Serie TV



21
settembre

INTELLIGENCE: ANCHE L’ITALIA AVRA’ I SUOI AGENTI SEGRETI IN FICTION. A SETTEMBRE CON RAOUL BOVA

Raoul Bova (Intelligence)

E’ la serie più attesa dell’autunno: Intelligence – Servizi e segreti aprirà la stagione delle fiction di casa Mediaset, inaugurando allo stesso tempo il filone della spy story. Sei puntate in onda da lunedì 21 settembre su Canale5 per una delle fiction più costose della storia della produzione seriale Mediaset: dichiarati venti milioni di euro (anche se c’è chi parla di oltre 30 mln). Ma pare che l’ingente somma di denaro sia stata spesa bene, come affermano i fortunati che hanno potuto vedere le prime immagini.

I Servizi segreti targati Taodue, da sempre garanzia in termini di qualità e modernità, per la regia di Alexis Sweet, mescolano azione, spionaggio, colpi di scena e un uso delle tecnologie più avanzate per una fiction che si allontana dai canoni delle produzioni nostrane, su cui Canale5 punta il tutto per tutto per un brillante inizio d’autunno, come dimostrano i promo bombardanti di queste settimane. Se tutto questo non bastasse, un motivo in più per seguire Intelligence è dato dal personaggio chiave della storia, Raoul Bova, maestro di fascino e bravura. Di ritorno alla fiction di casa nostra (indimenticabile “Ultimo”), Bova si cimenta in un ruolo d’azione ispirato ai celebri personaggi dello spionaggio internazionale come James Bond e il protagonista di Mission impossible.

Del resto i numeri della fiction che vi riportiamo non hanno nulla da invidare alle grandi produzioni cinematografiche: 36 settimane di riprese, 500 stuntman, 5000 comparse e partecipazioni speciali, 320 location distribuite tra Italia, Tunisia, deserto dello Yemen, Romania, Svizzera e Siria, 1000 tra automobili, moto e mezzi speciali e 30 elicotteri.




6
settembre

RITORNANO “GOSSIP GIRL” (CHE INTERROMPE DAWSON’S CREEK) E “90210″, I TEEN-DRAMA GIA’ BOCCIATI IN PRIMA SERATA

teen_drama030909.jpg

From the east-side, to the west-side”: con la nuova stagione ripartono, con tanto di riepilogo delle puntate precedenti, i patinati telefilm adolescenziali “Made in U.S.A.. L’appuntamento per la “scorpacciata” è fissato a Lunedì 7 settembre: alle 15 su Italia 1, riparte la prima serie di “Gossip Girl” che ha il duplice compito di fare da traino alla seconda già trasmessa su Mediaset sul Digitale terrestre, e interrompere nel bel mezzo della storia tra Joey e Pacey, l’apprezzatissima replica di “Dawson’s Creek” (oltre il 12% di share); alle 17 invece su Rai2, riprendono “ex novo” le vicende di “90210” e del suo West Beverly High.

Ritorna la bionda Serena (Blake Lively), la sua amica Blair (Leighton Meester), Chuck (Ed Westwick) e tutto il carrozzone di “upper-east-siders” commentati dalla misteriosa blogger “Gossip Girl”: amori, tradimenti, misteri e vita spericolata da rivivere puntata dopo puntata, aspettando la seconda serie in cui il leit-motiv sarà ancora la contrastata relazione tra Serena e Dan (Penn Badgley) e, in un facile parallelismo, quella tra i loro genitori, Rufus (Matthew Settle) e Lily (Kelly Rutherford), che si avvicineranno dopo una rivelazione fatta da lei.

Sulle sponde di Rai2 invece attracca di nuovo il c.a.p. più famoso del mondo: dopo la battuta d’arresto estiva, ritorna “90210” e tutte le vicissitudini della famiglia Wilson appena trasferitasi dal Kansas. Il life-style, gli amori e la nuova quotidianità dei fratelli Annie (Shenae Grimes) e Dixon (Tristan Wilds), della madre fotografa Debbie Wilson (Lori Loughlin – Summerland), del padre Harrison Wilson (Rob Estes – Merlose Place), ex diplomato della West Beverly Hills High e ora nuovo preside della scuola, e della nonna Tabitha Wilson (Jessica Walter). Tutto intorno, gli intrecci di un manipolo di sedicenni e il ritorno di due guest stars (Shannen Doherty alias Brenda Walsh e Jennie Garth nei panni di Kelly Taylor) che avevano fatto grande la serie originale “Beverly Hills – 90210”.


3
settembre

SURVIVORS: STASERA IN PRIMA SERATA SU RAITRE IL REMAKE DELLA CELEBRE SERIE DEGLI ANNI ‘70

Survivors Raitre

Negli anni ‘70 Survivors, giunto in Italia con il titolo “I Sopravvissuti”, incantò il pubblico di tutto il mondo raccontando la storia dei pochissimi scampati all’epidemia causata da un virus altamente letale, colpevole della morte del 99% della popolazione mondiale.

