Claudia Mori



7
febbraio

RAI 1 CANCELLA I DUE SPECIALI PREVISTI CON MINA E CELENTANO

Mina e Celentano

Rai 1 ha deciso di annullare le due serate evento previste e dedicate a Mina e Adriano Celentano. Dopo lo speciale dello scorso 12 dicembre, trasmesso in access prime time al posto di Affari Tuoi, il direttore della rete ammiraglia Andrea Fabiano ha reso nota la cancellazione del progetto:




16
ottobre

LA RICETTA DELLA FELICITA’: SU LA5 LA SECONDA SERATA PENSA POSITIVO. TRA LE PROTAGONISTE CLAUDIA MORI

Laura Halilovic

Da oggi, 16 ottobre 2014, e per i prossimi cinque giovedì, La5 trasmetterà alle 23:10 La ricetta della felicità. Ma a dispetto del titolo, e del fatto che il canale 30 è dedicato all’intrattenimento femminile, non si tratta dell’ennesimo format ambientato tra i fornelli. Il programma è composto da una serie di monografie dedicate ad alcune donne speciali che nella vita hanno trovato la forza e il coraggio di cambiare il proprio destino e realizzare i propri sogni.

La ricetta della felicità: da questa sera alle 23:10 su La5

Il messaggio di fondo è infatti il think positive, ovvero l’importanza dell’ottimismo nella vita quotidiana, che può decidere ed indirizzare il destino di ognuno di noi. Protagoniste delle monografie saranno donne sia famose che non, che pensando positivo e credendo in loro stesse sono riuscite a trasformare la propria esistenza raggiungendo la tanto agognata felicità. La prima, di cui si parlerà stasera, è la regista rom Laura Halilovic che, superando i pregiudizi degli italiani e quelli della sua gente, è riuscita a raggiungere il suo obiettivo: realizzare il suo primo lungometraggio Io rom romantica e presentarlo in anteprima all’edizione 2014 del Giffoni Film Festival. Nel corso di una delle sei puntate anche Claudia Mori parlerà di sé “regalando” tra l’altro interessanti scorci del suo impegno nel lavoro.

La ricetta della felicità: La5 vuole diffondere il “think positive”

Ad accompagnare le monografie e narrare i percorsi delle protagoniste sarà la voce di Nicoletta De Ponti, conduttrice radiofonica di Rtl 102.5, che è anche autrice de La ricetta della felicità insieme a Carlo Fabrizio. Il concept, che si avvale anche di un sito internet attraverso i cui test il pubblico potrà valutare il proprio livello di autostima e “felicità”, si sviluppa ispirandosi agli studi sull’Authentic Happiness descritta all’interno del panorama della Psicologia Positiva e al suo fondatore americano, il Professore Martin Seligman, sostenitore dell’importanza dei pensieri positivi sul proprio stato psicofisico.


7
maggio

ADRIANO CELENTANO E CLAUDIA MORI: IN CANTIERE UNA FICTION CONTRO LA DISCRIMINAZIONE SESSUALE

Claudia Mori e Adriano Celentano

Claudia Mori sta lavorando ad un progetto che vuole essere simbolicamente il secondo capitolo di Mai per amore, miniserie in quattro film andati in onda nel 2012 su Rai 1 che raccontava la violenza sulle donne. Simbolicamente perché nelle intenzioni della produttrice c’è la volontà di andare oltre e raccontare una forma di violenza diversa da quelle che tg e tv ci raccontano ogni giorno, una più invisibile: la discriminazione.

Il progetto di una nuova serie tv ha preso vigore in occasione della sua adesione alla raccolta firme per chiedere gli Stati generali contro la violenza sulle donne, organizzata da Serena Dandini sul sito del progetto teatrale Ferite a morte. La Mori, come si legge su La Repubblica di oggi, vuole fare qualcosa di concreto per la causa, qualcosa di “rivoluzionario” cambiando anche il linguaggio ed il ritmo dei racconti finora prodotti. E ci sta lavorando insieme al marito Adriano Celentano.

“Allora pensiamo, Adriano ed io: che sia venuto il momento di uscire dal vittimismo e dal pessimismo, di uscire dal lamento e di proporre invece un modo positivo e aperto, forte, anche ironico per parlare di come le donne sono considerate nel nostro Paese.”





5
settembre

ADRIANO LIVE: CLAUDIA MORI VS MEDIASET PER LA POCA PUBBLICITA’ AL CONCERTO DI CELENTANO?

