28
ottobre

Alberto Matano fa coming out

Alberto Matano

E’ successo anche a me”. Con poche parole ma sentite, per Alberto Matano è arrivato il tempo di esporsi in prima persona sui casi di omofobia scoprendo con delicatezza un lato di sé che il pubblico non conosceva. Un coming out sentito, emerso tra le righe, che peraltro è arrivato in un momento particolare: all’indomani della bocciatura del ddl Zan al Senato.

Commentando un servizio de La Vita in Diretta nel quale si parlava di alcuni casi di omofobia e di discriminazioni nei confronti dei gay, Matano ha affermato:

Vi devo dire che storie come queste fanno particolarmente male, perché è successo anche a me, quando ero adolescente. L’ho provato sulla mia pelle, quindi so cosa significa. E allora mi auguro che con il contributo di tutti, su un tema così importante, ci possa essere un supplemento di riflessione. Lo dobbiamo anche a quelle persone che abbiamo appena visto“.

Una considerazione sentita, personalissima. Mai il conduttore di Rai1 aveva parlato in prima persona su un tema così privato.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,



Articoli che potrebbero interessarti


Alberto Matano
Alberto Matano su Barbara D’Urso: «Perché rinunciare alla sua impronta?»


Serena Bortone
Eleonora Daniele, Serena Bortone e Alberto Matano danno appuntamento a settembre. «The best is yet to come»


Matano Vita in Diretta
La Vita in Diretta: Alberto Matano interrompe il collegamento con il ristoratore che non vuole indossare la mascherina


Roberto Saviano, La Vita in Diretta
La Vita in Diretta: Saviano opinionista (in promozione)

1 Commento dei lettori »

1. Marco ha scritto:

29 ottobre 2021 alle 01:46

Eh mò escono fuori tutti….. utilità zero



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.