27
ottobre

Rai: ok a modello organizzativo per Generi. Traduzione: i direttori di rete conteranno ben poco

Carlo Fuortes, AD Rai

La Rai cambia il proprio modello organizzativo: la responsabilità dei programmi, d’ora in poi, non sarà più delle reti ma delle direzioni di genere. Nello specifico, saranno dieci le direzioni di Genere che dovranno produrre contenuti per le tre reti generaliste, per la piattaforma digitale Rai Play e per i canali specializzati, declinandoli a seconda dei diversi pubblici e dei singoli profili editoriali. A deliberare il Modello organizzativo per Generi è stato l’odierno CdA di Viale Mazzini, che ha dato mandato all’amministratore delegato Carlo Fuortes di procedere alla sua attuazione.

In particolare, le dieci direzioni di Genere sono: Intrattenimento prime time, Intrattenimento day time, Cultura ed educational, Documentari, Fiction, Sport, Cinema, Approfondimento, Kids, contenuti RaiPlay.

Il modello organizzativo per Generi, peraltro già adottato dai principali Broadcaster Pubblici europei, costituisce un fondamentale momento di discontinuità e un punto di ripartenza ineludibile per l’azienda, accelerando il processo di trasformazione digitale quale requisito necessario al mantenimento del ruolo centrale di Servizio Pubblico in un contesto multipiattaforma

si legge in un comunicato di Viale Mazzini. Il nuovo approccio editoriale appare caotico: da una parte sembra infatti snellire il processo produttivo e creativo, dall’altra però crea una serie di direzioni settoriali che si “sconteranno” giocoforza con le direzioni di rete (in particolare le generaliste). In Rai c’è stato poi in anni recente il fallimentare tentativo della ‘direzione intrattenimento’.

A quanto si apprende, l’evoluzione operativa dall’attuale organizzazione verticale a quella per generi si completerà con il varo del prossimo palinsesto estivo che sarà interamente programmato dalle direzioni di Genere. Si attendono a questo punto le nomine per ciascun dipartimento.

L’attuazione del modello per Generi è il primo passo del nuovo Piano Industriale 2022-2024 che sarà elaborato nei mesi prossimi, anche nell’ambito del prossimo Contratto di Servizio 2023-2027. Il tutto, sempre in relazione alle risorse economiche disponibili: un aspetto sul quale l’AD Fuortes aveva richiamato con forza l’attenzione, manifestando la necessità di una razionalizzazione per non avere contraccolpi negativi sulle produzioni tv.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Ludovico Di Meo,
Ludovico Di Meo saluta Rai2, sarà Direttore Generale di San Marino RTV – Le nuove nomine Rai


Carlo Fuortes
Rai, Carlo Fuortes striglia i predecessori: «Budget in perdita inaccettabile per un’azienda che ha il canone». E punta al pareggio


TgR
TgR, il dissenso all’AD Fuortes è in simulcast. «Decisione inaccettabile. Avvieremo mobilitazioni»


Carlo Fuortes
Vigilanza Rai, Fuortes: «Sulle nomine ho rispettato la legge. Share non sia unico parametro»

1 Commento dei lettori »

1. giauz ha scritto:

29 ottobre 2021 alle 06:17

…se solo l’avessero fatto ai tempi della lottizzazione… fino a quando la politica avrà influenza sulla Rai la vedo dura che cambi qualcosa in meglio



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.