Fabrizio Corona



30
gennaio

GIOVANNI VERNIA A DM: CORONA? UN BRAVO RAGAZZO CHE FATICA A CONTROLLARSI

Giovanni Vernia

Il prossimo 23 agosto entrerà negli “anta” eppure, sebbene vicino ai quarant’anni, Giovanni Vernia non vuole smetterla di ridere, e far ridere. Dopo il successo con Jonny Groove, quest’anno è tornato a Zelig dove per tutta la stagione vestirà i panni dell’”uomo del momento”: Fabrizio Corona. Malgrado la condanna inflitta all’ex re dei paparazzi, Vernia non ha alcuna intenzione di smettere di indossare i suoi panni, ogni lunedì sul palcoscenico di Canale 5. Nato a Genova, da madre siciliana e padre pugliese, Giovanni ha un percorso professionale a dir poco atipico. Di questo e molto altro ci ha parlato nella nostra intervista…

Quest’anno ti abbiamo ritrovato a Zelig nei panni di Fabrizio Corona. Perché imitare proprio lui?

E’ un personaggio discusso, e mi divertono molto alcuni suoi comportamenti. Il suo atteggiamento è a tratti comico, e sono convinto che dietro quella corazza si nasconda una parte debole. È quello che salterà fuori nelle prossime puntate, insieme a un Corona incorreggibile, che a un certo punto viene costretto dai giudici a cambiare davvero.

I magistrati lo “perseguitano”, però lui cammina sempre “a testa alta”.

Corona dorme “a testa alta”, mangia “a testa alta”, esce dal carcere “a testa alta” e, incredibilmente, il collo non ne risente! “A testa alta” è il nuovo tormentone, insieme ad “assolutamente”, un’altra delle sue risposte-tipo alle domande degli intervistatori.

Quando hai scelto esattamente di diventare Fabrizio Corona?

La lampadina mi si è accesa lo scorso marzo durante una puntata di Tv Talk, in cui ero ospite. Mentre si annunciava l’arrivo di uno show di Corona, ho pensato che il suo fosse un personaggio da mettere in scena sul palcoscenico.

Sai se lui ha apprezzato l’imitazione?

Mi hanno detto che a Verissimo ha dichiarato che la parodia, per lui, è un riconoscimento al suo carattere e alla sua popolarità. Ma, a parte tutto, spero che Fabrizio non se ne abbia a male. È una persona intelligente e credo capirà che sto solo scherzando. Detto questo, dopo quest’intervista cambierò località segreta, e porterò con me anche Roberto Saviano, che nel frattempo è chiuso nell’altra stanza ad aspettare!




28
gennaio

LE PAGELLE DELLA SETTIMANA TV (21-27/01/2013). PROMOSSO TIZIANO FERRO, BOCCIATI OXA E OSSINI

Eddie Combs (dal sito di Sky)

10 a La Vita è Bella. Un capolavoro senza tempo dall’alto valore sociale che gli italiani continuano numerosi a rivedere, catturati altresì dallo straordinario estro di Roberto Benigni.

8 a Tiziano Ferro, intervenuto a Le Invasioni Barbariche. Al cospetto di Daria Bignardi il cantante di Latina suscita tenerezza dimostrando grande sensibilità ma anche magnetismo televisivo. L’intervista, pur lasciando una sensazione di incompiutezza, rappresenta comunque un momento significativo di televisione.

7 ad Alessia Marcuzzi. La conduttrice si cala discretamente bene in un contesto inusuale e non esente da limiti. Tra budget ridotti all’osso, fotografia non irresistibile, durata eccessiva e troppo emotainment, Extreme Makeover Home Edition Italia ha più di un aspetto sul quale dover lavorare.

6 a X Factor Usa. Sarà forse difficile da comprendere per chi non è americano, ma la versione a stelle e strisce del talent show canoro – in onda ogni lunedì su Sky Uno – sembra un pullulare di casi e situazioni dal perverso sapore trash. I giudici poi non conoscono le mezze misure: troppo buoni con chi passa il turno (si sprecano le lodi alla “nuova star della musica”), troppo cattivi con chi viene scartato.


26
gennaio

FABRIZIO CORONA: QUANDO LA ‘MILANO – LISBONA’ NON E’ UNA GARA CICLISTICA

Fabrizio Corona

Che non verrà candidato in nessuno schieramento politico, è una certezza. Su tutto il resto, le illazioni sul suo futuro vanno via come le paparazzate della pancia della sua ex. Parliamo di quello che ha il cognome come quella cosa che la Regina Elisabetta porta in testa e il nome di Bentivoglio. Non lo nominiamo, perché abbiamo il dubbio che il nome sia stato registrato e a fine articolo ci toccherebbe compilare il borderò da consegnare alla Siae con il numero di volte in cui lo abbiamo citato. E poi pagare i diritti.

