29
gennaio

ELEZIONI 2013, BERLUSCONI DICE NO AL CONFRONTO A SEI IN RAI PREVISTO PER SABATO. BERSANI: “ALLORA VADO A SKY”

Pierluigi Bersani

Contrordine! Sembrava tutto pronto per il duello finale annunciato ieri sera da un tweet di Enrico Mentana, ovvero il confronto a 6 tra gli aspiranti Premier, ma il ribaltone delle ultime ore ha scombussolato i piani in quel di Viale Mazzini. La Rai, destinata a ospitare l’evento televisivo, aveva anche già fissato il giorno –  questo sabato – ma all’ultimo momento è arrivato il veto definitivo. Uno dei candidati si rifiuta di partecipare, il suo nome è Silvio Berlusconi.

L’ammutinamento del boss del PdL è dovuto a un’eventuale violazione di una norma del regolamento della Commissione di Vigilanza Rai che prevede che sia riservato uno spazio solo a chi sia leader di una coalizione con la conseguenza che Antonio Ingroia, Beppe Grillo e Oscar Giannino non avrebbero diritto a partecipare al confronto. Il problema è che Pierluigi Bersani aveva posto come condizione imprescindibile che venisse garantita la presenza di tutti e 6 i leader. Questa la dichiarazione del segretario del PD che sarebbe disponibile a spostare il confronto su una rete privata, dove non varrebbe il regolamento della Vigilanza Rai:

“Non si può fare? Vado a Sky! Per quale diavolo di motivo non si può fare il confronto a sei? Escludiamo Grillo, escludiamo Ingroia, escludiamo Giannino? Dite alla vigilanza Rai che io, quando c’era da fare le primarie, non l’ho fatto fra i favoriti perché un conto sono i sondaggi e uno sono i voti. Io mi chiamo partito democratico e partecipo solo a cose dove tutti hanno uguali condizioni. Non intendo partecipare a cose dove ci sono condizioni diverse, questo lo lascio fare a Berlusconi”.

La replica del partito di Silvio Berlusconi è affidata a una nota del portavoce Paolo Bonaiuti:

“Il Pd cambia opinione tutti i giorni: prima lascia trapelare di essere disposto ad un confronto televisivo a tre, poi forse a quattro, poi no soltanto a sei e infine, colpo di audacia, perché no? al sei più uno. L’obiettivo è chiaro: sollevare un gran polverone per evitare il confronto tra Berlusconi e Bersani. Agli smemorati di Via del Nazareno ricordiamo che il candidato premier, al quale si attaccano come scusa, non esiste né nel regolamento della Commissione di Vigilanza Rai nè nella legge elettorale”.

L’equilibrio insomma è saltato. Anche Monti sarebbe favorevole al confronto a tre, escludendo così i leader dei movimenti “minori”. In questa situazione ad essere penalizzati sono gli spettatori e la Rai che avrebbe raggiunto un clamoroso successo d’ascolti se davvero il confronto fosse stato possibile.



Articoli che potrebbero interessarti


Berlusconi, Monti e Bersani a confronto su Sky Tg24 l'8 febbraio
BERLUSCONI, BERSANI E MONTI VERSO UN CONFRONTO SU SKY TG24 L’8 FEBBRAIO


Mentana svela che si sarà un confronto tra leader politici in Rai
ELEZIONI 2013: PER ENRICO MENTANA SI VA VERSO IL CONFRONTO TRA I 6 LEADER SULLA RAI


Elisa Isoardi
DM LIVE24: 28 MARZO 2014. ISOARDI LODA BERLUSCONI – TORNA IL RISCHIATUTTO? – RAI VINCE PROMAX 2014


Enrico Mentana
BERSAGLIO MOBILE: BERLUSCONI, BERSANI E MONTI DA MENTANA CHE BRUCIA MIMUN E GRUBER

40 Commenti dei lettori »

1. matteo quaglia ha scritto:

29 gennaio 2013 alle 17:12

oh gira che ti rigira e’ sempre berlusconi che fa saltar tutto :-D , comunque e’ assurdo che sia andata cosi , alla fine lo fara’ sky come per le primarie del pd



2. fran91pes ha scritto:

29 gennaio 2013 alle 17:50

D’accordissimo con Bersani!!! Quanti sono i partiti/coalizioni che si presentano per la guida del paese? 6-7-10? Bene! Il confronto va fatto a 6-7-10!!! Fare un confronto a TRE significa ESCLUDERE gli altri! cioè partire dal presupposto che gli altri non contano nulla. Che modi sono? A me sembra arroganza bella e buona. Tipico di Berlusconi e di Monti.

