Luca e Paolo



30
aprile

NON CONTANTE SU DI NOI: LUCA E PAOLO TRADUCONO E “TRADISCONO” GIORGIO GABER. STASERA SU LA7

Luca e Paolo

L’assenza colmata dalla presenza di chi non perde occasione per far rivivere la grandezza di un uomo cresciuto a pane, arte e musica. L’assente, il grande assente, si chiama Giorgio Gaber. I presenti, questa volta sono due, invece. Luca Bizzarri e Paolo Kessisoglu: Luca e Paolo per il grande pubblico. Proprio loro, che dal teatro hanno raggiunto con un treno che non è di sola andata Le Iene. Poi sono sbarcati a Sanremo, come funzionale spalla comica alla conduzione di Gianni Morandi nell’edizione 2011. E poi, complici occasioni mancate sul piccolo schermo, il biglietto di ritorno, verso il teatro. Probabilmente verso le origini.

Nel decennale della scomparsa dell’autore di successi come “Destra-Sinistra”, “Io non mi sento italiano”, e dopo diverse manifestazioni d’affetto tramutate in spettacoli o esternazioni artistiche dedicate al “Signor G”, come veniva affettuosamente chiamato il cantautore, ci pensano Luca e Paolo a regalare un omaggio senza tempo ai fan di Gaber, anche se l’evento non è stato “costruito” a livello celebrativo, bensì“esistenziale”. Ma sarà anche una serata di sana televisione, che non è televisione pura. Perchè “Non contate su di noi”, questo il titolo del programma che verrà trasmesso questa sera alle 21.10 su La7, è una registrazione per la tv di uno spettacolo di teatro.

Quello che Luca e Paolo, oggi affermati personaggi televisivi, hanno messo in scena proponendo un repertorio fatto di monologhi, dialoghi estrapolati da spettacoli, canzoni. Per rendere omaggio al Teatro-Canzone di Gaber e Luporini, che in prima persona si è reso complice del “tradimento”, come amano spiegare i due attori. Luporini e Gaber furono gli “Iniziatori” del Teatro-Canzone, e oggi, il paroliere Luporini, grande amico di Gaber, è proprio il complice per eccellenza dello spettacolo che sarà trasmesso questa sera. La sua collaborazione è stata vitale nella stesura di nuovi brani, venuti fuori dall’estro di Bizzarri e Kessisoglu, che sono stati proposti nell’evento registrato il 20 e il 21 Marzo al Teatro Politeama Genovese, con la regia di Duccio Forzano.




12
gennaio

ILARY BLASI E I SUOI PARTNER A LE IENE: “LUCA E PAOLO MI DICEVANO COSE VOLGARI ALL’ORECCHIO”

Ilary Blasi

Diciamo la verità, ne sentivamo la mancanza un po’ tutti. Scelte editoriali e di budget ci hanno fatto passare dopo tanti anni un autunno senza Le Iene, ma adesso la pausa forzata è finita e uno dei programmi migliori di Mediaset torna in palinsesto con grandi novità. In primo luogo per quel che attiene il giorno di programmazione: si passa da una collocazione feriale a quella della domenica sera, uno slot nel quale Italia1 non brilla da tempo e che non può contare neppure su un traino degno di tal nome, considerata l’abbondanza di film family che precederanno lo show. La concorrenza del posticipo di Serie A sulle pay tv, di telefilm rodati su Rai2 e di Presa Diretta su Rai3, altro programma di inchieste seppur ovviamente con uno stile differente, ci fanno pensare che la serata migliore sarebbe stata un’altra. I dati di lunedì mattina saranno pronti a smentirci.

L’altra novità è ovviamente relativa alla nuova conduzione. Il ritorno di Teo Mammucari dalla porta principale e l’ironia della Gialappa’s Band sono ulteriori elementi di curiosità. Proprio l’alternanza dei partner che hanno affiancato alla conduzione Ilary Blasi in questi ultimi sette anni è stato l’argomento principale dell’intervista rilasciata quest’oggi dalla moglie di Francesco Totti a Renato Franco sul Corriere della Sera.

