Matteo Renzi



16
ottobre

RAI, ROBERTO FICO: LA RIFORMA DELLA GOVERNANCE SIA DEL PARLAMENTO, NO A DDL DEL GOVERNO

Roberto Fico

La riforma della Rai non spetti a Renzi. Il Presidente della Commissione di Vigilanza Roberto Fico non ha usato giri di parole e, proprio nei (cento) giorni in cui il Governo si appresta a cambiare il servizio pubblico, ha lanciato la propria idea. “La riforma della governance Rai deve discendere dal Parlamento. Più che un ddl del governo, servirebbe un’iniziativa parlamentare” ha dichiarato l’esponente grillino nell’ambito di un convegno cui ha partecipato anche la Presidente di Viale Mazzini Anna Maria Tarantola (qui il suo intervento).

Fico, in particolare, ha chiesto ai gruppi parlamentari di “lavorare insieme ad una proposta di legge” e, con un pronunciamento dal retrogusto politico, ha auspicato che sia l’Aula- con i suoi tempi – a definire le trasformazioni alla governance di Viale Mazzini.

Roberto Fico: riforma è materia del Parlamento

La riforma della governance è assolutamente materia del Parlamento ed è il Parlamento che deve affrontarla anche in tempi non velocissimi per riformare il servizio pubblico da qui a 10 o 20 anni. Nella riforma dovremo far comprendere perché vengono eletti i consiglieri e quali meriti hanno. Se la tv è il quarto potere, deve essere trattato come tale, garantendo una netta divisione rispetto agli altri poteri

ha detto Fico. Dal fronte governativo, intanto, il Sottosegretario al Ministero dello Sviluppo economico, Antonello Giacomelli, ha ribadito l’intenzione dell’esecutivo di intervenire.

Rai, Giacomelli: pronti a scuotere il servizio pubblico




15
ottobre

OPRAH WINFREY INCONTRA MATTEO RENZI. LA STAR DEI TALK SHOW RICEVUTA A PALAZZO CHIGI

Matteo Renzi, Oprah Winfrey

E’ durato circa mezz’ora l’incontro tra Matteo Renzi e la donna più potente d’America. Rientrato dal Quirinale, dove aveva partecipato al Consiglio supremo di Difesa, il premier ha ricevuto a Palazzo Chigi Oprah Winfrey, la popolare conduttrice e attrice statunitense, primadonna dei talk show a stelle e strisce. Del possibile meeting tra i due si vociferava ormai da qualche tempo, ma si pensava dovesse avvenire a Firenze. La presentatrice americana, invece, è stata accolta nella sede del governo italiano con Matteo Renzi a fare gli onori di casa.

Il premier e la Winfrey avrebbero pranzato insieme e, come documentato da alcune immagini, conversato per circa trenta minuti in un clima informale. Secondo indiscrezioni, tra i temi al centro del confronto ci sarebbero stati anche i diritti civili, per i quali la conduttrice ed opinion leader statunitense si è sempre battuta anche nel suo seguitissimo show televisivo. I maligni già ironizzano sull’idioma americano sfoggiato da Renzi per l’occasione, ma sono dettagli. Al termine dell’incontro la star del piccolo schermo ha lasciato Palazzo Chigi a bordo di con un van coi vetri completamente oscurati e protetta da un’ampia scorta.

L’occasione per concretizzare l’incontro tra Oprah Winfrey e Renzi è stata la visita in Italia che la conduttrice ha compiuto in questi giorni. Un viaggio privato in Umbria, dove la presentatrice è stata ospitata da una famiglia di imprenditori di Montecastrilli che opera negli Stati Uniti nel settore del commercio di tartufi. Nelle scorse ore l’attrice si è fatta ritrarre proprio a caccia di tartufi sulle colline umbre ed ha postato la foto sul suo profilo Instagram, che conta ben 3.151.387 follower.


