21
novembre

MATTHEW MORRISON (GLEE): MIKA? NON LO CONOSCO PROPRIO. NON MI VESTIREI MAI COME SCHUESTER!

Di Schuester ama la pazienza e con lui condivide la passione per le arti performative. Quello che, invece, a Matthew Morrison non va giù del suo personaggio di Glee è l’abbigliamento. Non si vestirebbe mai come lui, confessa. L’attore statunitense è arrivato a Milano per partecipare alla puntata di stasera di X Factor 7 dove si esibirà sulle note It Don’t Mean A Thing, brano che fa parte della sua raccolta di rivisitazioni di classici americani. L’abbiamo incontrato, nel corso di una tavola rotonda con altri giornalisti, ecco cosa ci ha detto.

Adam Levine produce il tuo disco. Com’è nata questa collaborazione?

Eravamo amici prima ancora che nascesse questo progetto. Siamo entrambi di Los Angeles, abbiamo sempre parlato di musica e un giorno gli ho detto che mi sarebbe piaciuto realizzare un album con l’ausilio di una grande orchestra – perchè oggi gli arrangiamenti sono perlopiù computerizzati – e lui sin da subito si è mostrato interessato. All’inizio pensavo pure scherzasse! Levine è uno che sa trattare con gli artisti. Sono cresciuto sulle note di Sinatra e Dean Martin e confesso che mi sarebbe piaciuto veramente vivere negli anni Cinquanta perchè mi trovo molto a mio agio con quella musica.

Ricorderete ancora Cory Monteith a Glee?

C’è già stato un tributo, il suo nome emerge in tutta la serie, perciò non ci siamo già limitati a quell’unico episodio. La sua è stata una presenza di grande importanza, farà sempre parte di Glee.

Ti vedremo alle prese con qualche performance particolare nei nuovi episodi della serie?

In questa stagione interpreterò in coppia con Jane Lynch, Cheek to cheek, sarà una rappresentazione in stile Fred e Ginger. Mi sono appena cimentato con Blurred Lines nell’episodio sul twerking; in generale ci sono sempre delle belle canzoni anche se, arrivati al seicentesimo numero musicale, siamo un po’ a corto di idee!

Cosa puoi dirci del tuo personaggio?

Will Schuester ha fatto davvero un ottimo lavoro, è stato di ispirazione per i suoi ragazzi e ci vorrebbero più persone come lui nelle scuole soprattutto in un periodo in cui le arti stanno quasi scomparendo. Abbiamo bisogno di ispirare i giovani.

Cosa ti accomuna e cosa ti differenzia dal tuo personaggio? Cosa potrebbe insegnarti Schuester?

Io e Will siamo entrambi molto positivi e abbiamo passione per l’arte, la mia è grande al punto dal voler istituire una scuola per le arti performative. Quello che non farei mai è vestirmi come lui! E’ uno show televisivo e non vorrei mai trovarmi nelle sue situazioni, non vorrei mai che la gente parlasse dei mie capelli. Io amo i miei capelli! (ride) Quello che potrei imparare da Schuester, invece, è la sua pazienza con gli studenti.

Qual è l’X Factor di Glee?

Il cast. Hanno veramente scelto le persone migliori per interpretare quei personaggi. C’è una serie di archetipi: dalla ragazzina che vuole diventare una star al ragazzo gay e hanno scelto degli attori perfetti per quei ruoli. Per quanto riguarda il mio X Factor, parto dal dire che il mio grande idolo è Gene Kelly, che è stato attore, ballerino, cantante, una figura completa che nella nostra generazione – almeno negli Stati Uniti – non esiste più. Il lavoro che sto facendo è proprio quello di portare, con le grandi orchestre, la musica e il sapore degli anni Cinquanta e Sessanta.

Qual è il punto in comune tra X Factor e Glee?

Glee è una serie molto eclettica, apre le menti a diversi generi musicali, io addirittura nelle prime stagioni mi sono spesso cimentato con brani rap. Ci sono state canzoni pop che non conoscevo e successi del passato che probabilmente erano sconosciuti alle generazioni più giovani. Sotto questo punto di vista Glee e X Factor potrebbero essere simili.

Dicevi che l’X Factor di Glee è stato il cast, alla luce del calo d’ascolti, c’è stato qualche problema di casting nelle ultime stagioni?


Cosa? C’è stato un calo di ascolti? (ride) Onestamente, non direi si sia trattato di un problema di casting, quanto piuttosto il fatto che la gente si era così innamorata dei personaggi originari che è stato molto difficile avvicinarsi ai nuovi attori.