Pur senza sbilanciarsi ed esprimere la sua preferenza, si capisce come il maggiore affiatamento si sia creato con Luca e Paolo:


31
dicembre

LE PAGELLE DEL 2012, I VOLTI NOTI. PROMOSSI CONTI E BONOLIS, BOCCIATI PARODI E LUCA E PAOLO

Maria de Filippi

0 a Lorena Bianchetti. Come se non bastasse il mezzo flop de L’Italia sul 2 con Milo Infante, la pia conduttrice è stata designata per un programma tutto suo, Parliamone In Famiglia, che, causa bassi ascolti, è durato ben poco. Dio vede e provvede.

1 a Serena Dandini.  Quando è arrivato il momento di confrontarsi con il mercato, la conduttrice radical chic ha fallito ed ora rimane disoccupata senza nemmeno poter invocare complotti e persecuzioni politiche. Sconsolata.

2 a Luca e Paolo. Con l’ambizioso obiettivo di fare il varietà – come se bastasse abusare del termine per fare tv di qualità –  hanno portato fuori strada una macchina rodata e dal successo assicurato quale era Scherzi a Parte. Ora nell’attesa che prima o poi Antonio Ricci si decida a chiamarli a Striscia (glielo auguriamo), si ritrovano lontani dal piccolo schermo. Avventati.

3 a Flavio Insinna. Sin dall’inizio era quasi evidente che con il formato alla base de Il Braccio e La Mente difficilmente avrebbe funzionato, ma Flavio Insinna ha preferito fare tutto da solo e da solo ne ha pagato le conseguenze. Improbabile a questo punto che di lui sentiremo ancora parlare su Canale 5. Sprovveduto.

4 a Cristina Parodi. L’anno della svolta per la signora Gori si è rivelato un clamoroso autogol. La tv alta, che aveva promesso, non s’è vista; anzi, quando ha cercato di risalire la china si è buttata (in maniera comprensibile) su personaggi che di artisticamente virtuoso avevano ben poco. Sfortunata.

5 Simona Ventura. Tralasciando X Factor in cui si conferma regina (ma questa non è una novità!), le esperienze della vulcanica conduttrice nello ’strepitoso’ mondo Sky sono risultate inadeguate al suo talento e alla sua caratura. Per il nuovo anno l’auspicio è che torni a fare la tv che conta. Aquila in gabbia.





10
novembre

DM LIVE24: 10 NOVEMBRE 2012. LUCA E PAOLO A STRISCIA?, BOCCI E MICHELINI A C’E’ POSTA PER TE, LE PREVISIONI METEOROLOGICHE DI MARIA CARMELA

Marco Bocci e Giulia Michelini

Marco Bocci e Giulia Michelini

>>> Dal Diario di ieri…

  • Bizzarri e Kessisoglu a Striscia?

tinina ha scritto alle 13:41

Sembra ci siano grandi cambiamenti in vista in casa Mediaset in una roccaforte degli ascolti del Biscione: Striscia la notizia. Gira voce che tra le “grandi novità nella conduzione” annunciate da tempo dal patron Antonio Ricci ci siano anche Luca Bizzarri e Paolo Kessisoglu”. (Fonte Leggo.it)

  • Bocci e Michelini a C’è Posta per Te

fabioterr ha scritto alle 16:03

Giulia Michelini e Marco Bocci saranno ospiti nell’ultima puntata di C’è posta per te in onda il 10 novembre su Canale 5 (fonte: pagina facebook squadra antimafia)

  • Le previsioni meteorologiche di Maria Carmela

Alessandro ha scritto alle 16:47


6
luglio

DM LIVE24: 6 LUGLIO 2012. LA CARRIERONA DELLA BIANCHETTI, LUCA E PAOLO PER IL ‘CINEPANETTONE’ 2013, PAOLA FERRARI VS TWITTER, MORTO MASSIMO FICHERA (PRIMO DIRETTORE DI RAI2)

Diario della Televisione Italiana del 6 Luglio 2012

>>> Dal Diario di ieri…

  • Luca e Paolo per il ‘cinepanettone’ 2013

PierVivaCanale5 ha scritto alle 15:31

Aurelio De Laurentiis è un fiume in piena per la presentazione del listino Filmauro. Annuncia l’accordo con la Universal per i servizi di ‘physical distribution’, rilancia la produzione di film (25 titoli contro i 3 usuali) e mostra anche voglia di investire nel calcio internazionale dopo esperienza con il Napoli. Invece muore il tradizionale cinepanettone. Quest’anno avrà come titolo Colpi di fulmine con De Sica e Lillo e Greg. Ma dal 2013 al 2016 il Natale sarà di Paolo e Luca.