9
ottobre

DM LIVE24: 9 OTTOBRE 2014. SELVAGGIA LUCARELLI LASCIA VIS VERBI E SCEGLIE FACCHINETTI – MATTEO RENZI STASERA A VIRUS

Selvaggia Lucarelli

Selvaggia Lucarelli

Selvaggia Lucarelli lascia Vis Verbi e passa a Facchinetti

Francesco Facchinetti crede davvero nei personaggi nati e cresciuti sul web. Ci ha creduto al punto tale da aver trasformato una passione in professione, quella di agente di webstar, con la neonata Newco Management. L’agenzia – che annovera, tra gli altri, Frank Matano, Mariano Di Vaio, Chiara Biasi, Francesco Sole – ha da poche ore un nuovo volto tra le sue risorse artistiche: Selvaggia Lucarelli. L’influencer più celebre del web ha lasciato Vis Verbi per affidarsi alle ‘cure’ di Francesco Facchinetti. I rapporti con la società di Barbara Castorina si sono conclusi in maniera pacifica.

Matteo Renzi stasera a Virus

La scommessa di Renzi e tutti i suoi nemici” è il tema della puntata di “Virus – Il contagio delle Idee”, il programma condotto da Nicola Porro, in onda giovedì 9 ottobre, alle 21:10 su Rai 2, e che vedrà ospite il presidente del Consiglio Matteo Renzi.

In studio anche il giornalista Mario Giordano, mentre in collegamento interverranno il manager-imprenditore Franco Moscetti e la corrispondente di Al Jazeera English a Londra, Barbara Serra. Nel corso della puntata focus sul jobs act, il Tfr in busta paga, le resistenze dei poteri forti e della minoranza Pd, i “tormenti” delle partite Iva e dei proprietari di casa. Appuntamento con il fact-checking di Virus e la social room con Greta Mauro.





6
ottobre

DM LIVE24: 6 OTTOBRE 2014. MATTEO RENZI A QUINTA COLONNA, SCHERI GONGOLA PER TU SI QUE VALES (MA DAI!)

Matteo Renzi

Matteo Renzi

Scheri gongola per Tu si que Vales. No comment!

Giancarlo Scheri, direttore Canale 5: “Serata televisiva d’eccellenza quella di ieri di Canale 5. “Tu si que vales” è uno spettacolo di assoluto livello internazionale. Un nuovissimo programma che ha riacceso in maniera strabiliante il sabato sera della rete. Un’immagine moderna, grandi emozioni, grande divertimento, grande “intrattenimento”. I tre giudici Maria De Filippi, Gerry Scotti, Rudy Zerbi sono sagaci, acuti, ironici, talentuosi, saggi, strabilianti…Una certezza per il programma e per i telespettatori. Ottimi dati di ascolto per il programma che ha stravinto sul target pregiato, sul pubblico  attivo dei 15/64 anni, con picchi del 31.50% di share. Grazie e complimenti a tutti, ai tre giudici, al giudice popolare, il campione Francesco Totti, ai due conduttori Belen Rodriguez e Francesco Sole. A tutta la meravigliosa squadra artistica e produttiva”.

Matteo Renzi a Quinta Colonna


28
settembre

GAZEBO: ZORO TORNA CON RENZI IN A DAY E PREPARA IL DEBUTTO IN PRIME TIME

Zoro

Ormai Diego Bianchi, in arte Zoro, ha piantato le tende. Anzi, il Gazebo. Il suo programma, giunto già alla terza edizione, è diventato un appuntamento fisso nel palinsesto di Rai3, all’interno del quale quest’anno conquisterà eccezionalmente anche alcune prime serate. Al via stasera, la trasmissione tornerà con due appuntamenti fissi da cinquanta minuti, in onda la domenica e il lunedì rigorosamente in seconda serata. Il blitz in prime time, che ha il sapore di una promozione sperimentale, avverrà invece venerdì 24 ottobre prossimo e sarà il primo di alcuni speciali programmati nel corso della stagione.

