16
settembre

QUELLI CHE… 10 AUTORI NON FANNO UN PROGRAMMA

Quelli che il Calcio recensione

Nicola Savino e Ubaldo Pantani

Tanto valeva tenersi la Cabello. L’esordio del nuovo Quelli che il Calcio targato Nicola Savino è senza sussulti e soprattutto non fa dimenticare il passato. Sarebbe riduttivo, però, attribuire ogni responsabilità al conduttore e autore, perchè a differenza della precedente gestione, dove l’anello debole era proprio la padrona di casa, in questo caso le falle cominciano da più lontano.

Il problema di Nicola Savino è la squadra. I comici sono pochi, male assortiti e integrati nella trasmissione. Dove sono finite, poi, le imitazioni? Già, perchè Ubaldo Pantani, se si esclude il breve intervento iniziale all’interno di “Quelli che aspettano” nei panni di Paolo del Debbio, è inspiegabilmente in borghese. E ci spiace dirlo ma l’alter ego di Lapo Elkann non ha nè la notorietà, nè il talento per reggere la postazione occupata ai tempi d’oro da Gene Gnocchi.

A proposito dei disturbatori, invece, sarebbe stato auspicabile riconfermare il Trio Medusa, ideale trait d’union con le ultime annate. Gli altri intermezzi, che dovrebbero far ridere, sembrano presi dal peggiore dei Colorado con la comicità che ha preso il posto della satira. Le new entry Nuzzo e Di Biase sono pure bravini ma non rappresentano una novità e, soprattutto, la loro vis comica non conferisce ritmo al programma. Sì, perchè nel nuovo Quelli che il calcio si ride poco e si sonnecchia. Se nell’era Ventura (soprattutto per le prime e indimenticabili annate) la velocità era l’anima del programma, in questo caso tutto è al rallentatore.

Ai 10 autori (!) e agli svariati consulenti toccherà, dunque, rimettere mano al programma. Sebbene l’idea originaria di Quelli che il calcio sia stata svilita e resa anacronistica dalle pay tv, le potenzialità del format – inteso come contenitore di sport e spettacolo all’insegna della leggerezza – rimangono.

#TeleRatti2013 Vota il peggio della Tv

CLICCA QUI

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Luca e Paolo con Mia Ceran - Quelli che il Calcio
Quelli che il Calcio: il contenitore domenicale di Rai 2 è diventato un «mappazzone»


La Strada di Casa - Alessio Boni
La Strada di Casa: Alessio Boni emoziona, la storia è forte e coinvolge


Rosy Abate - La Serie
Rosy Abate riporta in scena il meglio di Squadra Antimafia


Le Tre Rose di Eva 4
Le Tre Rose di Eva sono tornate davvero

23 Commenti dei lettori »

1. Manu ha scritto:

16 settembre 2013 alle 16:28

Strano che non venga rifilata una stoccatina alla Cabello!
In ogni caso la puntata di ieri era inguardabile e Victoria faceva mille volte meglio!



2. gigo ha scritto:

16 settembre 2013 alle 16:49

ieri lo visto,che dire un programma noioso e monotono,la mancanza di viginia raffaele si sente e come,l’anno scorso mi passavo un bel pomeriggio,non capisco che cosa hanno messo ubaldo pantani in quella postazione…..non mi è per niente piaciuto….non so, un’altro programma a Nicola savino la rai glielo vuole far fare?tanto ne fa pochi..



3. aleimpe ha scritto:

16 settembre 2013 alle 17:09

Ma è vero che La Domenica Sportiva si fa nel TV3 di Corso Sempione, lo stesso di Quelli che il calcio ?



4. Hammer ha scritto:

16 settembre 2013 alle 17:31

Victoria era una perfetta padrona di casa!



5. Gianluca ha scritto:

16 settembre 2013 alle 18:52

Premessa: voglio bene a Nicola Savino quasi come si vuol bene ad un fratello maggiore. Detto questo però non posso far altro che registrare il fatto che in tv non funziona!: Mi spiego. alla radio riesce ad essere spontaneo divertente a volta anche brillante e cmq sarà la spalla di linus ma in radio funziona a bestia. In tv sembra sempre un po impacciato qusi li per caso, perde fiducia, non è spontaneo ,non graffia. Poi su QCC pur riconoscendo che le edizioni di Victoria Cabello sono state un po naif a me non sono dispiaciute affatto e victoria l’ho trovata quasi sempre sul pezzo pur nella sua apparente … ma che ci faccio io qua?….ottimamente supportata poi dal trio medusa e da pantano e raffaele (in particolar modo ho speso trovato particolamente brillanti i testi di pantano). Venedo alla prima puntata di QCC 2013/2014 devo dire che la cosa più “grave” è che non si è vista la materia prima su cui poter lavorare per migliorare nelle puntate successive e questo sinceramente se fossi il direttore di raidue mi preoccuperebbe e non poco . Se posso (ma chi cacchio mi credo di essere) invito Nicola a gettarsi nella mischia a mettersi in gioca al 110% come farebbe il suo capitano Zanetti buttando il cuore oltre l’ostacolo