  • Morto Massimo Fichera

PierVivaCanale5 ha scritto alle 15:40

E’ morto a Roma Massimo Fichera, storico primo direttore di Raidue. Nato nel 1929 a Catania. Su quella rete comparvero programmi storici come L’altra domenica,Odeon,Supergulp,SerenoVariabile e Portobello. Massimo Fichera ebbe, tra l’altro, il merito di dare spazio a Onda Libera con Roberto Benigni, ma anche ai cartoni giapponesi come Ufo Robot e Capitan Harlock. I funerali di Massimo Fichera si terranno al Verano sabato mattina alle dieci.

  • Paola Ferrari VS Twitter

Critico Tritatutto ha scritto alle 15:54

Durante gli Europei di calcio, su Twitter, è stata bersagliata con epiteti anonimi e offensivi, così la giornalista Rai Paola Ferrari ha deciso di passare all’attacco e vuole querelare il social network per diffamazione chiedendo un maxi risarcimento che, se ottenuto, andrà a favore delle famiglie delle vittime del terremoto in Emilia. La conduttrice di “Stadio Europa”, infatti, dopo insulti riferiti all’età e a presunti rifacimenti estetici, ha detto basta. “La mia sarà una battaglia per una informazione più civile che si basa su una semplice regola – ha detto la giornalista a ‘Klauscondicio’, il programma di Klaus Davi su YouTube – sì e sempre alla libertà di critica, ma no alla libertà d’insulto e di diffamazione vigliacca e, soprattutto, anonima. Se dovessi ricevere un giusto risarcimento per i danni recati alla mia immagine professionale e personale, per altro costruita con il lavoro negli anni, tutto l’ammontare andrà ai terremotati dell’Emilia, gente, quella sì, che merita a prescindere per la compostezza e il coraggio che mostra”. La Ferrari ha puntualizzato di lavorare nel giornalismo da più di 30 anni e di aver sempre accettato le critiche, anche quelle più dure e immotivate: “Con questo atto voglio dire un no chiaro. Il web non può diventare solo una bacheca della diffamazione anonima, dell’insinuazione volgare e del razzismo solo perché nel web c’è la libertà di espressione. Non è giusto usare la rete e i social network per insultare le persone, senza la possibilità di un contraddittorio, e questo accade soprattutto con Twitter. Se il web e i blog vogliono giocare un ruolo serio nell’informazione, allora devono comunque attenersi alle regole deontologiche di base e alle norme civili che valgono fuori dalla rete. Nessuno si riunisce pubblicamente per diffamare o insultare qualcun altro o, se lo fa, per lo meno è passibile di denuncia. Ecco, credo allora che la cosa valga anche per Twitter”. La reazione, sul social network, non si è fatta attendere. Con migliaia di cinguettii ironici e l’argomento trascinante «#QuereloconPaola» subito diventato il più popolare in Italia. [TGcom24.it]

  • La carrierona di Lorena Bianchetti
Alessandro ha scritto alle 17:27





28
maggio

LE PAGELLE DELLA SETTIMANA TV (21-27/05/2012). PROMOSSI GIRO D’ITALIA E EUROFESTIVAL, BOCCIATI LA RAI SENZA FORMULA 1 E LE VELINE

Ryder Hesjedal

10 al Giro d’Italia. Il ciclismo non è il più patinato tra gli sport e nemmeno il più chiacchierato. Eppure anche quest’anno la caccia alla maglia rosa, conclusasi ieri con il trionfo del canadese Ryder Hesjedal, è riuscita a far impennare gli ascolti di Rai3 e Raisport 2.

