Multa



26
gennaio

Dumping pubblicitario, rigettato il ricorso Rai contro la maxi-multa Agcom

Rai

Dal Tar del Lazio, cattive notizie per la . Il Tribunale ha infatti rigettato il ricorso del servizio pubblico contro la delibera Agcom che intimava all’azienda di cessare le pratiche giudicate non trasparenti e discriminatorie nella vendita degli spazi pubblicitari. Il cosiddetto “dumping“. I giudici hanno ritenuto inammissibile il ricorso principale e respinto i motivi aggiunti.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,




10
gennaio

Can Yaman multato di 400 euro. Colpa dell’assembramento di fan

Can Yaman, Roma

No, you Can(‘t). Gli assembramenti nel mezzo di una pandemia non puoi farli, nemmeno se sei Can Yaman. E così, per l’attore turco sono scattati 400 euro di multa. Il protagonista della serie tv Daydreamer – Le Ali del Sogno è stato sanzionato per violazione delle norme anti-Covid a seguito dell’assiepamento creatosi l’altro ieri davanti ad un albergo romano, dove decine di fan lo avevano atteso e si erano accalcati per poterlo avvicinare.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,


17
aprile

Rai, il Tar del Lazio conferma lo stop alla maxi-multa Agcom

Tar del Lazio

La querelle sulla maxi-multa Agcom sembra destinata a sgonfiarsi, con esiti favorevoli alla Rai. Il Tar ha infatti confermato la sospensione dell’esecuzione della delibera con la quale, a febbraio scorso, l’Authority aveva inflitto al servizio pubblico una sanzione da 1,5 milioni di euro per violazione dei principi d’indipendenza, imparzialità e pluralismo in tv.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,





14
febbraio

Agcom, multa alla Rai da 1,5 milioni. «Violati imparzialità e pluralismo»

Rai

Stangata dell’Agcom alla Rai. L’Autorità per le Comunicazioni ha comminato all’azienda una sanzione da 1,5 milioni di euro per non aver rispettato i principi di indipendenza, imparzialità e pluralismo. La decisione – ha spiegato il Garante – è stata presa a seguito di un “monitoraggio costante e continuo” dal quale sono emersi “numerosi episodi riguardanti la programmazione delle tre reti generaliste del servizio pubblico.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,


22
aprile

DIRITTI TV SERIE A: ANTITRUST BASTONA MEDIASET CON LA MULTA RECORD DI 51 MILIONI DI EURO. BISCIONE ALLIBITO

Piersilvio Berlusconi

La gara per l’assegnazione dei diritti tv della Serie A per il triennio 2015/2018, tenutasi nel giugno del 2014, è stata alterata. A stabilirlo l’Antitrust, che ha punito i soggetti interessati: sanzioni per Sky, Lega Calcio, Infront e Mediaset che è l’azienda più colpita.





1
novembre

TIBERIO TIMPERI BESTEMMIA: AGCOM MULTA LA RAI PER 25MILA EURO

Tiberio Timperi

Vi ricordate la bestemmia? Ma sì, quella sussurrata da Tiberio Timperi durante una registrazione di UnoMattina in Famiglia e, poi, incautamente mandata in onda. Ecco: per quell’episodio, l’Agcom ha elevato nei confronti della Rai una sanzione da 25mila euro per la violazione del Codice di Autoregolamentazione Media e Minori, accogliendo la denuncia presentata dal Codacons. Ma Viale Mazzini ha deciso di presentare ricorso al Tar del Lazio.


28
novembre

TG2: MULTA DI 50 MILA EURO PER L’INTERVISTA AL MINORENNE SALVO PER MIRACOLO DOPO L’ALLUVIONE DI GENOVA

TG2

TG2

L’AgCom ha multato il TG2 per il pessimo servizio che l’inviata Daniela Orsello del telegiornale diretto da Marcello Masi aveva confezionato per l’edizione delle 13 in occasione dell’alluvione che colpì la città di Genova a fine 2011. Con poca delicatezza, la giornalista si era infatti avvicinata ad un adolescente di 16 anni (accompagnato dal padre) per chiedergli di raccontarle i momenti “salienti” dell’alluvione. Lo stesso adolescente però, intrappolato nel fango in cantina, si era salvato poche ore prima per miracolo mentre la madre non era purtroppo riuscita ad uscirne salva.

Tra l’indignazione generale, la testata è poi corsa ai ripari nell’edizione successiva delle 20.30 scusandosi con i telespettatori per il grave errore commesso, dovuto alla concitazione e la drammaticità della situazione, e ribadendo con forza che tra le mission del telegiornale vi è proprio quella di evitare qualsivoglia sfruttamento del dolore, sopratutto quando sono coinvolti dei minori.

Ma le scuse, anche del Direttore Masi, non sono bastate. A distanza di un anno, l’Agcom è intervenuta sanzionando per 50 mila euro la Rai per quel servizio, come annunciato in una nota dal Consiglio nazionale degli utenti, considerando il fatto una evidente violazione del codice per la tutela dei minori, che la Rai, essendo anche servizio pubblico, è tenuta a maggior ragione a rispettare.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,


18
agosto

DM LIVE24: 18 AGOSTO 2011. DEPARDIEU LA FA FUORI DAL VASO, MARCO PREDOLIN PERSEGUITATO DALLA SFIGA

Diario della Televisione Italiana del 18 Agosto 2011

>>> Dal Diario di ieri…

  • I lettori su carta!

Quali sono i lettori finiti questa settimana su Vero Tv per il best del DM Live24? Scoprilo sulla nostra pagina Facebook cliccando qui.

  • Depardieu l’ha fatta fuori dal vaso

grani ha scritto alle 12:23

E proprio il caso di dire quando la si fa fuori dal vaso. Gerard Depardieu su un aereo diretto a Dublino non è riuscito a trattenersi di fare pipì nel corridoio dell’aereo. Infatti quanto riporta il comandante del veivolo il noto autore francese voleva andare in bagno mentre l’aereo era in fase di decollo e le toilette, come da norme di sicurezza, erano chiuse cosi in evidente stato alterato dall’alcol ha tirato fuori la sua “baguette” e si è liberato. (Fonte AGI)

  • Predolin sfigato

lauretta ha scritto alle 22:02

Marco Predolin, ex conduttore dello storico M’ama non m’ama su Canale 5, che aveva lasciato la tv per scendere in politica al fianco di Letizia Moratti nelle elezioni milanesi del 2011 (raccogliendo però soltanto 13 voti di preferenza), è sbarcato a Porto Rotondo e si è inventato ristoratore al Pirata, ottenendo finalmente un discreto successo gastronomico. Marco Predolin gira tra i tavoli assediati dalle signore in vacanza che se lo mangiano con gli occhi. Ma qualcosa deve essere andato storto nel resoconto degli incassi e della fatturazione obbligatoria, perchè la guardia di Finanza di Olbia gli ha fatto visita e lo ha multato di 20 mila euro. ” Il 2011 per me è proprio sfigato”, ha commentato Predolin. (fonte Dagospia)


  • Pagina 1 di 2
  • 1
  • 2
  • »