Claudia Mori

Dove eravamo rimasti? Ah sì, alle infinite polemiche che hanno accompagnato il lancio di Adriano Celentano su Canale 5, che trasmetterà in diretta Adriano Live, il concerto che il Molleggiato terrà all’Arena di Verona lunedì 8 e martedì 9 ottobre. Poi, però, sono arrivate le vacanze, e sotto l’ombrellone sono finiti anche malumori e dissapori; terminate le ferie e ripartita la stagione tv, tutto sembra tornare alla “normalità” dei mesi scorsi.

E il primo sussulto, manco a dirlo, arriva per bocca di Claudia Mori, moglie di Adriano e portavoce del Clan Celentano, nonchè responsabile della realizzazione del concertone. Stando a quanto rivelato da Chi, infatti, sembra che l’ex giurata di X Factor abbia manifestato tuo il suo scontento per come Mediaset stia (mal) sponsorizzando l’evento del marito. In particolare, il settimanale parla di infuocate telefonate tra la Mori e gli alti vertici del Biscione.

Alla base ci sarebbe la poca visibilità riscontrata dal Clan riguardo ai promo mancati su Italia 1 e Rete 4, che non hanno ancora lanciato a dovere il concerto. I tempi stringono e quei 7 milioni e mezzo di telespettatori stimati (con uno share attorno al 27-28%) sembrano diventare sempre più un incubo.


16
marzo

MAI PER AMORE: 4 FILM TV PRODOTTI DA CLAUDIA MORI CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE. IN ONDA DAL 27 MARZO SU RAI 1

Antonia Liskova e Massimo Poggio in Troppo Amore

Neppure il tempo di archiviare le polemiche scatenate da Adriano Celentano all’ultimo Festival di Sanremo, che a crear confusione nei corridoi di Viale Mazzini, ci pensa Claudia Mori. L’agguerrita moglie del molleggiato, la scorsa settimana, in occasione della festa della donna, ha colto la palla al balzo per denunciare la mancata messa in onda di Mai per amore, una serie di 4 film tv dedicati alla violenza sulle donne, realizzati dalla sua casa di produzione Ciao Ragazzi, e da mesi in attesa di programmazione.

“Non saranno quattro film a fermare il fenomeno della violenza sulle donne ma quello che succede in Rai è scandaloso. Sono preoccupata e arrabbiata. Non è mai colpa di nessuno ma i film non vengono trasmessi, i dirigenti non mi rispondono. La fiction crea attenzione, aiuta ad approfondire il tema. Mi dispiace, la Rai non sta facendo servizio pubblico. Raccontare la violenza sulle donne è un dovere: il continuo rimandare la messa in onda lo vivo come un boicottaggio”

Il ciclo di pellicole ha, in effetti, vissuto un percorso di realizzazione particolarmente travagliato. Oltre ai continui rinvii sulla messa in onda, va, infatti, ricordato che il progetto iniziale prevedeva un totale di sei pellicole, nelle quali oltre allo stalking, maltrattamenti domestici, sesso on line, avrebbero trovato spazio tematiche legate allo sfruttamento della prostituzione dalla Nigeria e alla pedopornografia. La scelta da parte della tv pubblica di compiere dei tagli su alcune tematiche troppo forti per la prima serata Rai, trovò naturalmente il dissenso della Mori, che minacciò addirittura di incatenarsi ai cancelli di casa del direttore di Rai1 in caso di ulteriori ridimensionamenti del progetto.





24
gennaio

ADRIANO CELENTANO AL FESTIVAL DI SANREMO 2012, CLAUDIA MORI: “NON VOGLIONO ADRIANO, HO LE PROVE”. OGGI UNA DECISIONE

Adriano Celentano, Claudia Mori

Lo show continua. Non si smorzano le polemiche sull’eventualità che Adriano Celentano possa saltare la partecipazione al Festival di Sanremo 2012. Ieri Claudia Mori – moglie del cantante – aveva denunciato che l’ospitata del Molleggiato sarebbe stata in bilico a causa di presunte interferenze con il Direttore Generale della Rai Lorenza Lei (leggi i dettagli qui). Tra indiscrezioni, comunicati di fuoco dal Clan e smentite di Viale Mazzini, il teatrino aveva tenuto banco per tutta la giornata.

Ora la signora Celentano ha fatto sapere che una decisione sarà presa al più presto, entro oggi. Circostanza confermata anche dal Direttore di Rai1 Mauro Mazza, il quale si è detto convinto che “la volontà della Rai di avere Adriano a Sanremo e l’identica alla volontà del Molleggiato di essere all’Ariston si trasformeranno molto presto in un accordo formale“. Da parte sua, Claudia Mori ha però confermato la denuncia fatta a nome del Clan e ha raccontato all’Ansa la sua versione dei fatti.

