30
novembre

MARTINO CAMPAGNOLI (TATO) A DM: SONO LA QUOTA BLU DI SOS TATA. NON FAREI LA PUBBLICITA’ DELLA NUTELLA

Martino Campagnoli

Una sfida del tutto particolare attende Martino Campagnoli. Il trentatreenne educatore è chiamato a dimostrare che anche gli uomini possono fare i “tati”. Martino è, infatti, la new entry dell’ottava stagione di SOS Tata, in partenza stasera, 30 novembre, su Fox Life in prima serata. DM ha voluto saperne di più sul primo esponente del sesso forte della storia del docureality.

Martino, sei consapevole che la tua partecipazione a SOS Tata va in qualche modo a sfatare un taboo?

Questo lo lascio dire al pubblico, a me piace più semplicemente definirmi la quota blu di SOS Tata, un programma che ha avuto sempre le donne come protagoniste e che ora si apre agli uomini.

Ci sono delle differenze, tra uomo e donna, nel modo di educare un bambino?

Sicuramente c’è una differenza nella percezione del genere da parte del bambino. Nel caso di SOS Tata, tuttavia, ritengo che il modo in cui l’educatore si relaziona con i bambini non dipenda dal sesso ma dalla propria personalità e dal tipo di metodo utilizzato.

Nello specifico qual è il tuo approccio?

Molto umano. Cerco di instaurare con le persone – perché i bambini anche se piccoli lo sono –una situazione di “dare e avere” che favorisca la comunicazione. Se ti presenti al bambino come quello che d’ora in poi gli darà degli ordini la reazione non sarà delle migliori. Noi comunque ad SOS Tata non siamo istitutori di vecchia maniera.

Come sei arrivato a fare il “tato” in tv?

Tutto è accaduto per caso: un mio amico insegnante mi ha detto che stavano cercando un tato per la trasmissione e, dopo un po’ di stupore e anche una risata, ho chiesto maggiori informazioni. In seguito il mio amico mi ha presentato la persona che si occupava dei casting e poi è andata come tutti sanno.

Ed educatore come si diventa?

E’ un’esperienza nata un po’ di anni fa dall’incontro con un altro educatore che mi ha conosciuto e mi ha proposto di farmi carico di un progetto da portare nelle scuole elementari. Da lì ho cominciato ad occuparmi di didattica ludica, una passione che da subito è diventata un lavoro. Sono soddisfatto di essermi affermato con un progetto così strano, malgrado la mia giovane età.

Ritieni che la televisione sia a misura di minori?

Assolutamente no. E’ paradossale, ad esempio, che un programma per bambini per andare in onda debba rispettare tante norme mentre in contemporanea in fascia protetta si vedono su altri canali immagini di volgarità gratuita, lesive per i più piccoli.

Pensi che sia opportuno che i bambini vadano in tv?

E’ una cosa che non demonizzo per principio. Dipende molto dai genitori e dalla loro capacità di far vivere l’esperienza ai bambini come un gioco, cosa che spesso non accade. La famiglia è solita riversare sul bambino determinate aspettative legate alla tv. Inoltre non conosco il mondo della tv dal di dentro da poter generalizzare. Di sicuro la normalità dei bambini non è la televisione.

Stai per diventare un personaggio noto, accetteresti di fare pubblicità su prodotti rivolti ai bambini come il cioccolato o la creme spalmabili o simili?

Questa domanda è simpatica (ride)… C’è un sottotesto che non commentiamo. Sì, accetterei di fare delle pubblicità a dei prodotti con i quali non mi troverei in contrasto. Non posso fare le pubblicità ad un prodotto transgenico o assolutamente insano per l’alimentazione di un bambino. Sono dell’idea che un bambino debba mangiare sano e semplice ma che, allo stesso tempo, sia difficile vietare la merendina. Da piccolo ho avuto un’alimentazione genuina ma quando potevo agguantare uno snack ero super contento.

Ma tra la liceità del mangiare la merendina e sponsorizzarla ce ne passa. In alcuni paesi hanno anche vietato determinati spot rivolti e con protagonisti i bambini.

Su questo sono d’accordo, spesso importiamo dall’estero cose non necessariamente importabili tralasciando quelle importanti.

Dunque non faresti la pubblicità della Nutella.

Non credo. So che ogni parola data ad un giornalista sarà usata contro di me nel modo più spettacolare possibile, la mia risposta serena è che non ho ricevuto nessuna proposta e allo stesso tempo se mi capitasse… No non la farei la pubblicità dela Nutella.

In Italia è scoppiato il fenomeno delle cosiddette “mamme over”, qual è il punto di vista di un educatore?

Capisco il desiderio di maternità in età avanzata ma penso che qualsiasi giudizio di merito vada connesso al reale stato di salute della donna che decide di intraprendere questo delicato percorso. Comunque si può essere un genitore fantastico al di là degli anni.

Tema discusso e controverso è anche quello delle adozioni omosessuali. Cosa comporta ad un bambino l’avere due genitori dello stesso sesso?

E’ una questione complessa: da un lato la vita arriva dall’incontro di due genitori di sesso opposto, dall’altro la genitorialità si fonda sulla presenza, sulla costanza e sull’amore. Devo ammettere, però, che per com’è strutturata la società italiana vivere in una famiglia gay è più complicato rispetto ad altri paesi.

Cosa ti aspetti da SOS Tata?

E’ un‘esperienza appena cominciata, sento gli altri usare parole come notorietà o progetti ma dal canto mio voglio vivermi questo bel momento con la massima tranquillità e normalità. Vivere di aspettative, al di là di tutto, non è sano. Vediamo cosa succede e cosa comporterà, sono arrivato per quest’esperienza per caso dopotutto.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


SOS Tata
SOS TATA, OTTAVA STAGIONE: ARRIVA MARTINO CAMPAGNOLI, IL TATO MASCHIO


S.O.S TATA ADRIANA
TATA ADRIANA A DM: “NON MI PIACCIONO I BABY TALENT. TANTI BAMBINI SPINTI DA GENITORI E SPESSO CONCIATI DA ADULTI”


Mtv Super Shore, Ferre, Victor, Potro, Isaac, Igor
I ragazzi di Mtv Super Shore 3 a DM: «Che bordello questo reality! La donna più adulta con cui sono stato? L’hanno seppellita ieri» – Video


Mtv Super Shore, Elettra, Karime, Danik, Adela
Le ragazze di Super Shore 3 a DM: «Togliere le mutandine? Uno stile di vita!» – Video

6 Commenti dei lettori »

1. Nina ha scritto:

30 novembre 2012 alle 13:38

Giusto non fare pubblicità per quel prodotto con olio di palma, che schifo.



2. gianni ha scritto:

30 novembre 2012 alle 14:50

ma quindi hanno “fatto fuori” tata may?



3. Claudio ha scritto:

2 dicembre 2012 alle 12:50

Fare fuori Tata May é stato un errore imperdonabile.
Sarebbe stata più gradita l’eliminazione di Tata Adriana, da sempre poco gradita dal pubblico.



4. Claudio ha scritto:

2 dicembre 2012 alle 12:51

*al pubblico.



5. ania ha scritto:

17 aprile 2014 alle 12:03

mi servi per me ania ragazza un po difficile.ciao martino e mi piaco di te.mi scuso e leggi.



6. Jessica ha scritto:

31 agosto 2014 alle 16:07

Tata may 4ever



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.