21
ottobre

TELEVOTO: L’ANTITRUST APRE UN’ISTRUTTORIA SU RAI E MEDIASET

Metro inchiesta televoto

Il televoto può essere falsato, così non va. L’Antitrust, che sembrava aver scoperto l’acqua calda, era stato abbastanzo chiaro e lo scorso 16 settembre aveva chiesto a Rai e Mediaset di escludere dall’attuale meccanismo di preferenza le utenze business dei call center (maggiori info sul provvedimento qui). L’intervento era mirato a evitare che operatori specializzati effettuassero un numero significativo di chiamate che potessero influire sull’esito del voto, senza cioè rispettare le reali preferenze espresse dal pubblico da casa. Il Garante aveva dato l’ultimatum: 20 giorni di tempo per bloccare i voti dei call center.

Ma i titani della tv hanno fatto orecchie da mercante, inoltrando risposte negative all’Autorità. Ovviamente hanno fatto lo stesso le società che gestiscono il redditizio mercato del televoto, cioè Telecom per Rai, Txt Polymedia e Neo Network per Mediaset. Una reazione prevedibile, visti i ricchi introiti che questo sistema garantisce soprattutto durante la messa in onda di reality e talent show, tutti spettacoli che richiedono al pubblico di esprimere una preferenza sui concorrenti in gara.

Scaduto l’ultimatum, ora l’Antitrust ha aperto due istruttorie a carico di Rai e Mediaset. I colossi della tv dovranno così rispondere all’Autorità e in concreto rischiano una multa di 500mila euro. Una cifra non certo gravosa per le loro tasche, probabilmente spiccioli rispetto ai guadagni che un certo tipo di televoto sembra poter garantire. Il meccanismo di utilizzo improprio dei call center ora è nero su bianco, se non altro all’attenzione dei tanti telespettatori che sperano di influire sul televoto con un loro semplice sms. Occhio, è situazione “potenzialmente truffaldina”, avverte l’Antitrust.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , , ,



Articoli che potrebbero interessarti


Piersilvio Berlusconi
DIRITTI TV SERIE A: ANTITRUST BASTONA MEDIASET CON LA MULTA RECORD DI 51 MILIONI DI EURO. BISCIONE ALLIBITO


Tar del Lazio
Rai, il Tar del Lazio conferma lo stop alla maxi-multa Agcom


Rai
Agcom, multa alla Rai da 1,5 milioni. «Violati imparzialità e pluralismo»


Champions League
Champions League: il Tribunale respinge il ricorso della Rai e conferma le partite in chiaro su Canale 5

5 Commenti dei lettori »

1. Clà ha scritto:

21 ottobre 2010 alle 18:13

Davide io non voglio mettere neinte in dubbio, ma con tutti quelli che parlo, tutti mi dicono e ame paiceva Dorina peccato sia uscita, e stefano non è amato dalle persone che conosco come mai allora tutto ciò???Io penso e spero d fidarmi ke magnolia e X factor sia tutto l’impido lo spero per loro ^.^, ma i dubbi m vengono a volte



2. tinina ha scritto:

21 ottobre 2010 alle 18:38

Un modo ci sarebbe, non votare più. Impossibile. vero?



3. romy ha scritto:

21 ottobre 2010 alle 20:33

trovo assurdo che ci sia gente che butta così i soldi, poi la storia dei call center si conosce da anni, come fa la gente a pensare davvero di poter incidere con un misero sms sulla vittoria di un cantante in un talent o di un concorrente dei reality.
Per me il televoto andrebbe abolito e basta.

solo all’estero il televoto è gratis?



4. white ha scritto:

21 ottobre 2010 alle 21:36

stesse cose che ho detto a facchinetti nel suo live qui dentro.
se la rai non ha bloccato i call center, vuol dire che di voti ne arrivano tantissimi. x factor compreso



5. sirgeorgebest83 ha scritto:

22 ottobre 2010 alle 17:34

ricordo inoltre che il televoto è vietato ai minorenni!!!!! ma chi controlla????



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.