Rai4



24
settembre

DAL TRAMONTO ALL’ALBA: SU RAI4 ARRIVA IN PRIMA TV LA SERIE A FIRMA DI ROBERT RODRIGUEZ

Dal Tramonto all'Alba - La Serie

La nuova stagione di Rai4 continua a colpi di prime visioni tv. Dopo la domenica a tinte fosche di Secret and Lies e il lunedì “gotico” di Penny Dreadful, al giovedì, alle 22,45, arriva in prima tv Dal Tramonto all’Alba, la serie in cui il texano Robert Rodríguez riporta sul piccolo schermo il soggetto del suo omonimo film cult del 1996. Una pellicola epocale nella quale l’allora nascente filone pulp si mescolava con vari generi classici del B-movie anni settanta: dal road-movie a sfondo criminale all’horror con vampiri. Ideata e prodotta da Rodriguez, la serie mette in scena le nefande vicende dei due fratelli Gekko alle prese con una gang di vampiri in un’assolata ambientazione Texana. I personaggi e le vicende sono quelle dei tre film che fanno parte della saga, ampliando lo sviluppo di alcuni di essi con nuovi retroscena.




13
settembre

SECRETS AND LIES: AL VIA SU RAI4 IN PRIMA TV LA SERIE MYSTERY PRODOTTA DA ABC

Secrets and Lies

Rai4 ha affilato le unghie e, complice altresì la nuova vetrina sul canale 104 di Sky, sembra voler ritagliarsi uno spazio sempre maggiore tra il pubblico amante delle serie tv. Dopo il debutto lo scorso lunedì della serie gotica Penny Dreadful, e in attesa di vedere a novembre Il Trono di Spade 4, questa sera arriva in prima tv assoluta Secrets and Lies, serie mystery prodotta quest’anno da ABC. Secrets and Lies è un dramma investigativo dalle tinte fosche, che vede protagonisti Ryan Phillippe nei panni di un tranquillo padre di famiglia, sospettato dell’omicidio di un bambino di cui ha denunciato il ritrovamento del cadavere. Al suo fianco Juliette Lewis nel ruolo di un’inflessibile detective titolare delle indagini.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,


13
settembre

RAI 4 SUL CANALE 104 DI SKY: C’E’ L’ACCORDO

Rai4

Il dado è tratto. Sky ha completato la “riformulazione” del proprio telecomando dopo l’uscita di scena dei tre canali generalisti di Mediaset dalla numerazione della pay tv. Dopo aver sostituito Canale 5 con SkyUno al 105 e Italia 1 con Fox al 106, la tv satellitare ha sciolto gli ultimi dubbi e posizionato al 104, al posto di Rete 4, il canale della tv di Stato Rai 4.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,





4
settembre

RAI4: LA NUOVA STAGIONE CON PENNY DREADFUL, RAY DONOVAN E GLI EMMY

Ray Donovan

Un autunno carico di serie tv per Rai4. Il probabile nuovo canale 104 di Sky inaugura la nuova stagione lunedì 7 settembre in prime time con lo start di Penny Dreadful, serie gotica di Showtime proposta poi il venerdì in seconda serata in versione integrale non censurata.

Rai4: a novembre Il Trono di Spade 4

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,


2
settembre

MEDIASET CRIPTA E SKY SI RINNOVA: AL 104 ARRIVA RAI 4, SKYUNO AL POSTO DI CANALE 5

Canali Mediaset criptati su Sky

Cambia la numerazione del telecomando Sky. La decisione, giocoforza, arriva dalla volontà di Mediaset di oscurare i tre canali generalisti (Canale 5, Italia 1 e Rete 4) visibili ad oggi dal 104 al 106 sulla tv a pagamento di Rupert Murdoch. I vertici del Biscione, infatti, hanno già fatto sapere che le proprie trasmissioni potranno andare in onda sul bouquet Sky soltanto in presenza di un accordo commerciale (e, dunque, di un equo corrispettivo), che dovrà essere raggiunto entro lunedì prossimo. In assenza, via al criptaggio.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,





