Patrizia Mirigliani



3
agosto

Miss Italia 2017, il sindaco di Castel Volturno denuncia brogli nelle selezioni: «Avevano già deciso chi doveva vincere»

Miss Italia 2017 - Selezioni regionali a Castel Volturno

Bufera sulle selezioni regionali di Miss Italia 2017. Mentre l’organizzazione diffonde i nomi della giuria per la finale di sabato 9 settembre (clicca qui per sapere chi sono), prosegue, non senza polemiche, la fase di scelta delle ragazze che parteciperanno alle prefinali di Jesolo. E a sollevare il polverone ci pensa il sindaco di Castel Volturno Dimitri Russo: in un post scritto su Facebook, il primo cittadino ha raccontato di aver svolto il ruolo di segretario di giuria nella serata che si è svolta il 30 luglio 2017 nel comune da lui amministrato e di aver notato alcune anomalie nella fase di trascrizione dei voti. Ecco, secondo il suo racconto, come sono andate le cose.




2
giugno

Detto Fatto fa un concorso per le curvy e la Mirigliani giustamente s’incazza: «Rai incoerente. Clone maldestro di Miss Italia»

Detto Fatto Curvy Top Model

Caterina Balivo e Elisa D'Ospina

Sono passati ormai più di quattro anni da quando lo storico concorso di bellezza Miss Italia ha dovuto fare i bagagli e salutare la televisione pubblica. Dopo decenni di messa in onda la patron Patrizia Mirigliani aveva dovuto rinunciare, non senza polemiche, allo spazio che Rai 1 dedicava alla manifestazione trovando poi rifugio su La 7. Ma a distanza di tempo, ecco nuove dichiarazioni – in parte più che condivisibili – che dimostrano come il boccone non sia mai stato del tutto digerito dall’organizzazione di Miss Italia.


4
agosto

MISS ITALIA 2014 SI FA IN QUATTRO: SU LA7 DALL’11 AL 14 SETTEMBRE

Simona Ventura nel promo La7 di Miss Italia 2014

Lo slogan adottato è chiaro: “Cambia la donna, cambia la bellezza, cambia Miss Italia“. Tutto vero. La 75esima edizione dello storico concorso di bellezza, passato dallo scorso anno da Rai 1 a La7, sembra destinata ad un’autentica rivoluzione. Su tutte, ovviamente, la conduzione affidata ad una Simona Ventura che – per dirla alla sua maniera – “è già carica a pallettoni”. E nel primo promo tv che la vede protagonista ricorda le novità fin qui annunciate di Miss Italia 2014:

“Stiamo lavorando per voi. Stiamo lavorando a una Miss Italia tutta nuova, un vero spettacolo che rappresenti davvero la bellezza del nostro Paese [...] Quest’anno ci saranno tante novità: innanzitutto abbiamo esteso il limite d’età ai 30 anni, e allargato a quelle ragazze nate in tutte le parti del mondo ma con cittadinanza italiana. Ci vediamo a Jesolo con Miss Italia, l’Italia più bella”.

Dunque, Miss Italia allarga il cerchio alle trentenni ed “accoglie” anche tutte quelle bellezze “nostrane” nate da genitori stranieri. Ma la vera rivoluzione riguarda il meccanismo dello show, a cominciare dalla durata: Miss Italia 2014 in onda su La7 dall’11 al 14 settembre.

Miss Italia 2014: ecco le quattro serate su La7

La notizia che non t’aspetti è proprio questa. Miss Italia torna in qualche modo alle origini ed abbandona la “svolta” dello scorso anno, ovvero concentrare la kermesse in un’unica serata. Saranno quattro, infatti, gli appuntamenti televisivi dedicati alla 75esima edizione del concorso: due anteprime in seconda serata con Simona Ventura nei panni di madrina delle Miss, una sintesi delle due puntate (sabato) e la finalissima in diretta, domenica sera. Ad annunciarlo è la patron Patrizia Mirigliani:





22
ottobre

PATRIZIA MIRIGLIANI: MEDIASET VOLEVA CAMBIARE IDENTITA’ E NOME A MISS ITALIA

Miss Italia 2013 Patrizia Mirigliani

Giusy Buscemi e Patrizia Mirigliani (© Daniele la Malfa)

Alla fine Miss Italia ce l’ha fatta. Dopo la burrascosa dipartita dalla tv di Stato, che ha ospitato il concorso per ben 25 anni, la kermesse di Patrizia Mirigliani riparte da una nuova, e per certi versi anomala, casa mediatica: La7. E la patron Patrizia Mirigliani esordisce, questa mattina in conferenza stampa, proprio con i ringraziamenti all’emittente terzopolista, che ha aperto le porte a Miss Italia dopo i maltrattamenti subiti, alla città di Jesolo che ospiterà la manifestazione per i prossimi 4 anni, e ai conduttori Massimo Ghini, Cesare Bocci (assente perchè di ritorno “da una Mission” molto importante) e Francesca Chillemi che hanno accettato la ’sfida’.

