Antonio Ricci



5
aprile

Antonio Ricci sulla querela di Baglioni: “Dimostrerò scientificamente che quando bacia la fidanzata ciuccia botulino”

Antonio Ricci

Antonio Ricci

La querela di Baglioni? È la riprova del “piccolo grande amore” con cui ha affascinato tanto i fasci. Il Divino Claudio non accetta la critica e neppure il diritto di satira. Nonostante abbia migliaia di fan, voglio ribadire che “accoccolati ad ascoltare il mare” per me è un verso cacofonicamente osceno, meritevole di essere radiato dall’Alta Cantautoreria Italiana.




5
aprile

«Botulino gli intoppa il cervello»: Claudio Baglioni querela Antonio Ricci

Claudio Baglioni

non ha perdonato Antonio Ricci. E non intende fargliela passare liscia. Il cantautore e direttore artistico del Festival di Sanremo 2018 avrebbe infatti querelato per diffamazione l’ideatore di Striscia la Notizia, che alla vigilia della kermesse canora gli aveva rivolto giudizi particolarmente sferzanti. Il botta e risposta tra i due finirà in tribunale. 


6
febbraio

Sanremo 2018, Antonio Ricci vs Claudio Baglioni: «Il botulino gli intoppa i ragionamenti. Deve chiedere perdono all’Italia. Piuttosto la morte che l’accoccolamento»

Antonio Ricci

Antonio Ricci ha rincarato la dose. Dopo l’attacco frontale sferrato nei giorni scorsi a , l’ideatore di Striscia la Notizia è tornato a colpire il direttore artistico del Festival di Sanremo 2018 con giudizi severissimi. Il papà del Gabibbo, del resto, è uno che difficilmente molla la presa. E pensare che il cantautore romano – stuzzicato dai giornalisti sull’argomento – si era rifiutato di replicargli, se non attraverso una laconica (ma a quanto pare efficace) stoccata. 





19
luglio

Fabrizio Corona conduttore di Striscia La Notizia? La risposta di Antonio Ricci

Fabrizio Corona

Fabrizio Corona

Antonio Ricci non le manda a dire. All’indiscrezione di Chi che aveva indicato il discusso Fabrizio Corona come uno dei possibili conduttori dell’edizione 2017/2018 di Striscia La Notizia, l’inventore del Tg satirico risponde smentendo a modo suo. Quella di Ricci è una “conferma” ironica che tira in ballo anche il noto direttore del settimanale. Del resto, dopo la (sacrosanta) battaglia contro Wanna Marchi all’Isola e le tante inchieste fatte dal programma, sarebbe stato davvero singolare vedere Fabrizio Corona dietro al bancone più noto della tv.


24
dicembre

BOOM! CULTURA MODERNA VERSO LA CANCELLAZIONE

Teo Mammucari e Antonio Ricci

La maledizione dei remake tv colpisce ancora. DavideMaggio.it è in grado di anticiparvi che tira aria di chiusura anticipata in casa Mediaset. L’imputato in questione? Ca va sans dire, il redivivo Cultura Moderna. Ripartito lo scorso 28 novembre nel preserale di Italia 1 dopo ben 10 anni di assenza, il format ideato da Antonio Ricci e affidato alla conduzione di Teo Mammucari potrebbe già essere vicino al suo tramonto.





28
novembre

CULTURA MODERNA TORNA STASERA IN ACCESS SU ITALIA1. ANTONIO RICCI SFIDA ANTONIO RICCI

Cultura Moderna 2016

Antonio Ricci sfida se stesso, e lo fa con due suoi programmi messi in concorrenza diretta l’uno con l’altro. Torna infatti stasera, a dieci anni dalla prima edizione, Cultura Moderna, il game show sui vip ideato proprio da Ricci e che all’epoca ottenne grande successo nelle estati di Canale 5. Questa volta, però, lo vedremo su Italia 1, dal lunedì al venerdì, alle 20.20. Contro Striscia la Notizia.


8
luglio

ANTONIO RICCI VIRA VERSO LA RADIO?

Antonio Ricci

Non sentiamo spesso la sua voce perchè di solito fa parlare per sé i suoi programmi, lanciando irriverenza e provocazioni specie attraverso la più famosa delle sue creature, Striscia la notizia. Ma adesso per Antonio Ricci potrebbero aprirsi nuovi orizzonti, che figurativamente di voce ci vivono.

Antonio Ricci interessato alle quote Rcs in Finelco

Ci riferiamo alla radio, settore al quale l’autore di Albenga si starebbe interessando, stando a quanto annunciato da Il Sole 24 Ore: Antonio Ricci sarebbe infatti nella cordata italiana, azionista della società milanese Blue Ocean srl, per la quale l’avvocato d’affari Mario Miscali starebbe trattando l’acquisto delle quote Rcs in Finelco. Un’ipotesi al momento, ma che è ancor più interessante se si tiene conto del quadro d’insieme e del momento televisivo che il papà del tg satirico sta vivendo.

Antonio Ricci verso la radio: un nuovo inizio?

Che Striscia non sia più quella di una volta è abbastanza palese; e non ci riferiamo soltanto agli ascolti – per quanto ormai i bei tempi in cui le Veline dettavano moda e la battaglia dell’access prime time veniva puntualmente vinta sono abbastanza lontani. Ci riferiamo soprattutto ai contenuti che hanno sempre meno il sapore della denuncia fine a se stessa e dell’impegno sociale che hanno reso il programma famoso e caro al pubblico.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,


3
giugno

LE PAGELLE DELLA SETTIMANA TV (25-31/05/2015). PROMOSSI CONTI E DE FILIPPI, BOCCIATI LO SHOW DI AL BANO E ROMINA, LE DIMISSIONI DI MENTANA

Antonio Ricci e Joe Bastianich

Promossi

10 ai personaggi dell’anno – per il Premio Tv 2015 - Carlo Conti e Maria De Filippi. Il conduttore toscano e la prima donna di Canale 5 hanno dominato la stagione e conquistato meritatamente l’ambito traliccio.

9 a Stanotte al Museo Egizio. La divulgazione di Alberto Angela sbarca in prime time su Rai1 e ottiene ascolti superiori a tanti progetti di intrattenimento schierati dalla prima rete.

8 a Fabio Curto. Il giovane calabrese si aggiudica meritatamente la terza edizione di The Voice. Riuscirà a ritagliarsi uno spazio nel mercato della discografia?

7 alla prontezza di Antonio Ricci nel rispondere a Joe Bastianich che lo punzecchia nel corso del Premio Tv. Quando il ristoratore lo invita a pelare una patata (“Perché a volte nella vita non bisogna parlare, ma bisogna anche pelare le patate”), il patron di Striscia non si fa intimorire: “E’ giusto pelare le patate, visto che noi vi abbiamo pelato per bene”.

6 a La Vita In Diretta. Marco Liorni e Cristina Parodi portano a termine una stagione che li ha visti garbati padroni di casa del contenitore di Rai1. Rispetto all’infausta annata passata, tuttavia gli ascolti non sono cresciuti di molto, a fronte di un’impaginazione più favorevole e di un’annata dal punto di vista della cronaca più interessante (non è un caso che anche gli ascolti di Pomeriggio Cinque siano aumentati e che la distanza tra Rai1 e Canale 5 sia rimasta pressoché inalterata).

Bocciati