31
ottobre

DOPOTUTTO NON E’ BRUTTO: GEPPI CUCCIARI APPRODA SU RAI1

Geppi Cucciari Dopotutto non è brutto

Geppi Cucciari (Getty Images)

Esattamente come le polacchine e i programmi di cucina, da un anno a questa parte anche l’arte in tv è tornata di moda. Il piccolo schermo ha dimostrato di saper trattare Gauguin e Caravaggio con la stessa dignità di un’inchiesta giornalistica o di un’edizione straordinaria del telegiornale. E così, quando abbiamo saputo che Geppi Cucciari sarà il nuovo volto di Dopotutto non è brutto – La scoperta dell’Italia, il nuovo programma culturale della seconda serata di Rai1 da fine novembre, non ci siamo stupiti più di tanto.

Dopotutto non è brutto: l’esordio di Geppi Cucciari su Rai1

In compagnia del critico d’arte Francesco Bonami, Geppi, reduce dall’insuccesso di G’Day e dalla brevissima quanto poco stimolante Agenda Geppi all’interno delle Invasioni Barbariche, intraprenderà un viaggio itinerante alla scoperta delle bellezze del Belpaese toccando quattro città: Torino, Roma, Napoli e Venezia. Bonami e Geppi indagheranno le testimonianze artistiche contemporanee e antiche, senza tralasciare le strutture architettoniche e uno sguardo clinico verso le bellezze realizzate in “casa nostra”.

Dopotutto non è brutto: Geppi Cucciari sulla scia di Alessandro Cattelan

Tutto sembra molto interessante, se non fosse che il nuovo esperimento lanciato da Rai1 ci ricordi qualcosa. Rammentate Potevo farlo anch’io, il contenitore culturale di Sky Arte dove Alessandro Cattelan indagava le opere di arte contemporanea scoprendo quanto lavoro ci fosse dietro una creazione apparentemente alla portata di tutti. E chi guidava il conduttore di X Factor in questo viaggio straordinario? Sempre il critico Francesco Bonami che cambia la rete, ma non la mansione. Persino il titolo dei due programmi ha la stessa provenienza, e cioè entrambi prendono il nome da libri scritti dall’esperto d’arte. Riuscirà Dopotutto non è brutto a conquistare gli appassionati d’arte del servizio pubblico e non solo?Solo il tempo potrà dirlo, intanto l’autore Stefano Pistolini ha spiegato all’Ansa l’iter e i meccanismi attraverso i quali il programma si sdoganerà. “Si tratta di quattro passeggiate in quattro città cercando quello che di solito non si va a cercare, uscendo dagli itinerari abituali e mettendo in discussione i luoghi comuni”. Per rendere accattivante il tutto, non mancheranno gli ospiti di richiamo che andranno da Gianni Vattimo a Mario Calabresi, da Paolo Sorrentino a Federico Moccia fino a Lapo Elkann. Ecco, veder discorrere Lapo sulla maestosità della Mole Antonelliana e sul Ponte dei Sospiri della Serenissima ci incuriosisce più di ogni altra cosa, ma ancor di più ci incuriosisce Geppi nei panni di una turista tuttofare ansiosa di esplorare e di stupire. Ce la farà?

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Dopotutto non è brutto - Geppi Cucciari 6
DOPOTUTTO E’ VERAMENTE BRUTTO: UN PUZZLE INCOMPLETO CON UNA GEPPI PIU’ MAESTRINA CHE ALLIEVA


geppi cucciari dopotutto non brutto
DOPOTUTTO NON E’ BRUTTO: GEPPI CUCCIARI VIAGGIA SU RAI1, AL POSTO DI BRUNO VESPA


Flavio Insinna
#Cartabianca: Flavio Insinna e Geppi Cucciari nel cast della nuova edizione


The Vessel_
NIENTE TV: CASCHETTO APRE LA SUA WEB TV E CI PIAZZA GEPPI CUCCIARI E FABIO VOLO. ECCO TUTTI I CONTENUTI

4 Commenti dei lettori »

1. Peppe93 ha scritto:

31 ottobre 2013 alle 13:24

Il progetto non mi convince, comunque sembra un programma da rai 3.



2. Andrew ha scritto:

31 ottobre 2013 alle 14:32

Onestamente è un programma che vedo poco nelle corde di Geppy. Non vedo in che modo possa combinare il tutto con la sua ironia… Staremo a vedere.



3. marcko ha scritto:

31 ottobre 2013 alle 16:22

ke c’entra geppy con questo programma???

capisco ke bisogna portare a casa la pagnotta, ma nell’ambiente televisivo spesso e meglio non fare una cosa ke farne una sbagliata..



4. Tommi ha scritto:

31 ottobre 2013 alle 21:04

Geppi aveva dichiarato da tempo la sua intenzione di fare un programma culturale, ed eccola qui.

Poi non ci lamentiamo che Rai1 non vuole fare cultura



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.