23
febbraio

IL CORPO DELLE DONNE 2: DOMANI A MATRIX IL (CONTRO)DOCUMENTARIO DI STRISCIA LA NOTIZIA

Drive In

In prima serata c’è una quarta di reggipetto, in seconda pure. Più seno che coseno, dunque. Fate voi le dovute proporzioni, elevate alla massima potenza la minigonna e vedete un po’ cosa risulta. Sull’esito dell’operazione socio-culturale troverete sicuramente qualcuno che non è d’accordo con voi; d’altra parte è matematico che di questi tempi sul corpo delle donne ci sia molta approssimazione. Si discute, si fa la morale per scaternare l’indignazione, si calcola di convincere l’opinione pubblica che il male stia tutto da una parte… Ma alla fine chi ci ha capito qualcosa? Il dibattito sulla dignità femminile in tv tiene banco ormai da tempo, e domani sera, giovedì 24 febbraio, anche Matrix interverrà sull’argomento con una puntata speciale.

Il programma condotto da Alessio Vinci parlerà de “Il corpo delle donne“, l’ormai noto documentario di Lorella Zanardo che attraverso un collage di immagini e situazioni mostrerebbe la cancellazione dell’identità femminile operata oggi dalla televisione attraverso un modello sotto-culturale veicolato con insistenza dai media. Alla discussione prenderanno parte Alessandra Mussolini, Ritanna Armeni, Paola Concia, Gianluca Nicoletti e Gabriella Germani. L’obiettivo sarà quello di capire se a ’sfruttare’ il corpo delle donne sia la tv, soprattutto quella commerciale, oppure la pubblicità con messaggi subdoli, più o meno espliciti.

Quest’ultima tesi sarà sostenuta e dimostrata nel corso di un’inchiesta realizzata appositamente dalla redazione di Striscia la notizia, dal titolo ”Il corpo delle donne 2“. Dalle premesse, pare si tratti di una replica alle argomentazioni di Lorella Zanardo e moralisti annessi, di un contro-documentario ”provocatorio”, come lo ha definito Ezio Greggio durante il tg satirico di Canale5. Negli ultimi mesi il programma di Antonio Ricci è molto attento al dibattito sulla dignità femminile, nel quale spesso e volentieri interviene a gamba tesa.

Non è infatti raro che la trasmissione bacchetti sonoramente coloro che, in tv o sui giornali, indicano la tivù commerciale e Drive In come la radice del cosiddetto “velinismo”. Le donnine ci sono sempre state nel varietà, fanno notare quelli di Striscia, sin dai tempi di Totò e Peppino, Benny Hill o Macario. E se qualcuno si ostina a sostenere il contrario, ecco intervenire un incazzatissimo Beppe Grillo (nell’imitazione di Sergio Friscia, ndDM) con monologhi e invettive di fuoco.

Domani sera il dibattito sarà portato in seconda serata da Matrix di Alessio Vinci. L’appuntamento con “Il corpo delle donne 2″ è dalle 23.15 su Canale5.



Articoli che potrebbero interessarti


corpo delle donne 2
STRISCIA BACCHETTA LA STAMPA PROGRESSISTA: ANCHE REPUBBLICA MERCIFICA LA DONNA. IERI A MATRIX IL DOCUMENTARIO-PROVOCAZIONE


 Roberto Cenci Baila
CANALE 5, PALINSESTI AUTUNNO 2011


Filippa Lagerback
STRISCIA LA NOTIZIA E L’ATTACCO A CHE TEMPO CHE FA: FILIPPA LAGERBACK, ESEMPIO PERFETTO DI DONNA OGGETTO.


Federica e Costanza, le veline di Striscia la Notizia
ANTONIO RICCI PROPONE UN PATTO A RAI E AL GRUPPO EDITORIALE L’ESPRESSO: “ELIMINERO’ LE VELINE DAL CAST MA IN CAMBIO…”

6 Commenti dei lettori »

1. Ale ha scritto:

23 febbraio 2011 alle 18:45

Quelle sono le fast food di Drive in ?



2. e ha scritto:

23 febbraio 2011 alle 18:53

il solito ricci che fà propaganda



3. Gene ha scritto:

23 febbraio 2011 alle 19:08

La tv commerciale non sarà stata l’unica colpevole del velinismo, però senza dubbio é quella che ne ha contribuito per un’ottima parte della torta……. Questo lo posso dire senza dubbio

Che ci provino pure Greggio/Ricci e Vinci a tappare i buchi, tanto Drive In resterà l’emblema nell’immaginario collettivo per aver portato lo svilimento della donna in televisione, e di conseguenza alle grandi masse.



4. tinina ha scritto:

23 febbraio 2011 alle 19:51

Drive in non è anche il primo programma dove si sono avvicendate varie nullafacenti e nullaessenti (si possono chiamare così quelle che non sono nulla?) mezze nude, vedi Tinì Cansino o Lory Del Santo oggi, purtroppo, quotata opninionista?



5. ginny ha scritto:

25 febbraio 2011 alle 11:23

http://www.youtube.com/watch?v=sw_eH5kD9TM

http://www.youtube.com/watch?v=zBiNQDi6TfQ

a me è sembrato un ragionamento giusto, tutti trattano la donna in questo modo! e come donna è terribilmente avvilente
ben venga chi fa pensare sull’argomento!



6. Emilio Latini ha scritto:

15 marzo 2011 alle 19:19

A proposito dell’annuincio provocatorio di Greggio relativo all’uso de corpo delle Veline (brave professioniste) e al tentativo di far risaltare queste piuttosto che quelle nelle copertine di giornali “avversi al cavaliere”;
Fa bene a dire quello che ha detto e ha fare quello che dice ma onestamente penso che in pochi ricordaino il fatto che le veline sono una parodia (non ricordo di quale copertina o spettacolo) proprio sull’utilizzo delle donne. Ormai Striscia da anni usa i bellissimi fondo schiena e le inquadrature molto sexi, forse anche troppo, senza che nessuno si ricordi più che si tratti di una parodia, troppo comodo dire così.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.