Oggi, grazie ad un remake fortemente voluto dal network inglese BBC, Survivors torna ad appassionare milioni di spettatori, vecchi e nuovi, in tutto il mondo, rimanendo fedele all’idea iniziale della terribile pandemia, e adattando personaggi e dinamiche ai cambiamenti subiti dal nostro pianeta nel corso degli anni. La paura, lo sconcerto e le incertezze vissute dai fortunati scampati al virus approderanno su Raitre stasera alle 21:10, quando anche in Italia potremo seguire le vicende di una Londra dagli scenari post-apocalittici. Gli otto protagonisti, scampati per diverse ragioni alla morte, devono fare i conti con una società che non ha più regole, nè risposte alle tante domande scatenate dall’epidemia.

Fra loro, come nella serie originale, figura Abby Grant, fondatrice del primo gruppo di sopravvissuti e determinata a ritrovare a tutti i costi il figlio Peter, di 11 anni. Con l’episodio pilota faremo la conoscenza di Abby e di tutto il gruppo di protagonisti, molto più eterogeno di quello che negli anni ‘70 fece sognare il pubblico, specchio di una società, quella inglese, multietnica e variegata. A differenza dell’originale, inoltre, Survivors concentra tutta la sua forza narrativa in un numero più esiguo di episodi, 6 (da 60 minuti) a fronte dei 13 della prima versione, assicurando così alla serie un ritmo serrato, senza i temutissimi cali di tensione, e mantenendo il suo appeal intatto dall’inizio fino alla fine.

Dopo il salto scopri protagonisti e interpreti di Survivors:





29
agosto

HEROES BATTE LOST: SECONDO BIG CHAMPAGNE, LA SERIE CULT IDEATA DA TIM KRING È LA PIÙ SCARICATA DEL WEB

Lost,Heroes - Download

C’era chi a metà della seconda stagione lo dava per spacciato. Senza poi avere tutti i torti, visto il tortuoso plot attraverso cui, a fatica, dovevano districarsi i sin troppo numerosi personaggi di Heroes.

Il celeberrimo serial ideato da Tim Kring, invece, si è egregiamente ripreso, tornando a essere oggetto di culto per i suoi milioni di fans, fino a divenire la serie tv più scaricata del web. Con ben 55 milioni di download, Heroes è schizzato in cima alla classifica stilata da Big Champagne, compagnia leader nella fornitura di strumenti di analisi nel consumo dei media digitali on line.

Secondo Eric Garland, punta di diamante della Big Champagne, “scaricare film o serie televisive dalla rete è diventato ormai un comportamento socialmente accettabile“: era quindi inevitabile tastare il gusto del pubblico virtuale, per comprenderne il comportamento e i gusti.

Le sorprese non sono state poche. Scopri classifica e curiosità dopo il salto:


27
agosto

KNIGHT RIDER: SU STEEL IL SEQUEL DELLA SERIE CULT SUPERCAR

Knight Rider (Justin Bruening)

Era bella, grintosa, nera e intelligentissima: i suoi fan la riconoscevano dallo scintillio dei led luminosi rossi. Era K.I.T.T., la super tecnologica macchina parlante, che salvava sistematicamente l’agente Michael Knight, interpretato dall’aitante David Hasselhoff, dai cattivi di turno di ogni episodio di Supercar.

Supercar, vera e propria serie cult degli anni 80, in America si è conclusa nel lontano agosto del 1986: dopo ben 23 anni – e qualche timido quanto fallimentare tentativo di sequel – K.I.T.T. tornerà per i fan italiani su Steel con Knight Rider, tutti i venerdì sera alle 21.00 a partire dal 28 agosto.

Knight Rider, rispetto ai precedenti Team Knight Rider e Knight Rider 2000, sembra essere un sequel dello storico Supercar con una marcia in più. Premesso che il confronto con la vecchia serie è alquanto difficile da sostenere, soprattutto per quello che riguarda il personaggio principale, il successore di Hasselhoff non sembra poi cavarsela male. Il protagonista di Knight Rider è Justin Bruening, che nello show interpreta il figlio di Michael Knight, Michael Traceur – all’inizio della serie non sa ancora di essere il figlio di Knight. Il nuovo pilota, noto agli addicted delle serie tv per la parte di James E. Martin ne “La valle dei pini”, non sembra aver sfoderato la verve che contraddistingueva Hasselhoff, ma si comporta egregiamente cercando di non esserne l’attore-fotocopia.





25
agosto

DEXTER: DAL 18 SETTEMBRE LA III STAGIONE SU FX. PER I FAN PIÙ AFFEZIONATI, IL PREAIR DELLA IV È SUL WEB

Dexter (Living the Dream, preair) Attenzione pericolo Spoiler: Aveva lasciato i suoi adepti con un bebè in cantiere, un trasloco a casa della mogliettina Rita e una vita da americano medio nel cassetto: così Dexter aveva salutato i suoi fan. Per gli addicted di una delle serie tv più amate, Dexter è tornato con un preair a dir poco rivoluzionario. Dotato della sua immancabile verve ironica, l’ematologo Morgan nella IV stagione si presenta come un provetto papà. Per evidenziare l’evoluzione del personaggio anche la sigla è stata leggermente rivisitata.

