di Toti dovrebbe avvenire a breve, con la benedizione dello stesso Berlusconi ma soprattutto con il placet della famiglia di Arcore e del Presidente di Mediaset Fedele Confalonieri, che dovrebbe cedere un suo uomo a Forza Italia. Tuttavia, secondo voci di corridoio, nel partito non tutti sarebbero contenti dell’ormai imminente nomina, che in particolare avrebbe irritato alcuni fedelissimi della prima ora. A quanto si apprende, il nuovo coordinatore unico dovrà rilanciare Forza Italia sia sul piano politico che su quello mediatico, anche con partecipazioni televisive che lo vedranno protagonista.

Giovanni Toti a Forza Italia: chi lo sostituirà a Mediaset?

Lo stesso Berlusconi, del resto, avrebbe auspicato la promozione di volti nuovi per la politica, e la possibile scelta di Toti sarebbe da leggere in tal senso. Qualora il giornalista lasciasse il suo incarico a Mediaset, si libererebbe automaticamente la direzione del Tg4 e di Studio Aperto, con la conseguente necessità di un avvicendamento. Al riguardo circolano già diversi nomi, da Giorgio Mulè a Nicola Porro, passando per Paolo Del Debbio (dato per favorito al Tg4), Claudio Brachino, Anna Broggiato e fino ad Alessandro Sallusti (che però aveva smentito un suo interessamento alla direzione di un tg), ma si tratta solo di indiscrezioni. Nulla di più. 


6
gennaio

BERLUSCONI: ORA VOLTI RASSICURANTI IN TV. NO A SANTANCHE’ E MUSSOLINI, SI A CARFAGNA E BRUNETTA?

Silvio Berlusconi, Mara Carfagna

Update: In una nota, l’ufficio stampa di Forza Italia ha smentito l’esistenza di presunte liste di proscrizione stilate da Berlusconi in merito alle apparizioni televisive. “In relazione a un articolo uscito sul quotidiano La Repubblica – si legge – non esiste alcuna black list o qualsivoglia ‘lista di proscrizione’ di esponenti di Forza Italia per le apparizioni televisive voluta dal presidente Silvio Berlusconi, come già ribadito nello stesso articolo dalla responsabile della Comunicazione del partito, Deborah Bergamini”

Sei dentro, sei fuori (dal piccolo schermo). L’indicazione sarebbe arrivata proprio da Silvio Berlusconi, con una sorta di lista dei promossi e dei bocciati: una pagella di inizio anno, insomma. Secondo indiscrezioni, il leader di Forza Italia avrebbe indicato quali dei suoi uomini dovrebbero apparire più spesso in televisione e quali invece ritornare dietro le quinte. L’idea, che frullava da tempo nella testa del Cav, ora si sarebbe concretizzata, quasi in risposta alle spinte ‘rottamatrici’ della politica nazionale.

Silvio Berlusconi: niente tv per chi alza i toni

Stando ai rumors di Repubblica, il Cavaliere avrebbe deciso di depennare dalla lista quei politici che si sono distinti per discussioni dai toni urlati. A proposito, i primi a dover fare un passo indietro dalle telecamere sarebbero Maurizio Gasparri, Daniela Santanchè (minacciata di morte a Servizio Pubblico), Alessandra Mussolini, Micaela Biancofiore, Laura Ravetto e Lara Comi. Come precisato, si tratta però di indiscrezioni e dunque l’elenco dei nomi potrebbe anche essere smentito o modificato.

Del resto, la responsabile della comunicazione di Forza Italia, Deborah Bergamini, ha smentito “categoricamente l’esistenza di una qualsiasi lista di proscrizione“. Un riscontro in tal senso potremmo averlo già nei prossimi giorni, quando, smaltita la sbornia delle feste, i politici torneranno a farsi sentire nei ‘pastoni’ dei tg e nei programmi d’approfondimento. Allora sì, potremo verificare se il parterre dei forzisti sarà quello di sempre o se invece sarà cambiato.





30
dicembre

BERLUSCONI, VIDEOMESSAGGIO DI FINE ANNO. COSI’ IL CAV VUOLE SPIAZZARE NAPOLITANO

Silvio Berlusconi, videomessaggio

Altro che petardi e razzi pirotecnici: il vero botto di Capodanno lo sta preparando Berlusconi. Per concludere i dodici mesi più movimentati della sua carriera politica, il Cavaliere avrebbe pronto un piano mediatico dei suoi. Secondo indiscrezioni, l’idea dell’ex premier sarebbe quella di irrompere in tv proprio in questi giorni di festa, con un videomessaggio alla nazione. Il blizt televisivo, dicono i bene informati, potrebbe avvenire oggi stesso o domani, in concomitanza con un altro discorso tradizionalmente molto atteso.

Berlusconi, videomessaggio per replicare a Napolitano

La sera del 31 dicembre, infatti, Giorgio Napolitano pronuncerà il suo messaggio agli italiani, al termine di un anno in cui egli stesso ha giocato un ruolo decisivo nella designazione degli equilibri politici. Ne sa qualcosa Berlusconi, oggi molto critico nei confronti del Capo dello Stato. Con una astuta mossa, il leader di Forza Italia potrebbe comparire in tv con un discorso ad effetto, così da guastare il veglione a Re Giorgio. Il videomessaggio potrebbe arrivare prima di quello del Quirinale oppure dopo, quasi in forma di replica. Tuttavia, le modalità d’intervento sarebbero ancora da definire, e nell’entourage del Cavaliere non mancherebbero gli scettici, inclini alla prudenza.