Vogliono un confronto? che lo si faccia con Bersani, Monti, Berlusconi, Ingroia, Grillo, Giannino! Quale sarebbe il problema? Che non si vuole dare visibilità agli altri?



3. osservatore ha scritto:

29 gennaio 2013 alle 17:50

Ma i candidati con cui confrontarsi li decide Berlusconi..?
Tanto per capirsi se stiamo in democrazia o meno.
Berlusconi vuole un confronto solo a 3, tra un candidato Premier ( Bersani), un Leader di una Coalizione ( Berlusconi) ed un Candidato che non può essere eletto in Parlamento perchè già Senatore a vita ( Monti).
In tutto questo casino, non si capisce perchè non dovrebbero essere invitati al confronto un Grillo o Ingroia.
Monti si e Grillo che nei sondaggi vale quanto il centro no?
Qualcuno si vuole appigliare al regolamento di vigilanza Rai perchè ha paura delle regole stringenti di un confronto a 6 (senza show) e con in più Grillo che potrebbe oscurare qualche primadonna?



4. Davide Maggio ha scritto:

29 gennaio 2013 alle 17:55

osservatore: beh, c’è chi si sottrae del tutto…



5. Nina ha scritto:

29 gennaio 2013 alle 17:57

Qualcuno preferisce fare la primadonna e qualcuno preferisce nascondersi. Forse Bersani è più furbo di ciò che credevo.



6. osservatore ha scritto:

29 gennaio 2013 alle 17:59

Parli di Grillo..?
Ognuno poi valuta il comportamento dei vari candidati ed i programmi.
Il Veto a questo confronto a 6 è posto dal Cavaliere (Annullato il faccia a faccia previsto per sabato Decisivo il veto del Cavaliere fonte corrieredellasera)
In un confronto serio, le porte devono essere aperte a tutti i candidati delle coalizioni (perlomeno sopra una certa soglia minima). Poi sta ai candidati accettare o meno l’invito…



7. osservatore ha scritto:

29 gennaio 2013 alle 18:01

Nina come al solito non ha capito la questione e la ribalta come più le piace.
Adesso è Bersani che ha rifiutato il confronto…….? Vabbè.
Meglio parlare con i muri



8. Mattia Buonocore ha scritto:

29 gennaio 2013 alle 18:06

Ma la gente vuole vedere un confronto a 6 o a 3?



9. Gah! ha scritto:

29 gennaio 2013 alle 18:07

Se davvero si riuscisse a fare un confronto tipo quello tra Renzi e Bersani, boom assicurato. Sicuramente non fara’ meno del 40%



10. osservatore ha scritto:

29 gennaio 2013 alle 18:12

La gente vuole sentire le varie proposte politiche ( una, due…sei) ma i confronti non possono essere stabiliti da un candidato.
Se un Grillo vale quanto un Monti secondo il 90% dei sondaggi e basandosi anche sulle elezioni siciliane, qualcuno mi spieghi perchè Monti SI mentre Grillo non deve essere invitato ( ed il fatto che poi vada o meno è un altro discorso)
Il dibattito su Sky per le primarie PD era a 5 ed è stato unanimemente apprezzato per formula e chiarezza quindi non vedo il problema.
E’ proprio sbagliato in concetto di “scelta”. Chi stabilisce e sceglie i candidati da selezionare o quelli ritenuti degni ed all’altezza??



11. fran91pes ha scritto:

29 gennaio 2013 alle 18:17

Cosa c’entra quello che vuole vedere la gente? L’80% degli italiani, vai a vedere, non sa neanche che c’è anche Giannino tra i candidati… È cosa significa? Che non dobbiamo farlo vedere?? Un servizio pubblico dovrebbe dar voce a TUTTI, non solo ai soliti tre.
Penso che sia DOVEROSO da parte di tutti dare spazio a tutti! È non escludere a priori altri! Che poi… Dalla base di quale pulpito, di quale diritto Berlusconi, o chiunque altro, può decidere chi deve o non deve partecipare ad un confronto? Boh a me sembra proprio di vivere in un mondo assurdo! Tutto è il contrario di come dovrebbe essere.



12. Nina ha scritto:

29 gennaio 2013 alle 18:18

osservatore: la mia opinione è che Bersani ha paura del confronto con Monti e Berlusconi e preferisce annacquare tutto. Invece di pensare a cosa capisco io, pensa piuttosto a te che non sei capace di leggere.