Miss Italia 2013, i “sassolini” di Patrizia Mirigliani

Patrizia passa poi a levarsi alcuni sassolini dalla scarpa, e ne ha per tutti: comincia il suo comprensibile sfogo parlando del trattamento ricevuto dal concorso in questi ultimi mesi.

Miss Italia dimostra che il merito in Italia è un reato. Dopo 74 anni senza pettegolezzi e scandali pensavo che, non dico io, ma mio padre meritasse una medaglia. (…) Sono stata ferita e per certi versi umiliata e mi dispiace che sia stato proprio il mondo femminile a non sostenermi.”

Si intuisce un riferimento anche a Laura Boldrini, la Presidente della Camera alla quale Patrizia ha chiesto un incontro per ben tre volte ottenendo solo una risposta ad una sua lettera privata. Pare che nella missiva – il cui contenuto deve rimanere top secret per una precisa richiesta dell’ufficio stampa dell’alta carica dello Stato – la Boldrini mostrasse stima per la storia del concorso. Patrizia si augura che la donna, verso la quale non nutre nessun attrito, possa partecipare a Miss Italia perchè la sua presenza sarebbe un arricchimento per la ragazze.

Patrizia Mirigliani: in Rai mi hanno attaccata per accaparrarsi il marchio


20
agosto

PATRIZIA MIRIGLIANI A DM: E’ VERO, PER MISS ITALIA 2013 TRATTIAMO CON LA7 E JESOLO. IN ALTERNATIVA CI SONO LE TV LOCALI

Patrizia Mirigliani

Patrizia Mirigliani

Miss Italia approda a Jesolo e, per la messa in onda televisiva, su La7? Poche ore fa, Mattia Buonocore vi ha riportato le indiscrezioni de La Nuova Venezia che vorrebbero l’edizione 2013 del concorso di bellezza più celebre d’Italia nella cittadina veneta e sull’emittente di Urbano Cairo.

Abbiamo contattato Patrizia Mirigliani per le ‘conferme del caso’ e la patron del concorso ha confermato a DavideMaggio.it l’esistenza delle trattative di cui parliamo:

Si, è vero - ci dice la Mirigliani - Ci sono delle trattative in corso con il comune di Jesolo e con La7“.

Ma non ci nasconde nemmeno un’altra ipotesi attualmente al vaglio:

Stiamo anche pensando alla possibilità che Miss Italia sia trasmesso in syndication su un gruppo di reti locali italiane”.

Location e messa in onda dell’evento dovrebbero essere confermate entro la fine di agosto.





8
agosto

MISS ITALIA 2013: LE FINALI FINISCONO NELLE PIAZZE. PATRIZIA MIRIGLIANI: MIA AZIENDA IN CRISI PER LE PAROLE DEL PRESIDENTE BOLDRINI

Patrizia Mirigliani

Patrizia Mirigliani

Patrizia Mirigliani va avanti nella sua arringa difensiva contro i detrattori di Miss Italia. In particolare verso il presidente della Camera Laura Boldrini, che qualche settimana fa aveva rilasciato dichiarazioni tanto forti quanto inopportune sulla kermesse.

Bene! La Boldrini è tornata sull’argomento! Lo ha fatto polemizzando (anche) sul nuovo programma di Rai 1 Mission:

Non spetta certo a me esprimere un eventuale ‘altolà’ che avrebbe l’aspetto di un’interferenza nell’autonomia editoriale della Rai o – peggio ancora – di una censura preventiva. Faccio notare al riguardo che le mie poche parole su Miss Italia, che tanta risonanza hanno avuto, sono venute solo a commento di una decisione che la Rai aveva già preso e annunciato da settimane.

