29
giugno

MICHELE SANTORO: LA TRATTATIVA CON LA7 C’E’ MA E’ MOLTO LABORIOSA

Michele Santoro

La trattativa con La7 c’è“. Così parlò Michele Santoro. Ospite d’onore del festival savonese Ideona, una quattro giorni dedicata alla tv, il popolare giornalista ha confermato le indiscrezioni secondo le quali sarebbero in corso delle trattative in vista di un suo approdo a La7 nella prossima stagione televisiva.

La trattativa c’è ma è molto laboriosa, anche perché insieme ai miei collaboratori ci siamo abituati a produrre televisione attraverso una piattaforma che fa capo a diverse tv private in Italia e che ha avuto il suo battesimo quest’anno con il programma Servizio Pubblico”

ha affermato ieri sera il giornalista, rispondendo ad una domanda in merito. Dunque, Santoro si è effettivamente riavvicinato alla rete terzopolista, con la quale già lo scorso anno intrattenne delle trattative (finite male). Qualora Michele firmasse davvero il contratto con La7, dovremmo vederlo in onda al giovedì, in avvicendamento a Corrado Formigli che è stato confermato alla conduzione con del talk show Piazza Pulita.

“Siamo abituati a fare televisione seguendo un criterio di libertà di espressione e questo non sempre è accettato. Con La7 però non esiste un problema di natura economica

ha inoltre specificato Santoro, lasciando intendere che chiederà carta bianca e libertà d’azione a La7. Un punto, questo, sul quale il conduttore è irremovibile: proprio come un anno fa. Il giornalista, che si era candidato alla Direzione Generale della Rai in tandem con Carlo Freccero, ha anche parlato delle tv locali, alle quali si è appoggiato di recente con il suo Servizio Pubblico.

“Oggi più che mai sono schiacciate dalla crisi economica e dagli spot che hanno prezzi piuttosto bassi. E queste tv quindi soccombono rispetto al duopolio Rai – Mediaset. L’esperienza di ‘Servizio Pubblico’ ci ha portato comunque ad avere un pubblico consistente con un programma del tutto alternativo a quelli dei network nazionali”.

Il paladino dell’informazione è tornato dunque ad esaltare la carica innovativa del suo ultimo esperimento televisivo, trasmesso su multipiattaforma. Ma ora la notizia è che c’è una trattativa in corso con La7 e quella esperienza potrebbe risultare ridimensionata dal ritorno ad una rete generalista.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Selfie Tina
LE PAGELLE DELLA SETTIMANA TV (12-18/12/2016). PROMOSSA LA7, BOCCIATI MINA, CELENTANO E SANTORO


Michele Santoro
MICHELE SANTORO: IO SERVO DI RENZI? FESSERIE. LA7 E’ UNA SORTA DI CNN ALL’AMATRICIANA


lilli gruber
LA7 LIBERA I BIG VERSO LA RAI?


la7
LA7, UNA RETE CHE POGGIA SU QUATTRO ASSI

6 Commenti dei lettori »

1. MisterGrr ha scritto:

29 giugno 2012 alle 11:46

Ma tu pensa.



2. warhol_84 ha scritto:

29 giugno 2012 alle 12:09

Tanto, cari miei, la7 (insieme alla rete dei mux) verrà venduta e stavolta non ci sarà nessun governo che ne ostacolerà la crescita per non disturbare il proprio imperetto di cartone. Con sky è iniziata la decadenza del finto duopolio, con la7, il digitale terrestre e internet sempre più presente il processo sarà irreversibile e non ci sarà nessuna legge a discapito degli italiani e contro le normative europee che può cambiare lo scenario. Peccato.



3. masino ha scritto:

29 giugno 2012 alle 12:39

speriamo warhol_84, speriamo.



4. Galaxy ha scritto:

29 giugno 2012 alle 12:48

Meglio formigli che questo sinistrato polemico!



5. Critico Tritatutto ha scritto:

29 giugno 2012 alle 16:29

Sant’Oroooooooo…. Pensaci tuuuuuuuuu!!!!!!



6. Giuseppe ha scritto:

29 giugno 2012 alle 16:49

Come ho già scritto, nella speranza che Santoro torni a lavorare per la Rai, l’alternanza Santoro-Formigli su La7 mi farebbe comodo perchè eviterei lo zapping continuo, e perchè il segnale della tv locale grazie alla quale potevo seguire Servizio Pubblico è diventato ultimamente troppo debole.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.