Come sempre, al centro dello show umoristico e d’approfondimento firmato da Zoro ci sarà l’attualità del Paese, raccontata attraverso l’occhio di una telecamerina e attraverso la costante interazione con i social network. “Noi siamo social, anzi socialissimi” ha ironizzato il videomaker presentando la terza edizione del programma. Nel cast fisso del programma ci saranno anche quest’anno il giornalista Marco Damilano, il vignettista Marco D’Ambrosio in arte Makkox, il tassista Mirko-Missouri4, i musicisti Roberto Angelini e Giovanni Di Cosimo. Ogni puntata sarà arricchita dalla presenza di un ospite: nei primi appuntamenti vedremo Sarah Jane Morris, Dawn Penn e Gilberto Gil.

Gazebo: Matteo Renzi in a Day

Stasera, intanto, per il suo debutto stagionale Gazebo accenderà i riflettori su Matteo Renzi, che poco prima sarà ospite di Fabio Fazio nella puntata domenicale di Che Tempo Che Fa. Nel programma di Zoro, il premier sarà il protagonista di Renzi in a Day, reportage sui generis ispirato ad Italy in a Day, di Gabriele Salvatores. Il “documentario” sarà realizzato attraverso un collage di video realizzati da alcuni telespettatori, che hanno filmato Renzi durante il suo recente viaggio negli Usa.

Gazebo: Zoro pronto per la prima serata

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,





27
settembre

CHE TEMPO CHE FA: FABIO FAZIO TRASFORMA IL SABATO E ARRUOLA FABIO VOLO. MATTEO RENZI PRIMO OSPITE

Fabio Fazio, Matteo Renzi

L’ambizione di Fabio Fazio è pretenziosa ma seria: portare in onda il nuovo sabato sera degli italiani. Con una formula che intende coniugare tradizione e sperimentazione, il conduttore debutterà stasera, sabato 27 settembre e domani, domenica 28, con la dodicesima edizione di Che tempo che fa, che si annuncia foriera di cambiamenti. Si parte alle 20.10 su Rai3, con una puntata completamente diversa rispetto alle consuetudini. Il sabato, infatti, la trasmissione si trasformerà in Che Fuori Tempo Che Fa, un’evoluzione del segmento che l’anno scorso caratterizzava la domenica, e che ora è stato ampliato e trasferito, facendo di necessità virtù. Tale adattamento è infatti dovuto al ritorno domenicale di Milena Gabanelli, che imporrà a Fazio di chiudere alle 21.45.

Che Fuori Tempo Che Fa: la puntata del sabato

La puntata di Che Fuori Tempo Che Fa sarà caratterizzata dalla condizione di Fabio Fazio assieme a Massimo Gramellini, che farà da spalla. Nell’anteprima del sabato l’appuntamento sarà con “La stanza delle meraviglie”, uno spazio riservato a ricercatori, studiosi, letterati, sportivi racconteranno se stessi, i loro interessi e le loro passioni. Nel corso della trasmissione, oltre agli ospiti, ci saranno collegamenti con le sedi Rai all’estero, ed il contributo Fabio Volo, nel ruolo di inviato speciale per raccontare eventi in Italia e nel resto d’Europa (stasera sarà a Venezia). Inoltre, attraverso skype, verranno raccolte le testimonianze in tempo reale di fotoreporter presenti sui fronti di guerra. Quella del sabato sarà anche la puntata con le esibizioni live di cantanti e gruppi musicali con esibizioni dal vivo, e con le dirette da mostre e musei d’Italia.

Che Tempo Che Fa: gli ospiti

Nella puntata odierna di Che Fuori Tempo Che Fa gli ospiti in studio saranno Luca Zingaretti e Marco D’Amore, protagonisti di Perez, film presentato fuori concorso alla 71° mostra del Cinema di Venezia. Massimo Gramellini rivolgerà tre domande al Sindaco di Napoli Luigi De Magistris, recentemente condannato, mentre il regista Gabriele Salvatores presenterà Italy in a Day – Un giorno da italiani, un documentario sulla quotidianità degli italiani che verrà trasmesso su Rai3 poco più tardi, alle 21.30. In collegamento dal Palazzo Reale di Milano, dove è in corso la retrospettiva dedicata a Marc Chagall, si esibiranno i Perturbazione e infine, in collegamento skype dagli Stati Uniti, ci sarà il cestista Marco Belinelli.