10
giugno

DOMINION: SU RAI4 IN PRIMA TV IL FANTASY POST APOCALITTICO CON GLI ANGELI IN GUERRA

Dominion

Novità in arrivo su Rai4. Da questa sera alle 21,10 andrà in onda in prima visione Dominion, fortunata serie statunitense sci-fi/fantasy, creata da Vaun Wilmott. Il serial, trasmesso lo scorso anno dalla pay-tv Syfy, tenterà di rinverdire il sin troppo ripetitivo palinsesto, cercando di arginare la fuga di pubblico che da qualche tempo ha colpito la rete. A due anni di distanza dall’addio del suo “storico” direttore Carlo Freccero, Rai4 ha iniziato, infatti, a mostrare degli importanti segni di stanchezza. L’impietosa curva dello share che, in piena direzione Freccero veleggiava nelle 24h oltre l’1.20%, con punte dell’1,40% nei mesi estivi, è ora arrivata ad una media dello 0,80% di share. Necessario dunque intervenire con nuove produzioni in grado d’intercettare un pubblico che, complice l’estate e il calo dell’offerta dei canali generalisti, abbia voglia di contenuti inediti.

Dominion – La trama

Dominion è uno spin off del film del 2010 Legion, i cui i protagonisti sono gli arcangeli Michele e Gabriele, scesi sulla terra, l’uno per salvarla e l’altro, invece, per distruggerla. Una battaglia durissima e cruenta dalle sfumature del thriller e dell’horror, combattuta nel deserto californiano del Mojave. Da queste premesse nasce e si sviluppa, con un racconto indipendente rispetto al film, la serie.

Si riparte 25 anni dopo le vicende narrate in Legion. L’arcangelo Gabriele ha deciso lo sterminio dell’umanità, trovando i suoi alleati negli angeli delle schiere inferiori, che s’incarnano negli umani assumendo fattezze da zombi. A Gabriele si oppone però l’arcangelo Michele, che per assicurare una speranza di salvezza all’umanità ha sottratto alla morte un nuovo messia, Alex. Dall’assedio, raccontato in Legion, di una caffetteria nel deserto, in Dominion si passa all’assedio di un’intera città, Las Vegas, trasformata in un gigantesco fortino da Michele e dai sopravvissuti. Un luogo governato con pugno di ferro da un regime militare. Il tempo è passato e il giovane messia si è ormai fatto uomo, ma attende ancora egli stesso la sua rivelazione. Alex, militare coraggioso quanto indisciplinato, sembrerebbe avere tutte le caratteristiche del caso.

Dominion – Foto

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,


5
febbraio

ORANGE IS THE NEW BLACK E WEEDS 7: LE GALEOTTE E LA SPACCIATRICE ARRIVANO SU RAI4

Orange is the new black

Non servono i consigli di Enzo Miccio per sapere che il nero sta bene su tutto; è il passepartout per ogni occasione, un “must” di cui non si può fare a meno. Ma quando si è in prigione, e il tutone da caserma rappresenta l’unico pezzo forte del guardaroba, è l’arancione che diventa il nuovo nero. Da questa sera alle 23:00 su Rai4 arriva finalmente in chiaro la prima, pluripremiata stagione di “Orange is the new Black“, la serie rivelazione del 2013 ambientata all’interno di un carcere femminile.