13. osservatore ha scritto:

29 gennaio 2013 alle 18:20

Il confronto è saltato non per colpa di Bersani che si è detto disponibile a farlo anche su Sky ( come ha già fatto in passato peraltro)
Il resto sono chiacchiere e ribaltamenti dei fatti



14. Critico Tritatutto ha scritto:

29 gennaio 2013 alle 18:21

Io la penso come Nina,e non perché non voglio che parlino anche Ingroia o Grllo o Giannino,anzi…

Però è un fatto che quando l’idea era sul confronto a tre al massimo [i più "potenti": Bersani,Monti,Berlusconi],Pigi si è sempre rifiutato,sapendo ci avrebbe rimesso,soprattutto con il terzo.

Ora con sei gli va bene,chissà come mai…

E’ ovvio che più si è,meno vengono fuori debolezze e contraddizioni.



15. Galaxy ha scritto:

29 gennaio 2013 alle 18:25

Meglio così tanto dicono tutti le stesse minkiate! Poi a che ora e su che rete avrebbero fatto sto cavolo di confronto? Al posto dei migliori anni contro IGT???? A saperlo….



16. Nina ha scritto:

29 gennaio 2013 alle 18:26

smack Critico! D’altronde basta vedere che fine hanno fatto tutti i precedenti segretari del Piddì, a forza di sparare cavolate hanno perso ogni fascino.



17. MisterGrr ha scritto:

29 gennaio 2013 alle 18:31

peccato. Ora la gente avrà più difficoltà a scegliere cosa guardare Sabato..potrebbe esserci qualcosa di interessante su rai1 anche.



18. Critico Tritatutto ha scritto:

29 gennaio 2013 alle 18:33

Mister: come al solito pungente :)

Un bacione anche a te,Nina ;)



19. amazing1972 ha scritto:

29 gennaio 2013 alle 18:43

non ho capito,berlusconni rifiuta il confronto (perchè?) e ora il furbo sarebbe bersani? non ho parole!



20. amazing1972 ha scritto:

29 gennaio 2013 alle 18:45

@mistergrr
su raiuno ci sarà i migliori anni,quindi niente di interssante comunque :-)



21. Nina ha scritto:

29 gennaio 2013 alle 18:58

amazing: guarda che non è una critica la mia, ha ragione a fare così. Avrebbe tutto di guadagnato in un confronto in cui Giannino attacca Berlusconi sui punti dolenti per il suo elettorato. Tanto per parlare di una cosa. Poi vogliamo discutere di Ingroia che gli farebbe fare un figurone? Con i soli Monti e Berlusconi non ce la farebbe.



22. Master ha scritto:

29 gennaio 2013 alle 18:59

Berlusconi non rifiuta il confronto, ma ha sempre detto che lo farà solo con Monti e Bersani.



23. amazing1972 ha scritto:

29 gennaio 2013 alle 19:02

allora a questo punto chiediamoci perchè b non vuole il confronto anche con gli altri,piuttosto che macchinare su bersani,che non ha molto senso



24. amazing1972 ha scritto:

29 gennaio 2013 alle 19:05

ma solo io trovo monti soporifero? io non ce la faccio proprio a seguire una sua apparizione,dopo pochi istanti devo cambiare canale,mortamente noioso. ingroia non l’ho ancora capito…



25. osservatore ha scritto:

29 gennaio 2013 alle 19:06

Il confronto si dovrebbe fare tra tutti i candidati, mica a scelta.
Detto questo, Bersani si è confrontato già alle primarie quindi non vedo il problema…



26. amazing1972 ha scritto:

29 gennaio 2013 alle 19:36

ma poi in questi confronti non c’è dibattito,ognuno propone il suo programma,nel tempo prestabilito e stop.



27. matteo quaglia ha scritto:

29 gennaio 2013 alle 19:57

cioe’ berlusconi annulla il confronto , e quello che ha fifa e’ bersani che si era detto disponibile al confronto a 6 e che se c’e’ la possiblita’ va su sky?? capisco che berlusconi vi abbia insegnato bene a rigirare la frittata pero’ per la presa per il c..o della gente dovete fare qualche ripassino perche’ e’ troppo evidente , oddio , pero’ a pensarci bene anche quelle di berlusconi sono facilmente sgamabili ,per cui ok vi ha insegnato bene