Che Tempo Che Fa: torna Luciana Littizzetto


3
luglio

MATTEO RENZI ANNULLA LA CONFERENZA STAMPA UE PER ANDARE A PORTA A PORTA

Matteo Renzi, Porta a Porta

Da terza Camera del Parlamento italiano a quarta sede del Parlamento europeo. Con l’intervista strappata ieri a Matteo Renzi nel giorno d’apertura del semestre europeo di presidenza, Porta a Porta si è conquistata un posto di primo piano tra le testate del Vecchio Continente. Ad attribuire tale importanza al programma di Bruno Vespa è stato lo stesso premier, che, dopo aver parlato a Strasburgo, si è fiondato in Italia per comparire su Rai1, lasciando a bocca asciutta i giornalisti stranieri che attendevano una sua dichiarazione.

La priorità data da Renzi allo Speciale Porta a Porta è subito parsa inusuale rispetto al “protocollo” europeo, che invece avrebbe previsto una sua conferenza stampa assieme al neoeletto presidente europeo Martin Schulz. Infatti, stando a quanto si apprende, era dalla mattinata di ieri che i giornalisti premevano per avere un faccia a faccia con il premier italiano, e l’incontro era stato fissato al termine del dibattito in aula. I tempi della seduta plenaria, però, si sono protratti oltremodo e di conseguenza il nostro Primo Ministro ha dovuto rinunciare al briefing: Bruno Vespa lo stava aspettando.

E così, puntualissimo, ieri Matteo Renzi è apparso nell’access prime time di Rai1 per lo Speciale Porta a Porta dedicato proprio all’avvio del semestre europeo. A Strasburgo, intanto, c’era chi mormorava sull’atteggiamento del premier italiano, e chiedeva a Martin Schulz un commento sull’episodio.


2
luglio

SPECIALE PORTA A PORTA: MATTEO RENZI INAUGURA IL SEMESTRE EUROPEO STASERA DA BRUNO VESPA

Speciale Porta a Porta, Renzi

Matteo Renzi limerà il suo intervento fino all’ultimo minuto: quest’oggi dovrà fare bella figura. Alle 15.00, il premier pronuncerà all’Europarlamento il discorso con cui aprirà il semestre di presidenza italiana, un periodo cruciale e pieno di sfide sia per il Vecchio Continente che per il nostro Paese. Il leader del Pd, forte del recente consenso ricevuto alle urne, dovrà lanciare segnali di fiducia davanti ai colleghi europei, ed in serata sarà tenuto a fare lo stesso davanti al pubblico di Rai1, al cospetto di Bruno Vespa.

Di ritorno da Strasburgo, infatti, stasera il Presidente del Consiglio sarà ospite di uno Speciale Porta a Porta in onda per mezz’ora a partire dalle 20.35. Subito dopo l’edizione serale del Tg1, Renzi incontrerà Bruno Vespa per rilasciare un’intervista a caldo sulla giornata appena trascorsa all’Europarlamento e sul semestre di presidenza italiana appena avviato. Con ogni probabilità, nello Speciale non mancheranno riferimenti alla politica interna del Paese, dal momento che il premier giocherà una partita importante anche su quel fronte. Tra riforma del Senato, legge elettorale, jobs act, giustizia e anticorruzione, l’estate di Matteo sarà particolarmente calda.

Intanto, però, una cosa alla volta: oggi l’attenzione sarà soprattutto sull’apertura del semestre di presidenza, evento che Bruno Vespa non ha voluto “bucare”. Nonostante Porta a Porta abbia già chiuso i battenti per ferie, stasera il giornalista tornerà in onda in via eccezionale, cogliendo al volo la possibilità di intervistare in esclusiva Matteo Renzi. Non è la prima volta che il conduttore approda in access prime time con un breve approfondimento da lui curato: avvenne anche sotto il governo Monti, nei giorni in cui il Professore si apprestava a varare le misure lacrime e sangue per contrastare la crisi.