Orange Is The New Black: la trama

La serie – tratta dal memoir di Piper Kerman intitolato “Orange Is the New Black: My Year in a Women’s Prison” e trasmessa in streaming sulla piattaforma Netflix – è un dramedy che racconta le vicende di Piper Chapman (Taylor Schilling), una trentenne medio borghese che viene condannata a scontare 15 mesi nella prigione federale di Litchfield per aver trasportato una valigia piena di soldi per conto di Alex Vause (Laura Prepon), una trafficante di droga internazionale un tempo sua amante. Piombata in una realtà conosciuta finora solo tramite libri e quotidiani, ne viene sopraffatta: ma si sa, l’istinto di sopravvivenza, se sollecitato da eventi e incontri inaspettati, può portare a conseguenze poco prevedibili. Durante la sua prigionia, Piper cercherà non solo di reagire allo shock iniziale e ricavarsi così uno spazio nella gerarchia delle detenute, ma si troverà anche a riesaminare la sua relazione con Alex, finita dietro le sbarre con lei. Le vite delle due protagoniste si intrecceranno con quelle delle altre “tute arancio”, tra cui spiccano Galina “Red” Reznikov (Kate Mulgrew), figura materna addetta alla cucina con un passato legato alla mafia russa; Miss Claudette Pelage (Michelle Hurst), la compagna di stanza di Piper; la violenta Suzanne “Occhi Pazzi” Warren (Uzo Aduba, premiata con un Emmy per questo ruolo); la ninfomane Nicky Nichols (Natasha Lyonne, vera detenuta per guida in stato di ebrezza nel 2001, per aver creato zizzanie nell’appartamento dell’attore Michael Rappaport presso il quale era in affitto nel 2003, e per aver assalito verbalmente e fisicamente una vicina nel 2004); la religiosa Tiffany “Pennsatucky” Doggett (Taryn Manning); la pericolosa manipolatrice Yvonne “Vee” Parker (Lorraine Toussaint) e la transgender Sophia Burset (Laverne Cox, attrice transessuale prima ad apparire sulla copertina di TIME)

Attraverso lo sguardo della protagonista, la sceneggiatrice Jenji Kohan si propone di offrire un affresco corale che indaga sull’auto-distruzione e sulla brutalità insita anche nell’animo femminile, e la prigione rappresenta solo lo sfondo nonché un’iperbole per enfatizzare questo aspetto.

Weeds 7: anticipazioni


7
gennaio

THE WHITE QUEEN: TRE REGINE, DUE “ROSE”, UNA SOLA CORONA. DAL 7 GENNAIO IN PRIMA TV FREE NELLA SERATA DI RAI4 DEDICATA ALL’EPIC DRAMA

The White Queen

The White Queen

L’offerta seriale del gennaio targato Rai4 si arricchisce con tre titoli “epici”. Prima che le sanguinose barbarie di Vikings e gli spettacolari duelli de Il Trono di Spade imperversino nella seconda serata di Rai4, dal 7 gennaio alle 21:10 sarà comunque tempo di guerra, ma il campo di battaglia si sposterà tra i sontuosi corridoi di palazzo e nelle affollate camere da letto, con la prima (e unica) stagione di The White Queen.

Difatti, la cronaca della “Guerra delle Due Rose” – lungo ed estenuante conflitto che vide contrapporsi York (Rosa Bianca) e Lancaster (Rosa Rossa) per la presa del trono d’Inghilterra dal 1455 al 1485 – rappresenta solo lo sfondo, nonché il pretesto, per romanzare sugli intrighi dinastici di tre donne, che con la loro sete di potere, manipolano da dietro le quinte la violenta lotta per la corona.

The White Queen: la trama

“The White Queen” – mini serie britannica co-prodotta da BBC e composta da 10 episodi da 60 minuti – è l’adattamento televisivo dei romanzi “La Regina della Rosa Bianca”, “La Regina della Rosa Rossa” e “La futura Regina” appartenenti alla saga letteraria “La guerra dei cugini” di Philippa Gregory. La cornice storica dell’Inghilterra del XV secolo fa da sfondo alle vicende di Elizabeth Woodville (Rebecca Ferguson, la Regina Bianca del titolo), vedova di John Grey, morto combattendo per il re Henry VI di Lancaster. Quando gli York salgono al potere, Elisabeth si ritrova senza più alcun possedimento e con due figli da mantenere. Per permettere ai suoi rampolli di seguire una vita dignitosa, riesce a far innamorare il giovane Edward IV (Max Irons) di York, e lo sposa segretamente nonostante il parere contrario di Lord Warwick (James Frain, Thomas Cromwell nella serie “cugina” I Tudors – Scandali a corte). Anche Margaret Beaufort (Amanda Hale) e Anne Neville (Faye Marsay) faranno di tutto pur di allontanare la popolana Elizabeth dalla corona: la prima (la Regina Rossa) decisa a portare sul trono il proprio figlio Henry Tudor (Michael Marcus), la seconda destinata a diventare regina al fianco di Richard III d’Inghilterra (Aneurin Barnard). Tra appassionanti intrighi e tormentate storie d’amore, la Regina Bianca dovrà imparare a capire quali saranno i suoi nemici dentro e fuori dalla corte.