Aquarius



14
ottobre

AQUARIUS: DAVID DUCHOVNY PORTA IN TV LA CRUENTA STORIA DI CHARLES MANSON

David Duchovny

I telespettatori sono abituati alle serie tv che raccontano nefandezze e crimini efferati, così come alle indagini messe in atto dalle forze dell’ordine per assicurare i colpevoli alla giustizia. Non solo sono abituati, ma le apprezzano, e le seguono con costanza. Chissà, invece, come accoglieranno un racconto di incredibile e gratuita violenza che non nasce dalla penna di esperti sceneggiatori, ma è ispirato ad una storia vera che ha insanguinato Los Angeles negli anni ‘60.




14
aprile

TOP CRIME: IN ARRIVO THE AFFAIR, AMERICAN CRIME E AQUARIUS

The Affair

Tris di novità in arrivo su Top Crime. Tra le oltre 100 ore di telefilm in prima tv, che vedremo sul canale poliziesco free di Mediaset, spiccano The Affair, American Crime e Aquarius. Ecco qualche informazione in più.

Top Crime: The Affair

Premiato con 2 Golden Globes 2015 (“miglior serie drammatica” e “miglior attrice” Ruth Wilson), The Affair racconta di un omicidio tra le pieghe di una relazione extraconiugale tra lo scrittore Noah (Dominic West) e la cameriera Alison (Ruth Wilson). Ruoli da comprimari per Joshua Jackson (“Dawson’s Creek”, “Fringe”) e Maura Tierney (“ER”), rispettivamente marito di Alison e moglie di Noah. La particolarità della serie, una delle rivelazioni della stagione 2014-2015, sta nella prospettiva in soggettiva dei due amanti nel ricostruire il loro…affair. Ideatori sono l’israeliano Hagai Levi (a lui si deve “BeTipul”, il format originale israeliano dal quale è stato tratto il celebrato “In Treatment”) e Sarah Treem (già produttrice di “In Treatment” USA e “House of Cards”). I due attori protagonisti, West e Wilson, sono di origini britanniche. “Probabilmente non c’è niente di più banale di una relazione extraconiugale. Parte del bagliore di ‘The Affair’ sta proprio nel suo tessere un telaio sconcertante ed enigmatico in maniera quasi esaperante attorno all’impulso meno misterioso del mondo“, questo il giudizio del “New York Times” sulla serie già confermata per la 2° stagione.

Top Crime: American Crime

Dallo sceneggiatore John Ridley, vincitore dell’Oscar per il film “12 anno schiavo”, American Crime è la storia di un processo (e di un crimine) che cambierà le vite di tutti coloro che vengono coinvolti. Un omicidio avvenuto apparentemente per motivi razziali scoperchia un sistema sociale, politico e giudiziario impensabile e sorprendente, che trasuda sospetti e drammi in cui l’assassinio è forse il più lieve dei mali. Felicity Huffman (“Desperate Housewives”) e Timothy Hutton (“Leverage”) spiccano tra i protagonisti. Ridley firma anche da produttore e dirige le prime due puntate. Penelope Ann Miller compare da guest-star in più di una puntata.

Top Crime: Aquarius


17
ottobre

L’ALTRA META’ DI SKY: ECCO I PROGRAMMI CHE NON TI ASPETTI (PRIMA PARTE: GXT).

Dog the Bounty Hunter (GXT)

Quando si pensa a Sky, le prime cose che balzano alla mente sono, solitamente, i numerosi film in prima visione assoluta, eventi sportivi in esclusiva e, più in generale, una pregiata tv che guarda quasi snobisticamente alla più “volgare” generalista. Senza dimenticare, ovviamente, i numerosi personaggi che da quest’ultima hanno fatto il grande salto verso il satellite, orgogliosi di “elevarsi” a quel piccolo concentrato di qualità che è il murdocchiano bouquet. Fiorello, Lorella Cuccarini e il compianto Mike Bongiorno sono solo alcuni esempi in tal senso.

Ma spesso e volentieri, l’abbonato Sky ignora completamente che, nei molteplici canali a disposizione, possano trovarsi programmi (im)perdibili, vere e proprio chicche televisive pronte a diventare pane quotidiano per chi si nutre quotidianamente di trash. Scordatevi quindi lungometraggi freschi freschi di passaggio nelle sale cinematografiche e non azzardevi nemmeno a pensare a qualche succoso anticipo di Serie A: i programmi di cui stiamo per parlare sono talmenti estremi nel loro genere che le televisioni generaliste non li trasmetterebbero nemmeno per sbaglio.

In questa prima parte, abbiamo pensato di passare al setaccio il famoso canale GXT. Tra i tanti programmi che trasmette, ce n’è uno in particolare che spicca sugli altri per stupidità e idiozia: risponde al nome di Sfiga World Record“. In tale opera catodica, non è difficile, infatti, imbattersi in stravaganti competizioni “agonistiche” come cospargersi il fondoschiena di nutella per darlo in pasto ai cani, slacciarsi il reggiseno nel minor tempo possibile, correre con un rotolo di carta igienica attaccato agli slip o lanciare chicchi d’uva nei pantaloni di un idraulico.