Il tema introduttivo in Dexter, infatti, ha sempre avuto la funzione di evidenziare il dualismo Dexter vs. Passeggero Oscuro: a livello tematico tale dualismo era marcato dall’opposizione Ordine vs. Disordine, a livello cromatico dal contrasto Bianco vs. Rosso. Proprio nel preair tale opposizione viene sconvolta su entrambi i livelli: una versione audacemente ironica della sigla viene riproposta poco dopo l’inizio dell’episodio, con il Dexter bravo paparino che cerca di ripetere il rituale dei suoi gesti quotidiani … con scarsi risultati.

Se la natura sociale e diurna di Dexter viene quanto mai accelerata, quella notturna e sociopatica non viene a morire: si riposa nel buio, anelando la soddisfazione del suo bisogno interiore. Indaga, verifica dati, analizza e con l’ausilio del suo amatissimo Mac, Dexter/Il Passeggero Oscuro pianifica il prossimo, purificante, omicidio. Il serial killer che è in lui non ha abbandonato i suoi fan.

Naturalmente nuove sfide lo attendono:


24
agosto

LOST: SU RAIDUE GLI EPISODI DELLA V STAGIONE. DAL WEB RUMORS SULLA SEASON FINALE

Lost

I fan italiani li seguono su Raidue dal 27 luglio scorso, tutti i lunedì sera, a partire dalle 21.05. Aspettavano ansiosamente la messa in onda della V stagione, per provare a risolvere quel rompicapo ben riuscito che J.J. Abrams &C. hanno battezzato sotto il nome di Lost. Se tali adepti di Mamma Rai, fino ad ora, hanno, dunque, potuto seguire a malapena una decina di episodi della penultima stagione, la rete già brulica di golosi rumors a proposito dell’attesissima stagione finale.

In primis, è necessario tranquillizzare gli addicted più ansiosi sull’accusa di plagio mossa dal 78 enne Anthony Spinner a J.J. Abrams, Damon Lindelof, Jeffrey Lieber e alla ABC. Circa un mese fa, infatti, sul web circolava la notizia secondo cui Lost sarebbe stato copiato da una idea originale di Anthony Spinner, ex produttore televisivo. O meglio, questa era l’accusa che Spinner sembrava aver mosso ai produttori di Lost: il 78 enne avrebbe sostenuto di aver scritto la sceneggiatura di Lost già nel 1977, di aver ricevuto un compenso di 30.000 $ ma di non disporre di alcuna documentazione attestante il deposito dell’opera. Col passare dei giorni, i fan più accaniti hanno iniziato a sospettare che dietro il J’accuse di Spinner non ci fosse altro che un’operazione di viral marketing goffamente riuscita.

La squadra di J.J. Abrams non è infatti nuova a questi episodi clamorosi di guerrilla marketing: l’anno scorso era stata la volta del portale “Dharma wants you”, tramite cui si poteva inviare il proprio cv per candidarsi come membro della Dharma Initiative. Le community meglio informate, anziché cadere nel tranello di Spinner, hanno preferito indagare sui personaggi che compariranno nella stagione finale. Sul podio della classifica degli addicted più informati, compare senz’altro la community Lost Stagione6. Questa comunità virtuale, nata sul social network più in voga del momento, Facebook, basa le proprie informazioni sugli spoiler dati da ItaliaTopGames: anticipazioni che fino ad ora si sono rivelate veritiere.


15
agosto

I QUATTRO DI DAWSON’S CREEK: PACEY RITORNA SU ITALIA 1 CON “FRINGE”, GLI ALTRI…

Dawson’s Creek (Van Der Beek, Joshua Jackson, Michelle Williams, Katie Holmes)

Guardare le prime serie di “Dawson’s Creek” in tenera età può provocare alla psiche del telespetttore molti effetti collaterali, e ne è una dimostrazione il fatto che a distanza tempo non ci si riesca a schiodare dalla TV dinanzi alla 124esima replica della serie in cui Joey (Katie Holmes) sta per mollare Dawson (James Van Der Beek) a favore dello scapestrato Pacey (Joshua Jackson).

Lecita dunque la domanda: cosa ne è stato dei fantastici quattro (Dawson, Joey, Pacey e Jen)? Una risposta in realtà ce la forniscono già gli intermezzi pubblicitari di Italia1 che presentano la nuova stagione dell’emittente. Ma andiamo con ordine.

Per quanto riguarda le ragazze, il curriculum di entrambe è caratterizzato dalla relazione con attori famosi. La più fortunata sicuramente è stata Katie Holmes che si è accaparrata niente-popò-di-meno-che Tom Cruise e ovviamente essere la signora Cruise ha molto agevolato la sua carriera: tra gli altri, “Batman Begins” e l’impegno a Broadway (2008) per “All my Sons”, mentre l’ultima apparizione sugli schermi italiani è stata registrata sempre su Italia 1 in un cameo per la serie “Eli Stone”.