9 all’Eurovision Song Contest. D’accordo, è un tantino kitsch, ma è pur sempre un evento, la cui dirompenza a livello europeo è tale da rendere poco ammissibile l’assenza dell’Italia. Inoltre, è interessante guardarlo per cogliere uno spaccato di costume del nostro continente.

8 al ritorno in tv di Monica Leofreddi. Dopo un periodo d’assenza, per l’indimenticata padrona di casa dell’Italia sul due si sta per ripresentare una nuova occasione alla guida de L’estate in diretta, trasmissione che nella scorsa stagione ha rilanciato Marco Liorni. E chissà che anche lei non possa avere la stessa fortuna. Di sicuro se lo merita.

7 Il momento della verità, “trash” che acchiappa. Se la versione italiana non è mai andata in porto, malgrado le premesse per una buona riuscita ci fossero tutte, quella a stelle e strisce è una stuzzicante proposta del palinsesto notturno di Sky Uno. 

6 alla terza stagione di Glee. I personaggi, il concept, l’ambientazione restano da lode ma la sceneggiatura è risultata poco convincente e comunque ben al di sotto delle potenzialità. Non è un caso, forse, che negli Usa si sia registrato un calo d’ascolti.


6
aprile

LUCA E PAOLO OSPITI DI AMICI 11, SIMONE ANNICCHIARICO IN GIURIA

Luca e Paolo

Luca e Paolo

Tutti al cospetto di Maria: d’altronde quando un programma va bene, non c’è posto migliore per fare un po’ di sana promozione. E così dopo Luciana Littizzetto, che in nome dell’amicizia si è sacrificata accettando l’invito ad uno dei programmi “schifosi” dell’intelligente amica (così si era espressa tempo fa), la parte comica della seconda puntata di Amici spetterà a Luca e Paolo.

Anche in questo caso si tratterà di una duplice promozione: Amici è partito senza dubbio col piede giusto ma nella settimana pasquale i telespettatori calano e il competitor schiera oltretutto la finalissima di Ballando con Te con un “tutti contro tutti” che potrebbe creare qualche problemino al talent di Canale5; d’altro canto il duo comico ha l’assoluta necessità di pubblicizzare Scherzi a Parte che, nella première di lunedì scorso, ha dovuto fare i conti con la Madonna di Rai1.

Certo, gli ascolti sono stati comunque buoni, soprattutto nel target più giovane, ma – come si suol dire – meglio prevenire che curare, anche perchè il giorno di Pasquetta è “rischioso” visto il fuggi fuggi dei ragazzi. Ad aiutare la coppia comica genovese ci penserà anche Rai1, che nei giorni di festa è solita prendersi una vacanza e anche per Pasqua non ha alcuna intenzione di smentirsi: stoppate le miniserie, lunedì a, contrastare la seconda di Scherzi a Parte – Varietà, ci dovrà pensare il film in prima tv Alice in Wonderland.


2
aprile

SCHERZI (D)A PARTE

Scherzi a Parte - Luca e Paolo

Beh, già che c’erano, Luca e Paolo potevano parlare di Sanremino anche la nuova edizione di Scherzi a Parte. Avevano anche Gianni Morandi a calcare il palco dello studio 20 di Cologno Monzese. Meglio di così!

L’idea di una sana iniezione di varietà per lo storico formato di Fatma Ruffini era interessante. Ma se è vero che il varietà sembra essere l’unico antidoto per l’infertile tubo catodico nostrano, è altrettanto vero che una ‘assunzione non controllata’ fa si che si possa correre il rischio di un effetto boomerang; soprattutto se, come nel caso specifico, il varietà non è servito, come avrebbe dovuto, a far cambiar d’abito a Scherzi a Parte, ma ne ha cambiato proprio la sostanza, mantenendo però inalterato il titolo dello show.

Che senso ha, infatti, chiamare uno show ‘Scherzi a parte’ quando lo scherzo sembra diventato elemento di contorno ad una sorta di two men show di Luca e Paolo, probabilmente desiderosi – legittimamente – di dare una svolta al loro percorso artistico?

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,