Sul caso umano e su quello processuale evitiamo di pronunciarci. Che, se abbiamo una sicurezza quando scriviamo su questo blog, è che non siamo né preti né avvocati (più o meno!). Sul caso mediatico invece due paroline le vorremmo scrivere. Il primo insegnamento di tutta questa vicenda è che i creativi che chiamano gli attori famosi per fare le pubblicità esponendoli al pubblico ludibrio dovrebbero prendere appunti su cosa significa fare comunicazione.

Abbiamo una fuga che da Milano a Lisbona è diventata famosa come il Cammino di Santiago. Adesso verrà percorsa da tutti gli imputati in attesa di giudizio in segno di devozione a quelli che hanno già avuto una condanna definitiva. Abbiamo una macchina usata per la fuga, che come minimo a Lapo Elkann gli arriva una fattura con parecchi zeri, quanto meno per risolvere le questioni in sospeso. La dimostrazione che il sistema GPS del mezzo funziona è un omaggio del fuggitivo.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes





25
gennaio

FABRIZIO CORONA TRASFERITO IN CARCERE. LA VIDEO-CONFESSIONE A CELEBRITY NOW: QUANDO USCIRO’ MI VENDICHERO’

Fabrizio Corona arrestato

Il ritorno in Italia con le manette ai polsi e le telecamere tutte lì, a riprendere il “re dei paparazzi” che va al gabbio. L’estradizione di Fabrizio Corona, costituitosi in Portogallo dopo quattro giorni di latitanza, è avvenuta in diretta tv e a reti (quasi) unificate, come fosse l’ennesima puntata di un reality. L’ex signor Rodriguez, condannato a 5 anni di carcere è estorsione aggravata, è atterrato alle 17.15 di oggi all’aeroporto di Malpensa e, dopo il disbrigo di alcune formalità burocratiche, è stato trasferito al carcere di Busto Arsizio.

Ad accoglierlo, schiere di fotografi e pure qualche fan vociante. Così, giusto per colorire di tinte surreali un evento mediatico che ben ritrae IL lato “coronesco” del circuito televisivo nostrano. Dal giorno in cui il Tribunale di Torino ha emesso la sentenza di condanna a suo carico, Fabrizio non ha mai smesso di far parlare di sé, ed ora che la sua fuga è terminata, le tv snocciolano documenti ed immagini “esclusive” sul re dei paparazzi.

A proposito: stasera il programma Celebrity Now, condotto da Selvaggia Lucarelli e Petra Loreggian su Sky Uno alle 20.10, mostrerà al pubblico un video inedito nel quale lo stesso Corona parla della certezza di andare in carcere, della sua idea di fuggire in Brasile e della giustizia italiana. Nel documento, registrato alla vigilia della condanna ma divulgato solo ora per volontà di Fabrizio, ascolteremo anche un appello rivolto al figlio Carlos.


24
gennaio

DM LIVE24: 24 GENNAIO 2013. CORONA QUERELA TUTTI

Fabrizio Corona

>>> Dal Diario di ieri…

  • Corona querela tutti

“Amici di Studio Aperto mi trovo nel carcere di Lisbona sto bene sono tranquillo mi sono consegnato spontaneamente”. Questo è il messaggio di Fabrizio Corona, arrivato alla redazione di Studio Aperto, che sarà trasmesso questa sera nel corso dell’edizione delle ore 18.30. Nella registrazione audio Corona afferma inoltre: “querelo ogni persona che si permette di dire che ho pianto, il Corriere della Sera, il Sole 24ore, il Resto del carlino. Sono tranquillo, sono sereno, non ho paura, non ho pianto e sono pronto a combattere la mia battaglia. Per favore dite da oggi in poi soltanto la verità che vi comunicherò”.





23
gennaio

FABRIZIO CORONA SI E’ COSTITUITO A LISBONA

Fabrizio Corona

Finisce la fuga di Fabrizio Corona. Il “fotografo dei vip” si è costituito in questi minuti a Lisbona, in Portogallo, dove si era rifugiato come latitante a seguito del provvedimento d’arresto emesso venerdì scorso a suo carico. Corona, infatti, è stato condannato a cinque anni di reclusione per estorsione aggravata e trattamento illecito di dati personali nei confronti dell’ex giocatore della juventus David Trezeguet. Sentenza definitiva, da eseguire subito.