6. Lele ha scritto:

16 settembre 2013 alle 19:02

Rivoglio la Cabello!!!!
Ma Savino deve essere abbastanza raccomandato.
Non mi fa ridere e non sa neanche condurre.
Lo voto come miracolato per i prossimi Teleratti!



7. nas ha scritto:

16 settembre 2013 alle 20:35

orribile, orribile, orribile



8. sery ha scritto:

16 settembre 2013 alle 21:22

la ventura tt la vita



9. EndRiuU ha scritto:

16 settembre 2013 alle 21:23

Decisamente un programma noioso e orrendo. La Cabello e il suo staff erano 3000 volte più avanti. Ieri facevo fatica a riconoscere il programma e, reggetevi, sul serio se ci fosse stata Maria Carmela (che non sopporto) avrei messo su Canale5!

Fino all’anno scorso avevo qualcosa da vedere la domenica… Quest’anno?!?

Almeno l’anno scorso c’era Sempione Express, i vestiti della Cabello, Nicole Minetti, la Pascale, canzoni travisate, il conte ubriaco…

Quest’anno si sono ridotti a fare Quelli che… In famiglia con i collegamenti in giro per le sagre d’Italia!!!



10. iki ha scritto:

16 settembre 2013 alle 21:27

Manca la materia prima qui.
Qualcosa copiato anche dalla Cabello.
Per me chiuderà in anticipo.



11. Davide Maggio ha scritto:

16 settembre 2013 alle 23:38

iki: per il momento sta andando meglio della Cabello.



12. angelo ha scritto:

17 settembre 2013 alle 12:23

“mamma mia nun se po’ guarda” a me piace tento Savino…. ma il programma è noioso …… lo studio uno sgabuzzino claustrofobico…. forse non hanno investito molto nello studio perché il programma durerà poco… mi dispiace… ma lunga vita a Cabello e tutta la squadra dell’anno scorso…… speriamo che domenica live e domenica in siano guardabili altrimenti la domenica pomeriggio osa facciamo???’



13. claudia ha scritto:

17 settembre 2013 alle 13:46

Savino mi dispiace ma è antipatico e sopravalutato, già aveva fatto un floop grossolano con l’Isola mi domando come hanno fatto a chiamarlo per condurre questa trasmissione, molto meglio la Cabello nella usa “follia” era simpatica,i personaggi uno più forte dell’altro, 10 autori per cosa,10 persone stipendiate per mettere insieme questa porcata….ma per favore.
LA CABELLO TUTTA LA VITA ASSOLUTAMENTE.



14. thedarknight ha scritto:

17 settembre 2013 alle 14:28

Non è vero che la Cabello era l’anello debole del programma,anzi lei sapeva fare da spalla ai comici e agli ospiti : era naturale e simpatica. Victoria tutta la vita…



15. LucaZ ha scritto:

17 settembre 2013 alle 16:33

Ancora devo capire perchè la Rai da tutto questo spazio a Savino. Può fare da spalla, ma non da conduttore.



16. Michele ha scritto:

17 settembre 2013 alle 16:59

A tutti i fan della Cabello che ancora non vogliono capire il motivo della sua ”inspiegabile” sostituzione: il contratto di Victoria con la Rai durava due anni ed è scaduto nel maggio scorso; essendo che la Rai è in un momento di magra finanziaria, non può permettersi di rinnovare contratti o stipularne di nuovi per cui può usare solo gli artisti che ha sotto contratto in questo momento ..

Forse se avesse fatto buoni ascolti, in Rai avrebbero fatto lo sforzo di rinnovarglielo nonostante le carenze del budget, ma di ascolti buoni (o perlomeno discreti) in due anni di gestione Cabello, checche ne dicano i Victoria-fans, non se ne sono visti, anzi e dunque è stata lasciata a casa

Questo discorso spiega anche il motivo del tanto lavoro di Nicola Savino in questo periodo: il suo contratto con la Rai è ancora in essere e dunque per l’azienda è conveniente usarlo il più possibile visto che il contratto di Savino è uno di quelli a prezzo fisso (ovvero che fa guadagnare una cifra annuale pre-stabilita sin dall’inizio, sia che in una stagione televisiva si faccia un solo programma sia che se ne facciano dieci).