28. Marco89 ha scritto:

29 gennaio 2013 alle 20:16

@ Amazing: è soporifero però è tremendo. Senza fiatare e tanto darlo a vedere è diventato un politico vero e proprio. Soporifero, mieloso ma molto pericoloso proprio perchè lavora nell’ ombra. Quando stava al governo la situazione era critica, ora che ha governato lui i risultati si sono visti. Ha rigirato mille molte la frittata, alla pari dei suoi colleghi. Ed è pure molto arrogante, un pessimo esempio. E non dimentichiamo che lui ha portato la Signora Fornero Miss Lacrima finta in Parlamento.
Ancora peggio Casini che per un posto al Parlamento si allea pure con lui, spero prendano una cantonata pazzesca e così come tutta la casta clericale che vuole comandare dappertutto. Ho sentito fiatare ieri Bagnasco e mi sono venuti i brividi.
Per quanto riguarda il confronto ce ne faremo una ragione, tutti dicono cavolate tanto per accalappiare voti, non c’è da credere a nessuno.
@ Critico e Nina: state sottovalutando Bersani…guardate che vi sbrana eh! Ahah…mentre lo diceva sembrava avesse più paura di un agnello davanti al lupo…e questo Signore dovrebbe guidare l’ Italia? allora sì in Europa conteremo molto…la Merkel se lo inghioia.



29. Critico Tritatutto ha scritto:

29 gennaio 2013 alle 20:25

Matteo Quaglia: a parte che dovresti leggere bene i commenti,comunque vedo che anche a te,l’arte dei compagnucci di passare per vittime e gli altri per cattivoni l’hanno insegnata bene.

Chissà come si sta con tre narici…



30. matteo quaglia ha scritto:

29 gennaio 2013 alle 21:33

ehm , critico , quali compagnucci?? no perche’ io , su chi votare non ne ho la piu’ pallida idea ( ma godro’ come un riccio per la sconfitta di berlusconi sia chiaro ) , anzi fosse per me si andrebbe pure a votare domani , almeno cosi ci leveremmo sta cosa dalle balle



31. Nina ha scritto:

29 gennaio 2013 alle 23:35

Marco: perfettamente d’accordo su Monti e Casini, credo però che Monti fosse così anche prima.
Critico: sai che sto cominciando a capire solo ora che con “loro” è difficile avere un dialogo? Forse è impossibile.



32. osservatore ha scritto:

30 gennaio 2013 alle 01:10

Se tu ribalti la realtà dicendo che Bersani si è sottratto al confronto capisci bene che non è un problema di “altri” ma diventa un problema di una tua visione parziale e molto personale degli accadimenti.
Va bene le posizioni diverse ma atteniamoci perlomeno ai fatti evidenti



33. liberooensiero ha scritto:

30 gennaio 2013 alle 09:22

Credo che Berlusconi come comico tema più che altro il confronto con grillo,è lì la vera sfida!infatti il cavaliere ha capito che in questo momento di crisi,la gente vuole ridere,visto che quest’anno è mancato il cinepanettone per farsi due risate basta leggere il programma del pdl!il ballo dell’estate?togli l’imu..metti l’imu…su le mani…anzi mani tese….meglio di Cecchetto!



34. liberopensiero ha scritto:

30 gennaio 2013 alle 10:24

Ovviamente al cav.ogni forma di pluralismo e rispetto delle minoranze dà fastidio,ormai sono chiari i suoi punti di riferimento culturali,altro che moderato(l’apologia del “leader”per lui,per la storia tremendo dittatore)dice tutto.



35. Nina ha scritto:

30 gennaio 2013 alle 10:26

Vedi osservatore, se io avessi detto questo potresti avere anche ragione. Ma io non l’ho detto. Certo che quando partite con un pregiudizio è proprio dura.



36. Nina ha scritto:

30 gennaio 2013 alle 11:02

Per ragioni di completezza è bene sapere che Berlusconi aveva chiesto un confronto con Bersani all’inizio di gennaio, ma era stato respinto in quanto “si fa solo con i candidati premier”. Questa del candidato premier è stata molto usata da alcuni lettori del blog, tipo nel post di Lerner (vado a memoria, non mi ricordo la persona che lo ha tirato fuori).



37. liberopensiero ha scritto:

30 gennaio 2013 alle 11:09

Diciamo che i leader passati del pd hanno avuto il buon senso di ritirarsi,se parliamo di figuracce in campo nazionale e internazionale il primo a sparire sarebbe dovuto essere proprio berlu.



38. Nina ha scritto:

30 gennaio 2013 alle 11:56

liberopensiero: vero, comunque io non parlavo di “figuracce” di quel genere bensì delle stupidaggini che dicevano.



39. liberopensiero ha scritto:

30 gennaio 2013 alle 12:02

Nina,rettifico,figuracce,stupidaggini e contraddizioni,Berlu,non lo batte nessuno,sul confronto mancato di Bersani,hai ragione è vero,però il calcolo politico è opportuno per tutte le parti in gioco.



40. SchumacherPRO ha scritto:

31 gennaio 2013 alle 10:00

Ma poi Berlusconi non è nemmeno candidato premier. Che cazzo centra allora? Sempre in mezzo questo nano berlusca -.-



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.