“Fino a questa mattina i nostri avvocati stavano lavorando per preparare una bozza condivisa. Solo che nel primo pomeriggio è arrivata la notizia che il direttore generale Lei avrebbe comunicato a due dirigenti che Adriano era ‘fuori’ da Sanremo. Hanno smentito ma io ho fatto delle verifiche: ho le prove che è vero. E’ clamoroso” ha detto la Mori.

La moglie di Celentano ha poi spiegato che la Rai aveva garantito verbalmente che Adriano avrebbe avuto carta bianca a Sanremo e che le sue performance non sarebbero state interrotte dalla pubblicità. Ma proprio su questi punti sarebbero sorte alcune frizioni. A proposito, la Mori ha proseguito:


5
maggio

UN CORPO IN VENDITA: LA VIOLENZA SULLE DONNE AL CENTRO DI 4 FILM TV PER LA PROSSIMA STAGIONE DI RAI 1.

Antonia Liskova

Si annuncia come una delle offerte più forti e prestigiose della prossima stagione tv. Parliamo di Un corpo in vendita, la serie di quattro film prodotti dalla Ciao Ragazzi di Claudia Mori per Rai 1, che avrà come tema la violenza sulle donne. Stalking, maltrattamenti domestici, prostituzione, saranno solo alcuni degli spinosi argomenti affrontati nei film tv Troppo amore, La fuga di TeresaIl segreto del web e Helena e Glory. Un progetto complesso e ambizioso, che ha visto negli scorsi mesi impegnati alla regia Liliana Cavani, Margarethe Von Trotta e Marco Pontecorvo.

Il primo film intitolato Troppo amore, incentrato sullo stalking, è  firmato da Liliana Cavani ed interpretato da Antonia Liskova. Si tratta di una storia d’amore tra una studentessa universitaria (la Liskova) e un docente di storia dell’arte (Massimo Poggio). Lui pretende di controllarla, imponendo i suoi gusti sulla scelta dei libri da leggere e degli abiti da indossare, sino a scegliere le persone da frequentare ed assumere un vero e proprio controllo della fidanzata. Lei sentendosi inferiore e credendo di migliorare grazie ai suoi consigli, accetta passivamente gli ordini. Teme, infatti, di non meritarlo e perciò si sottomette ai suoi desideri. La situazione inizierà presto a degenerare e per la studentessa comincerà una vera e propria persecuzione da parte del suo compagno.

Una storia molto forte, fatta di emozioni, paure e vergogna, in grado di coinvolgere psicologicamente e far stare male la stessa Antonia Liskova. L’attrice, volto popolare di numerose fiction, ha dichiarato al quotidiano La Stampa:

“Girare una storia tanto reale, ispirata a persone che l’hanno vissuta sulla propria pelle, è profondamente coinvolgente. Ci sono stata male. È talmente orrendo essere brutalizzate dalla persona alla quale si vuol bene. Inaccettabile. Mi ricordo che quando, dopo una giornata di set tornavo a casa, sentivo addosso a me l’odore del sangue, il dolore delle botte, il disgusto per quel che avevo provato. Non avevo recitato ma vissuto quella violenza”.


4
maggio

FICTION RAI: DAL PUGILE AL TENORE, MARTINA STELLA E’ PAZZA PER AMORE

Martina Stella

Avremmo dovuto vederla lo scorso mese di marzo al fianco di Luca Argentero nella fiction Tiberio Mitri – Il Campione e la Miss, ma la Rai in previsione di azioni legali dei familiari del pugile, che si opponevano alla messa in onda della miniserie, decise di sospenderne cautelativamente la programmazione.

In attesa di conoscere la nuova collocazione in palinsesto della fiction su Mitri,  potremo vedere Martina Stella recitare in Enrico Caruso, la biografia televisiva del celebre tenore italiano, in onda su Rai 1 il prossimo autunno. Al fianco della bella Martina, contrariamente alle voci che davano per certo Beppe Fiorello per il ruolo di Caruso, ci sarà Gianluca Terranova, un vero tenore, star internazionale della lirica.

La fiction prodotta da Claudia Mori e dalla sua Ciao Ragazzi Srl, vedrà quindi il regista Stefano Reali, scommettere sul debutto come attore del giovane tenore. Per Reali non si tratta della prima sfida come talent scout; Già nel 1992 infatti, fece debuttare l’allora giovanissimo campione di nuoto Raoul Bova nella biografia dei fratelli Abbagnale, Una storia italiana. Un trampolino di lancio che portò Bova a intraprendere la strada della recitazione e diventare uno degli attori italiani più popolari. Proprio di recente, sempre per la regia di Reali, lo abbiamo visto protagonista con successo nella fiction di Canale 5, Come un delfino.