17. lordchaotic ha scritto:

17 settembre 2013 alle 17:05

@ ale imp, si stesso studio, difatti di fronte c’è il set della DS



18. Steve ha scritto:

17 settembre 2013 alle 17:30

recensione fin troppo benevola… dieci autori per questa spazzatura? alla faccia di chi è in cassa integrazione



19. Steve ha scritto:

17 settembre 2013 alle 17:38

Dimenticavo: fra i consulenti (ottimamente retribuiti) mi risulta esserci pure il direttore del Guerin Sportivo, Marani… che ormai spunta un po’ dappertutto (Sky, Mediaset, tv locali, convegni vari): forse farebbe meglio a pensare di più al suo giornale che in fatto di idee originali latita quanto “quelli che”… la Rai ha davvero soldi da buttare, peccato che siano i nostri



20. ciak ha scritto:

18 settembre 2013 alle 10:42

ma il bello è che SAVINO condurrà anche il gioco di prima serata al giovedi su raidue…
quindi ha ragione ALESSANDRO GRECO…(ancora di piu in questa TV vanno avanti i raccomandati)…
…la CABELLO (ripeto…non capiva niente di calcio….è vero), ma lameno sapeva fare TV… una tv fuori dagli schemi…ricordate il giro per milano di personaggi famosi …come alla PECHINO …
???
io avrei messo IL SAVINO a THE VOICE …e lasciato la CABELLO a quelli che…
RIDATECI LA CABELLO……



21. Michele ha scritto:

19 settembre 2013 alle 12:18

Io avrei un’idea per riportare Quelli che il calcio agli antichi splendori: affidarlo a RAFFAELLA CARRA’: oltre ad essere una veterana del varietà televisivo infatti è anche una grande appassionata di calcio (e ne capisce anche tanto, di sicuro più della Cabello), inoltre è amica di Maradona (pensate se lo avesse come ospite che boom di ascolti farebbe) e comunque la sua presenza richiamerebbe l’attenzione sul programma comunque (senza contare poi tutti gli afficionados della Carrà che la seguirebbero anche su Telecasalpusterlengo), inoltre credo che anche lei ne sarebbe entusiasta visto che sono anni che vuole rinnovare la sua immagine scrollandosi di dosso quella delle ”Carrambate” e fare un programma diverso rispetto a quelli che ha fatto finora….

Se fossi un dirigente di Rai 2 per l’edizione 2014/2015 di QCC ci farei un pensierino sulla Raffa in versione sportiva.



22. elena ha scritto:

22 settembre 2013 alle 13:02

Oltre alle mitiche imitazioni di Pantani, mancano secondo me anche gli interventi spassosi e veramente divertenti (quante risate!!!) di Marcello Cesena e di sua Madreeeee, oltre che quelle di Cassandra e Daiana… anche il trio Medusa mi piaceva come interveniva…

poi (mi) è mancata anche la scelta degli ospiti realizzata dall’edizione Cabello dell’anno scorso, anche di persone non famosissime, ma non per questo prive di fascino…
Poi se non altro almeno si aveva l’opportunità di guardare attori, attrici, persone eclettiche italiani (tra queste ricordo Giancarlo Giannini, Filippo Timi), che secondo me avevano qualcosa da raccontare sicuramente più interessante rispetto agli interventi [bislacchi?] [noiosetti?] [vagamente insulsi?] degli inviati nelle varie zone d’Italia…



23. Max ha scritto:

28 ottobre 2014 alle 00:23

Già all’isola dei famosi Savino aveva dimostrato di non essere in grado di condurre una diretta televisiva. Non é bastata una prima pessima annata di Quelli che il calcio. È riuscito a peggiorare il già pessimo… Come si fa?? Hanno eliminato la parte “tecnica” ossia i veri giornalisti sportivi, hanno messo Pantani a fare un mestiere in cui non riesce, Lucia Ocone non ingrana, Maria Di Biase. Era carina a Bulldozer, poi si è persa e poi…. Ma perché dove c’è Savino ci deve essere DJ Angelo ?? Non fa ridere nessuno, è anche un po’ ributtante… In più è ricomparso anche un altro che fa battute divertenti solo per sua moglie ed il suo condominio : Andrea Pucci. Peggio di così….



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.