Dopo alcuni giorni di silenzio, nei quali aveva fatto perdere completamente le sue tracce, stamane Fabrizio era tornato a parlare in un video pubblicato su Socialchannel.it: “sono arrivato adesso in Portogallo dopo quattro giorni di viaggio. Mi sto per consegnare spontaneamente alle autorità portoghesi ” aveva detto parlando ad un suo collaboratore. E, almeno stavolta, il “re dei paparazzi” sarebbe stato di parola.

Dopo la condanna a cinque anni di reclusione, salita a sette anni, dieci mesi e 17 giorni a seguito della latitanza (con la perdita del beneficio di affidamento in prova ai servizi sociali), Corona era ‘braccato’ dagli uomini della polizia di Milano ma anche da quelli dell’Interpol, che erano stati allertati con un mandato di cattura internazionale.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes


22
gennaio

PAGELLE DELLA SETTIMANA TV (14-20/01/2013). PROMOSSI OPRAH E D’AMICO, BOCCIATI TOMMASI A LE IENE E CORONA

Fabrizio Corona

9 a Oprah Winfrey. Protagonista di un intenso faccia a faccia con Lance Armstrong, l’icona della tv americana riesce ad incalzare l’ex ciclista con lucidità e arguzia. Allo stesso tempo, pur indugiando sul lato umano, riesce a non fare del mostro – come spesso accade nella tv italiana – un eroe.

8 a Ilaria D’amico.  Al timone de Lo Spoglio, la coscialunga di Sky incontra i leader politici dimostrandosi pungente e di polso al punto da meritarsi i sardonici complimenti di Silvio Berlusconi. Peccato per il nano share.

7 al debutto di Grey’s Anatomy 9. Il finale ‘ai confini della realtà’ dell’ottavo ciclo di episodi ha aperto nuovi ed interessanti filoni narrativi in una serie che, malgrado i nove anni di messa in onda, riesce ancora a mantenere vivo l’interesse e gli ascolti (anche di Fox Life!).

6 al progetto di Stasera mi Tuffo. Il nuovo format acquistato da Canale 5 incuriosisce ma non entusiasma, considerando altresì i sonori (ed inaspettati) flop in cui l’emittente è incappata quando si è imbattuta in celebrity talent. Ci auguriamo che cast e conduzione siano adeguati.


21
gennaio

LO STRANO CASO DEL VIDEO HARD DI BELEN E CORONA

Belen Rodriguez e Stefano de Martino (da facebook)

La gravidanza di Belen dura ormai da 7 mesi. La durata percepita dall’italiano medio si avvicina però ai 145, di mesi. A parto avvenuto ogni donna avrà la pancia un po’ più piatta. Anche se, a un certo punto, dopo le foto della pancia di Belen immortalata da tutte le angolazioni e con tutti gli obiettivi presenti sul mercato, consapevoli che un’ulteriore immagine della suddetta rotondità avrebbe tirato più o meno come la notizia che Francesco Facchinetti si è fatto un altro tatuaggio, i giornali hanno lasciato che la coppia Rodriguez-De Martino partisse felice per trascorrere serene festività natalizie in Argentina.

Ingenui. Perché proprio quando pensavano di poterne fare a meno, è iniziata la crisi di astinenza. E in attesa che qualche paparazzo volasse in Sudamerica per fornire la dose quotidiana di belenismo, un colpo di fortuna. Nottetempo, in una fredda sera di dicembre, casa di Belen viene svaligiata. Ora, secondo voi, quale è il tam tam partito sul web relativamente al furto? Vi diamo tre possibilità: 1. è stata rubata la prima morfologica della creatura  2. è stata rubata la bambolina wodoo con la faccia di Emma Marrone mentre augura felicità alla coppia 3. è stato rubato il video hard di Belen e Corona. E la risposta esatta è…

Sarà vero o no? Beh, la possibilità che due che sono stati insieme per anni si siano filmati ci può stare  - come d’altronde Corona in tempi non sospetti ha ammesso -, oltretutto dopo essere apparsi nudi in atteggiamenti poco equivoci su vari settimanali una idea della loro intimità ce la siamo già fatta indipendentemente dall’esistenza di questo ipotetico video. Il punto è un altro e cioè … chi è che avrebbe spifferato la notizia? Forse Belen? Ve la immaginate, appena saputo del furto, mano in fronte, che esclama “oh mierda, sul computer che hanno rubato c’era il video mio e di Fabrizio”, non accorgendosi del microfono direzionale appena piazzato da un paparazzo. O forse i ladri? (“Abbiamo in ostaggio il video hard di Corona e Belen. Lo libereremo solo dopo il pagamento del riscatto”).