E la Mirigliani ha colto la palla al balzo per pubblicare sul sito ufficiale di Miss Italia una lettera aperta:

Presidente Boldrini,
[...] Devo dirLe che quelle ‘poche parole’, pronunciate da una rappresentante delle Istituzioni, con le sue funzioni ufficiali che dovrebbero essere garantiste di plurità e libertà, sono suonate anche come denigrazione del Concorso Miss Italia.
Stiamo ancora subendo le gravi conseguenze per la Sua dichiarazione secondo la quale “è una scelta moderna e civile” rinunciare a trasmettere le fasi finali di Miss Italia. Così sono state messe in crisi la mia azienda e un insieme di imprese italiane che danno lavoro, su tutto il territorio, a centinaia e centinaia di persone [...].
Malgrado ciò, mi sono rimboccata le maniche per organizzare le Finali che si svolgeranno, tra la gente, che è sempre stata in tanti anni il vero sostegno dell’evento, quest’anno più che mai.
Cara Presidente, la invito pubblicamente, da donna a donna,  a unirsi a noi alle finali di Miss Italia, in piazza tra le miss e il loro pubblico.


16
luglio

MISS ITALIA: PATRIZIA MIRIGLIANI RINGRAZIA LAURA BOLDRINI (!) MA ESAGERA

Patrizia Mirigliani

Avrà anche voltato pagina Patrizia Mirigliani, sforzandosi di trovare una valida alternativa alla Rai per l’edizione 2013 di Miss Italia e tenendosi ormai fuori dale polemiche, ma alle provocazioni gratuite non riesce a non rispondere. E dunque lo fa ma mantenendo un profilo basso, mostrandosi gentile mentre in realtà sotto la cenere c’è ancora fuoco e si sente.

Dopo le dichiarazioni del Presidente della Camera Laura Boldrini, che ha affermato di sentirsi rallegrata per la scelta ‘moderna e civile’ dell’azienda pubblica di non trasmettere più la kermesse, l’organizzatrice dell’evento stesso risponde attraverso la pagina Facebook ufficiale del concorso con le seguenti parole.

“Apprezzo l’interesse della Presidente della Camera per Miss Italia. In tutto il mondo si valorizza la bellezza nazionale, compito che noi perseguiamo con etica e correttezza da ben 74 anni. Avrei piacere di incontrare personalmente la Presidente per renderla partecipe di quanto Miss Italia abbia fatto per le donne. Le protagoniste sono cinquemila ragazze che liberamente si sono iscritte e che partecipano per conquistare quella visibilità che nessun altro evento mette loro a disposizione in maniera così seria e pulita.”

Ahi ahi. Era partita bene, la Mirigliani, con quel ringraziamento di maniera che voleva dire ben altro, ma poi si è fatta prendere la mano eleggendosi quasi a paladina del bene femminile con quel concetto, più e più volte ripetuto in passato, che il suo concorso per le donne ha fatto tanto. Quasi come fosse un evento benefico, come se per lei e tutto il suo entourage non fosse un lavoro e non avesse portato profitti in questi settantaquattro anni, come se fosse un’opera di bene.


10
maggio

PATRIZIA MIRIGLIANI: MISS ITALIA DEVE RESTARE IN RAI, ANCHE GRATIS

Patrizia Mirigliani

Patrizia Mirigliani

Patrizia Mirigliani reagisce subito alla notizia in base alla quale la Rai non ha intenzione di mandare in onda la sua Miss Italia 2013 e lo fa con una nota della sua società, la Miren, in cui non accusa e non polemizza, ma stupisce offrendo di farsi carico delle spese che la Tv di Stato avrebbe dovuto sostenere, pur di garantire la diretta su Rai 1.

Qualcuno penserà che forse non c’è davvero nessun’altra rete disposta a promuovere l’evento, qualcun altro che per la figlia del patron Enzo questo non è solo un concorso o un evento, ma un affare di famiglia. E per la famiglia si è disposti a fare qualunque sacrificio, anche accollarsi il 50% delle spese per l’organizzazione, quelle finora sostenute dalla Rai, oltre al 50% che da sempre sostiene, seppur sollevata dai numerosi sponsor.

Questa mossa, fatta in accordo con l’Associazione utenti radiotelevisivi, sembra non ammettere repliche: in un momento di crisi come questo, rifiutare una kermesse offerta su un piatto d’argento sarebbe follia. Come dichiara l’Associazione, è assurdo pensare “che la Rai preferisca spendere centinaia di migliaia di euro per la partecipazione di calciatori e star internazionali nei programmi tv, e poi rifiuti di prendere gratuitamente un prodotto che ha garantito negli anni share elevati, soprattutto se rapportati agli ascolti di altre trasmissioni recenti altamente deludenti sul fronte dell’audience”.

Miss Italia oltretutto crea nell’indotto numerosi posti di lavoro che andrebbero persi, per non parlare del danno sul piano sociale visto che la kermesse, come sostiene la Mirigliani “ha sempre curato soprattutto la correttezza dell’immagine della donna collegando la manifestazione a fini sociali e culturali rilevanti”.