26
marzo

LA SANA NORMALITA’ CHIAVE DEL SUCCESSO DI QUESTA STAGIONE TV

Don Matteo 8

di Massimo Dorati – [Hai perso la prima parte? Clicca qui] Abbiate pietà, so benissimo che è come farvi fare un’escursione in rafting. Vi sto facendo saltare sulle rapide degli ascolti zappingando da un argomento all’altro, ma credo sia necessario per capire certe dinamiche. Come dice il mio amico Fiorello (ancora lui…) “Chiedo Schiuma”. Io direi “Chiedo tenia”.

Ora svisceriamo l’argomento di natura sociologica, un pò pesante ma utile a capire alcune sfumature delle problematiche che stiamo trattando. E’ indiscutibile il senso di grave precarietà che ci sta attanagliando, una sorta di paura endemica si è impossessata del nostro vissuto quotidiano. Se poi ci aggiungiamo il lavoro che manca, i soldi che scarseggiano, una non visione del futuro, cosa ci resta da fare se non restare a casa la sera a guardare il vecchio caro televisore 600 pollici al plasma con 18 telecomandi che non servono a nulla? E se poi ci aggiungiamo che questa nostra povera Italia è un paese di anziani, di over 65 in continuo aumento, questo elemento chiude drammaticamente il cerchio.

La gente comune non è, per capirci, il popolo di twitter o dei social network; il “popolo” come negli anni 60 cerca in tv l’emozione, la risata, utilizza la stessa come strumento di compagnia. In definitiva la gente cerca rassicurazione, cerca storie o programmi in cui possa riconoscersi, emozionarsi, divertirsi; cerca cose che là fuori non trova perche là fuori c’è quel senso incombente di paura misto a precarietà. La gente ha bisogno di certezze, cerca quel “passato” che tanto bene conosce, e anche in tv rifiuta il futuro perchè non lo conosce mentre preferisce adagiarsi su cose già viste ma che gli infondano tranquillità e stati emotivi che non accrescano ulteriormente l’ansia del vivere.

Fatta questa premessa, parlare di Don Matteo è automatico. Grande successo in numeri e in gradimento determinato principalmente dalle storie, dal cast, sempre quello, da un ritmo che infonde tranquillità e che prende per mano il telespettatore senza colpi di scena destabilizzanti. Stessa storia per la fiction con la Pivetti, Provaci Ancora Prof. Vince il concetto della “sana normalità”, un tempo così noiosa ma oggi diventata il vero valore aggiunto del gradimento popolare del successo in numeri.

Altro elemento su cui soffermarsi, è il crollo quasi verticale dei programmi di approfondimento che discettano di politico. Questo, per svariati motivi: 1) la ‘dipartita’ di Berlusconi 2) la perdita di credibilità della politica e dei politici stessi.

Esaurito questo triste argomento, risaliamo sulla canoa e rimmergiamoci nelle rapide dei palinsesti e delle scelte strategiche e parliamo di Canale 5, della rete ammiraglia.

..:: continua ::..

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Rai palinsesto fiction
RAI1, PALINSESTO 2011/2012: DA SETTEMBRE A FEBBRAIO, 114 PRIME SERATE DI FICTION IN PRIMA TV


Viva-RaiPlay
Pagelle TV della Settimana (16-22/03/2020). Promossi Montalbano e Volpe. Bocciati Viva Raiplay e Palombelli


Don Matteo 11
Don Matteo 11: anticipazioni quarta puntata di giovedì 1 febbraio 2018


Don Matteo 11 - 32
Don Matteo 11: Terence Hill si rimette in bicicletta in una stagione di cambiamenti

5 Commenti dei lettori »

1. MisterGrr ha scritto:

26 marzo 2012 alle 17:37

Massimo, hai proprio centrato il punto…non vedo l’ora della III parte! :)



2. Giuseppe ha scritto:

26 marzo 2012 alle 17:43

Analisi che corrisponde perfettamente alla realtà. Mi è capitato molto spesso sentire teleutenti che, oltre a motivazioni simili a quelle indicate nel post, optano per quei programmi che consentono di addormentarsi temporaneamente e risvegliarsi senza perdere il filo del discorso. Molta fiction assolve in maniera esemplare a questo scopo.



3. morgatta ha scritto:

26 marzo 2012 alle 18:43

parole sante… voglia di sano e lieve svago, ma anche stanchezza, nausea di taroccamenti vari, di ricchi politicanti ( ma quanti ne manteniamo in panciolle?) che inneggiano all’altrui sacrificio, di televoti costosi ed inutili per dire la nostra ( ahahahaha), di santarelline con la coscienza nera come la pece… e la sera vorresti solo provare a credere ( che difficile sia lo so e lo sappiamo) che almeno la terra Fantasia è una terra promessa.. perchè ahimè anche i sogni son quasi tutti incubi di precarietà ormai..



4. Earl ha scritto:

26 marzo 2012 alle 19:00

Altro elemento su cui soffermarsi, è il crollo quasi verticale dei programmi di approfondimento che discettano di politico. Questo, per svariati motivi: 1) la ‘dipartita’ di Berlusconi 2) la perdita di credibilità della politica e dei politici stessi.

————-
Concordo: evidentemente è caduto (“è stato dimesso” – cit. Andreotti) il “collante” (Berlusconi) che teneva insieme (in nome dell’odio e dell’invidia, non di certo in nome di “programmi politici alternativi”) la sinistra e il “terzo polo” con i “poteri forti” e relativi giornalisti (detti anche “lacchè”) facendo così scoprire agli italiani quello che non esistono programmi politici validi di alternativa ;) ?



5. shiver ha scritto:

26 marzo 2012 alle 21:26

Bell’ articolo, condivido queste analisi. Mi piacerebbe tanto un nuovo programma dove si ride veramente molto :-) Mi domando all’ interno di questa riflessione come si colloca la tv del dolore, quella delle tragedie e dei talk di cronaca nera. Fa davvero riflettere che Lorella Cuccarini anzichè fare una Domenica In simile a quella della Carrà, si trovi ad affrontare invece la cronaca sotto la testata della VID. E gli ascolti stanno premiando molto di più la Domenica In di quest’ anno, piuttosto che quella dell’ anno scorso.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.