Formula 1



6
giugno

FORMULA 1 SU SKY DAL 2013

Formula 1

Anche oggi si è avuta l’ennesima dimostrazione di quanto l’operato di Sky sia notevole nel campo dell’acquisizione dei diritti televisivi per gli eventi sportivi, con buona pace dei competitor che  -  a determinati prezzi – non possono gareggiare con lo strapotere economico del colosso di Murdoch. Era già nell’aria ma è appena diventata ufficiale la notizia del passaggio sui canali Sky Sport del Campionato del Mondo FIA di Formula 1 a partire dalla prossima stagione per tutte le tecnologie e le modalità di offerta, tra cui pay-TV, internet, mobile e Sky Go.

Le modalità dell’accordo concluso con Formula One Management (FOM), a partire da marzo 2013, prevedono che Sky trasmetta in esclusiva tutte e 20 le gare del Campionato del Mondo FIA con la precisazione che un canale televisivo nazionale in chiaro – che sarà concordato in seguito proprio da FOM e Sky – trasmetta 9 Gran Premi in diretta e 11 Gran Premi in differita. Tra le gare in onda in chiaro e in diretta ci sarà sicuramente il Gran Premio d’Italia disputato sul circuito di Monza.

La Formula 1 torna quindi sugli schermi di Sky dove non veniva trasmessa dal 2009 (non in esclusiva) quando veniva commentata dall’ottimo Carlo Vanzini che adesso avrà un bel da fare dopo l’acquisizione da parte della pay tv anche delle gare della Moto GP. Potranno esultare i patiti di questo sport clienti Sky che avranno la possibilità di fruire delle avanzatissime tecnologie messe a disposizione da Sky per la visione delle gare (dall’alta definizione all’interattività) mentre sentiamo già l’eco delle imprecazioni rivolte dai non abbonati a Mamma Rai che – poco alla volta – sta lasciando alla concorrenza tutti gli eventi sporivi più rilevanti.




28
maggio

LE PAGELLE DELLA SETTIMANA TV (21-27/05/2012). PROMOSSI GIRO D’ITALIA E EUROFESTIVAL, BOCCIATI LA RAI SENZA FORMULA 1 E LE VELINE

Ryder Hesjedal

10 al Giro d’Italia. Il ciclismo non è il più patinato tra gli sport e nemmeno il più chiacchierato. Eppure anche quest’anno la caccia alla maglia rosa, conclusasi ieri con il trionfo del canadese Ryder Hesjedal, è riuscita a far impennare gli ascolti di Rai3 e Raisport 2.

9 all’Eurovision Song Contest. D’accordo, è un tantino kitsch, ma è pur sempre un evento, la cui dirompenza a livello europeo è tale da rendere poco ammissibile l’assenza dell’Italia. Inoltre, è interessante guardarlo per cogliere uno spaccato di costume del nostro continente.

8 al ritorno in tv di Monica Leofreddi. Dopo un periodo d’assenza, per l’indimenticata padrona di casa dell’Italia sul due si sta per ripresentare una nuova occasione alla guida de L’estate in diretta, trasmissione che nella scorsa stagione ha rilanciato Marco Liorni. E chissà che anche lei non possa avere la stessa fortuna. Di sicuro se lo merita.

7 Il momento della verità, “trash” che acchiappa. Se la versione italiana non è mai andata in porto, malgrado le premesse per una buona riuscita ci fossero tutte, quella a stelle e strisce è una stuzzicante proposta del palinsesto notturno di Sky Uno. 

6 alla terza stagione di Glee. I personaggi, il concept, l’ambientazione restano da lode ma la sceneggiatura è risultata poco convincente e comunque ben al di sotto delle potenzialità. Non è un caso, forse, che negli Usa si sia registrato un calo d’ascolti.