Pippo Baudo



8
luglio

LA FORZA DEI CAPELLI BIANCHI

Daria Bignardi

Il fatto che l’ottantenne Pippo Baudo sia stato scelto come direttore artistico e conduttore di Domenica In per la prossima stagione tv ha fatto storcere il naso a molti. “Resti a casa“, hanno detto. “Faccia spazio ai giovani“, hanno sentenziato. La prima domanda che verrebbe da porre è: quali giovani, esattamente? Chi, tra le nuove leve della tv, sarebbe in grado di gestire il pomeriggio domenicale rivolto alle famiglie? Praticamente nessuno. Perchè ci sono programmi e programmi e quei pochi giovani conduttori che ultimamente si sono rivelati validi, lo hanno fatto perchè inseriti in contesti congeniali ad ognuno di loro: la tradizionale Domenica In su Rai1 difficilmente lo sarebbe. Senza contare che gli anni d’oro della domenica pomeriggio sono finiti e se, fino a ieri, approdare al dì festivo era una promozione, oggi è una bella gatta da pelare. Ma non è questo il punto.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,




6
luglio

PIPPO BAUDO CONDUTTORE DI DOMENICA IN

Pippo Baudo

La notizia è importante, una di quelle che gli appassionati di tv nel bene o nel male non potranno fare a meno di commentare: Pippo Baudo sarà il direttore artistico ed il conduttore della nuova edizione di Domenica In, in onda nel dì di festa di Rai 1 dal prossimo autunno.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,


30
giugno

PIPPO BAUDO NEL CAST DE I FATTI VOSTRI

Pippo Baudo

Tra le novità della prossima stagione tv 2016/2017 c’è il ritorno di Pippo Baudo in Rai. Il conduttore siciliano, tredici volte alla guida del Festival di Sanremo, farà parte della trasmissione I Fatti Vostri, che torna nella mattina di Rai 2 dal 12 settembre.





8
giugno

PIPPO BAUDO FESTEGGIA IN DIRETTA I SUOI 80 ANNI AI WIND MUSIC AWARDS 2016

Pippo Baudo

La tv italiana non poteva dimenticarsi dell’ottantesimo compleanno di uno dei suoi volti storici, un volto i cui contorni si confondono ormai con quelli del piccolo schermo, impresso nelle menti dei telespettatori nonostante non ne sia più protagonista da tempo: Pippo Baudo, nato il 7 giugno del 1936, ha spento in diretta televisiva le sue prime ottanta candeline durante la prima serata dei Wind Music Awards 2016, festeggiando con il pubblico dell’Arena di Verona e con quello della “sua” Rai 1.


14
febbraio

FESTIVAL DI SANREMO 2016: PIPPO BAUDO HA RIFIUTATO DI CONDURRE IL DOPOFESTIVAL

Pippo Baudo e Carlo Conti

Il Dopofestival è tornato sul piccolo schermo dopo tanti anni con degli ottimi risultati auditel ed uno spettacolo godibile che, però, non ha graffiato come ci si sarebbe aspettati. Ma ecco che il colpo di scena finalmente arriva, ma a gara conclusa e telecamere spente, quando ormai Nicola Savino e la Gialappa’s sono negli studi di Quelli che il calcio per la consueta diretta domenicale: non erano loro i conduttori ai quali si era pensato all’inizio per lo show.





13
gennaio

BALLARO’, PIPPO BAUDO BACIA LA GIOVANE ISLAMICA: “VOGLIO INTEGRARE”. MA NON SI PUO’

Ballarò, Pippo Baudo

L’integrazione culturale è avvenuta: ci ha pensato Pippo Baudo. Anzi, l’ha inventata lui. Ieri sera, a Ballarò, il decano dei presentatori tv è intervenuto in qualità di maître à penser (ma a che titolo?) e ha detto la sua suoi principali fatti d’attualità. In particolare, è sul rapporto con il mondo islamico che il conduttore ha dato il meglio di sé, inscenando un curioso siparietto ‘al bacio’.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,


7
agosto

PIPPO BAUDO ALLA NUOVA RAI: CHIEDO RISPETTO, IL PASSATO NON PUO’ ESSERE IGNORATO. MAGGIONI MEGLIO DELLA TARANTOLA

Pippo Baudo

Dopo le nomine dei consiglieri del cda, del presidente Monica Maggioni e del direttore generale Antonio Campo Dall’Orto, le reazioni nel mondo Rai (e non solo) si susseguono. Ai nuovi vertici della tv di Stato si rivolge ora Pippo Baudo, tra i pilastri storici dell’azienda ma da qualche tempo fuori dal giro che conta. Non chiede un posto di lavoro (o almeno non lo fa direttamente), bensì rispetto per mamma Rai (e per se stesso):

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,


6
luglio

PIPPO BAUDO: LA RAI MI TRASCURA, E’ UN’INGIUSTIZIA, LA TV E’ LA MIA VITA

Pippo Baudo

Alla presentazione dei palinsesti della prossima stagione la Rai ha annunciato di voler realizzare, tra i tanti eventi, una serata speciale che festeggi i suoi 80 anni. Ma lui ad essere commemorato come un caro estinto non ci pensa proprio: il riferimento è a Pippo Baudo che, in un’intervista a Il Corriere della Sera, coglie l’ennesima occasione per lamentarsi della mancata riconoscenza da parte della tv di Stato, rea di averlo messo in panchina troppo presto.

“Non voglio sfogliare l’album dei ricordi. Sono proiettato sul domani. Non c’è cosa più malinconica che pensare alle emozioni passate. Domani è un altro giorno, come dice il film… Per me la tv è la vita: la faccio da 54 anni. Quando si accende la telecamera dimentico tutto. Sono un pugile nel suo ring. (Andare in video) è una vitamina, un tenermi in vita. Solo la riconoscenza del pubblico mi allevia dai dispiaceri. Questa quarta parte della mia carriera è stata trascurata dalla Rai. Non me lo spiego. Se fossi reduce da profondi insuccessi capirei…semplicemente chi è nelle leve di comando non vuole che io ci sia. E’ un ingiustizia.”

Parole condivisibili quelle di “Super Pippo”. Se è vero che gli ultimi esperimenti (Cinquanta su Rai1 e Il Viaggio su Rai3) non sono stati tra i più felici, è altrettanto vero che un professionista del suo calibro potrebbe dare ancora molto alla tv, al pari di Piero Angela che, forte delle sue 86 primavere, continua la sua esperienza in tv con SuperQuark, e Maurizio Costanzo che, con i suoi 77 anni, è pronto a ripartire con una stagione che lo vedrà impegnato su più fronti. Nel suo futuro Baudo vedrebbe un impegno di taglio giornalistico. Niente più varietà, e neppure il tanto amato Festival di Sanremo. Se lo scorso febbraio, proprio durante la kermesse musicale, aveva dichiarato di voler rifare il Festival e considerarlo un regalo per i suoi 80 anni, questa volta il conduttore siciliano ha confessato di non pensare più a calcare il palco del Teatro Ariston.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,