Tornerai nella prossima stagione come regular?

Sarò presente in tutta questa stagione. Poi vedremo.

Cosa farai ad X Factor? Conosci Mika? Collaboreresti con lui?

Stasera canterò It Don’t Mean A Thing, sarà un numero importante, devo cantare e ballare. Amo molto collaborare con altri artisti. Ho lavorato anche con Sting, Elton John, ma non conosco Mika.

Ti piace almeno la musica di Mika?

Non lo conosco propio.

Avresti mai partecipato ad un talent all’inizio della mia carriera?

Non credo, ho fatto la mia gavetta, ho pagato il dovuto: sono partito da piccoli teatri e da piccoli ruoli per arrivare poi ad essere protagonista.

Faresti il giudice?

Non è una cosa per me, sarei troppo buono! Sono poi un performer abituato ad autogiudicarsi.

Si dice che oggi le serie tv americane raccontino molto più la realtà rispetto al cinema. Sei d’accordo?

E’ un’affermazione un po’ azzardata, penso comunque che sia tv che cinema dovrebbero in un certo senso riflettere la realtà.

Come la popolarità ha cambiato la tua vita?

La televisione non mi ha cambiato e non ha cambiato nemmeno il mio modo di recitare. C’è da dire che vengo dal teatro che richiede sempre una rappresentazione grandiosa, devi raggiungere anche l’ultimo spettatore che sta in fondo alla sala, mentre in televisione bisogna interiorizzare le cose, tutto diventa piccolo. Allo stesso tempo, per quanto riguarda Glee, la situazione è un po’ diversa, un po’ più grande, perchè e necessario recitare, ballare e cantare.

Hai recitato in Sex And The City con Sarah Jessica Parker che poi hai ritrovato a Glee. Com’è stato condividere il set con lei?

In Sex and the City, facevo il cameriere, un piccolissimo ruolo ed ero agitatisimo. Lei è stata molto dolce e gentile ma siamo diventati amici molto più in là. Sia Sarah, che suo marito Matthew Broderick, sono ottimi attori e brave persone.

Credi che Glee abbia dato impulso all’industria discografica?

Credo che Glee abbia riportato la musica in auge, esponendola a dei grandi pubblici. Pensate a Don’t stop believing, che nessuno ricordava più e che è ridiventata popolare. La serie è servita alla discografia, in un momento di grande cambiamento.

Qual è il tuo sogno da realizzare?

Presto mi sposerò, non a breve ma comunque lo farò. Vorrei avere dei figli, il mio sogno più grande è quello di essere un buon marito e un buon padre.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,



Articoli che potrebbero interessarti


GLEE seconda stagione
GLEE: IN ATTESA DEL DISCUSSO DEBUTTO IN CHIARO AL VIA STASERA SU FOX LA SECONDA STAGIONE. SPECIAL GUEST BRITNEY SPEARS


Glee
MUSICA, MAESTRO! A NATALE SU FOX IL PRIMO EPISODIO DI GLEE, LA TALENT SERIE CHE STA FACENDO IMPAZZIRE L’AMERICA


Mtv Super Shore, Ferre, Victor, Potro, Isaac, Igor
I ragazzi di Mtv Super Shore 3 a DM: «Che bordello questo reality! La donna più adulta con cui sono stato? L’hanno seppellita ieri» – Video


Mtv Super Shore, Elettra, Karime, Danik, Adela
Le ragazze di Super Shore 3 a DM: «Togliere le mutandine? Uno stile di vita!» – Video

4 Commenti dei lettori »

1. teoz ha scritto:

21 novembre 2013 alle 15:00

mika è indubbiamente una star internazionale…ma decisamente più europeo che americano…alcuni suoi singoli si sn fatti sentire nelle classifiche come billboard ma non con risultati incisivi…ora con POPULAR in duetto con l’emergente ariana grande sta cercando d rimontare negli US. Cmq sia è un grande artista e amen se questo qui nn sa chi sia….



2. Alessandro ha scritto:

21 novembre 2013 alle 18:41

Il punto non è se lui conosce il grande Mika, il punto e capire chi è lui e perché cavolo lo hanno invitato ad hell-factor, per caso devono pubblicizzare ulteriormente Glee che va in onda su skyuno?



3. marcko ha scritto:

21 novembre 2013 alle 23:08

ma non è ancora reato non conoscere un cantante, in questo caso Mika.



4. Gino ha scritto:

24 novembre 2013 alle 11:04

Mika è una superstar europea, negli usa è quasi uno sconosciuto



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.