Discorso di fine anno: lo farà anche Grillo

Stando a quanto si apprende, però, Silvio sarebbe decisamente interventista. Anche perché, proprio il 31 dicembre, pure Beppe Grillo farà sentire la propria voce con un contro-discorso di fine anno, in aperta polemica col Presidente della Repubblica. Berlusconi, insomma, non intenderebbe perdere un’occasione per ribadire agli italiani la propria posizione, rimarcando la necessità di tornare presto al voto e lanciando invettive alla magistratura ‘politicizzata’.


3
dicembre

DMLIVE24: 3 DICEMBRE 2013. RENZI IMITA BERLUSCONI (VIDEO), D’ALEMA A LE IENE: VOTERO’ RENZI SE CANDIDATO ALLE ELEZIONI

Matteo Renzi a Piazzapulita imita Berlusconi

Matteo Renzi a Piazzapulita imita Berlusconi

Il DM Live 24 è un post pubblicato ogni giorno (a mezzanotte circa) nel quale, tramite i commenti, vengono raccolte in tempo reale le segnalazioni degli utenti su qualunque programma in onda e, più in generale, in relazione a qualsivoglia notizia televisivamente rilevante. I più interessanti verranno pubblicati nel DM Live 24 del giorno successivo.

Renzi imita Berlusconi a Piazzapulita

“Io non faccio lo slogan dicendo: ‘ti prometto 1 milione di posti di lavoro’. Io dico che se ce la mettiamo tutta sul turismo si creano posti di lavoro”. Così Matteo Renzi a Piazzapulita in diretta su La7 che, nel rispondere, imita Silvio Berlusconi.

D’Alema a Le Iene: voterò Renzi se candidato alle elezioni

Oggi nell’ultimo appuntamento stagionale in prima serata con “Le Iene show”, Enrico Lucci intervista Massimo D’Alema. A seguire alcuni passaggi:

Enrico Lucci: Hai visto che a Renzi ho fatto dire che non ti deve più rompere i co***i?
Massimo D’Alema: Si. Ma l’ha detto proprio perché gliel’hai estorto tu. Comunque se lui non li rompe a me, io non li rompo a lui. Parliamoci chiaro: io non sapevo manco chi era Matteo Renzi. Lui si è affermato sulla scena politica avendo come principale parola d’ordine “rottamare Massimo D’Alema”. Mettiti nei miei panni. Arriva uno che dice: voglio rompere le ossa a quello là. Tu come ti metteresti?
Lucci: Io me sarei incaz***o
D’Alema: Te saresti incaz***o? E pure io.
Lucci: Ti rode che non stai più in Parlamento perché lui ti ha rotto i co***i?
D’Alema: Assolutamente no. Faccio cose che mi interessano di più, viaggio molto di più. Ho meno vincoli, meno obblighi. Il Parlamento purtroppo, a me dispiace, è talmente screditato che una signora mi ha detto: onorevole! Ed io: “Io non so più onorevole, io non sto più in Parlamento”. E lei: “Bravo”, mi ha detto, come se avessi fatto chissà cosa”.
Lucci: Cos’è che non ti piace di Renzi?
D’Alema:  Io preferisco Cuperlo perché è un ragazzo serio, profondo. Renzi concepisce il partito come un trampolino di lancio per volare su Palazzo Chigi. Gliel’ho detto: tu sali sul trampolino per tuffarti. Ma la piscina è vuota perché le elezioni ancora non ci sono.
Lucci: Se Renzi sarà il candidato alle elezioni tu lo voterai?
D’Alema: Ah certamente, certamente. Io penso che Renzi sia molto più adatto a fare il candidato alle elezioni
Lucci: Con Renzi  segretario, c’è un rischio scissione nel  Pd?
D’Alema: No, la scissione dovremmo promuoverla noi.
Lucci:  Promuoveresti mai una scissione nel Pd perche c’è Renzi segretario?


30
novembre

MAURIZIO CROZZA A FRANCESCA PASCALE: MA MANGIATI UN CALIPPO, ERI BRAVISSIMA A FARLO (VIDEO)

Maurizio Crozza, Francesca Pascale

La concomitanza politica era troppo ghiotta, ed era scontato che Maurizio Crozza la cogliesse al volo. Ieri sera, in diretta su La7, il comico genovese ha commentato a modo suo la decadenza di Silvio Berlusconi dalla carica di senatore. “Ma a lui di entrare in Senato che cosa gliene frega? Non ci è mai andato (…) E’ come se a me avessero impedito di entrare in una cisterna etrusca” ha ironizzato Crozza, che era entrato in scena vestendo i panni dell’ex premier. Tra un’imitazione e una gag, il guitto ha fatto a lungo satira sul Cav, poi ha bersagliato Francesca Pascale.

Ed è proprio all’attuale fidanzata di Berlusconi che Crozza ha riservato un paio di battute al vetriolo. “Ha ventotto anni, mettetevi nei suoi panni. E’ disoccupata, il suo ragazzo ha perso il lavoro, gli hanno pure tolto i documenti e lo Stato non li sta aiutando. Cosa deve fare?” ha scherzato il comico, riferendosi poi all’intenzione della giovane di chiedere la grazia a Napolitano, ed immaginandosi quest’ultimo alle prese con le scottanti carte del processo Ruby.

Crozza ha anche dileggiato il desiderio della Pascale di appellarsi a Papa Francesco. “Vabbè che lui è buono ma lascialo stare, Pascale. Ma mangiati un Calippo. Eri bravissima a mangiare i calippi” ha commentato Crozza, accompagnato dalle risate del pubblico. Per chi non avesse colto, il comico si riferiva all’ormai celebre video d’antan in cui una giovanissima Francesca si esibiva come soubrette del programma trash Telecafone, mangiando proprio un Calippo.