cdr



5
aprile

Rai Sport: sospeso lo sciopero del 9 aprile. Trattative aperte con l’azienda

Rai Sport (Repertorio)

Contrordine compagni (di lavoro): la mobilitazione è sospesa. Lo sciopero di 24 ore indetto dal CdR di Rai Sport per domenica 9 aprile non si farà. Stando a quanto apprendiamo, l’astensione dal lavoro è stata accantonata dal momento che vi sono trattative aperte con l’azienda in relazione alle vertenze dei dipendenti. Non è tuttavia da escludersi che lo sciopero venga nuovamente fissato a giorni.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,




22
gennaio

DMLIVE24: 22 GENNAIO 2014. SIMONA VENTURA A PORTA A PORTA PER I 60 ANNI DELLA RAI (COMMENTO DI BAUDO?) – PAOLA FERRARI NEL CDR DI RAI SPORT

Simona Ventura

Simona Ventura

Il DM Live 24 è un post pubblicato ogni giorno (a mezzanotte circa) nel quale, tramite i commenti, vengono raccolte in tempo reale le segnalazioni degli utenti su qualunque programma in onda e, più in generale, in relazione a qualsivoglia notizia televisivamente rilevante. I più interessanti verranno pubblicati nel DM Live 24 del giorno successivo.

Simona Ventura per lo speciale Porta a Porta sui 60 anni della Rai

maxsa ha scritto alle 00:26

Simona Ventura su Twitter dice di essere stata invitata ai 60 anni della Rai e menziona Vespa. Dove, come e quando?!

NdDM: settimana prossima. Sempre che la Ventura parli della seconda puntata speciale di Porta a Porta sui 60 anni della Rai.

Paola Ferrari nel CDR di Rai Sport

Fabrizio Failla, Dario Di Gennaro e Paola Ferrari sono stati eletti membri del nuovo Comitato di Redazione di Rai Sport. La redazione ha riconfermato i primi due, già componenti del precedente CdR.


10
febbraio

IRENE PIVETTI, LA CATWOMAN DEL PICCOLO SCHERMO!

Irene Pivetti, CatWoman @ Davide Maggio .it

Valeria mi chiede di parlare di CatWoman che, chiariamo subito, non è un film in uscita nelle sale italiane.

Ha calamitato l’attenzione dell’opinione pubblica un servizio apparso su Gente in cui l’ex Presidente della Camera, Irene Pivetti, faceva sfoggio del Suo nuovo look.

Da CatWoman, per l’appunto!

Come un fulmine a ciel sereno, si è abbattuta sulla conduttrice di Tempi Moderni una valanga di polemiche che ha coinvolto il CDR di VideoNews (struttura che gestisce l’informazione di Mediaset) sino ad arrivare al coordinamento dei CDR Mediaset.

La cosa singolare è che i su citati cdr hanno ritenuto offensivo per la categoria (quella dei giornalisti) il nuovo “Pivetti Style”.

A prescindere dall’eccessiva interferenza dei giornalisti che si sono “avvicinati” alla questione, ho trovato perfetta la replica della camaleontica giornalista.

Irene Pivetti ha, da una parte, sottolineato come il proprio programma sia un programma di infotainment e non esclusivamente di informazione e dall’altra ha invitato i propri detrattori a occuparsi dei contenuti dei prodotti piuttosto che delle “vesti” dei professionisti dell’informazione.

E mi trova pienamente d’accordo.

L’accento è stato puntato su Studio Aperto e Lucignolo. Con tutte le ragioni di questo mondo (non a caso Lucignolo ha anche vinto un TeleRatto! Eh eh).

Videonews risponde che, “naturalmente la lettera del Comitato di Redazione sulla vicenda non voleva entrare nel merito delle scelte stilistiche di Irene Pivetti. Non si trattava affatto di una querelle sul suo bon ton ne’ sui suoi gusti. Ma delle sostanziali differenze tra fare informazione e dare spettacolo [omissis]“.

Studio Aperto, naturalmente, respinge le critiche al mittente affermando che “nel difendersi dalle critiche mosse dalla redazione di Videonews in merito alle sue ‘performances’ artistiche [omissis] la signora Pivetti non ha trovato di meglio che attaccare i servizi di “Lucignolo” e ha ritenuto “inopportuno l’accostamento di una trasmissione di approfondimento giornalistico alle esibizioni della signora Pivetti“.

Non s’è fatta attendere l’ulteriore replica della Pivetti.

A questo punto Mediaset dica con chiarezza cosa vuole da me. Anche a me sarebbe piaciuto fare un programma giornalistico [omissis]. Mi hanno obbligato invece a fare un programma di infotainment e gia’ ai tempi di “Liberi Tutti” mi avevano chiesto di inserire il gossip [omissis]“.

In relazione alle polemiche del cdr di Studio Aperto dice : “Ma che cosa vogliono? E’ sotto gli occhi di tutti che Lucignolo e’, si’ un programma di informazione ma anche di infotainment, basta pensare ai loro servizi sugli scambisti o sulle prostitute. Non capisco proprio la loro reazione”. L’ex presidente della Camera punta l’indice contro il ‘razzismo di casta’ dimostrato dai giornalisti Mediaset, “un giornalismo di stampo ottocentesco“. [omissis]Ce l’hanno con me perche’, diciamo, forse non ho ceduto a compromessi o perche’ ho difeso Lele Mora”. “Non me la sono presa con Cristina Parodi, ottima giornalista e anche gran bella donna, ne’ con Lucignolo. Mi sono solo limitata a dire cose oggettive”.

E se fosse solo invidia quella delle giornaliste di Mediaset, ingelosite per gli exploit artistici della collega Pivetti?!?