21
ottobre

Rai2: Un Milione di Piccole Cose si interrompe. Non ha pagato l’azzardata scelta di un drama in preserale

Un Milione di Piccole Cose

Un Milione di Piccole Cose

Una mossa azzardata che, come prevedibile, non ha dato frutti. Si conclude oggi, al termine della seconda stagione, la corsa di Un Milione di Piccole Cose nel preserale di Rai2. L’anomala scelta di puntare su un drama orizzontale al posto dei consolidati crime/procedural non ha pagato, costringendo la rete ad accontentarsi di uno share spesso al di sotto del 2%.

Le nuove puntate del serial Abc dovrebbero proseguire a novembre nel daytime di Rai Premium che attualmente sta trasmettendo le repliche. La serie, che racconta le vite di un gruppo di amici, è un buon racconto corale, non troppo articolato o graffiante ma che riesce a scavare nei personaggi. In America è attualmente in onda la quarta stagione, seguita da circa 2 milioni di spettatori, numeri in calo rispetto al passato.

Per un cambiamento così radicale, Rai2 avrebbe dovuto preparare meglio il terreno e non renderla “un caso isolato” nel palinsesto tra l’informazione e la saga di NCIS. Tuttavia, considerata la difficile collocazione, le difficoltà dei drama e il prodotto in sè (valido ma non una bomba), le speranze di successo sarebbero rimaste poche.

Un Milione di Piccole Cose sarà rimpiazzato da Blue Bloods, in onda da lunedì 25 ottobre alle 18.50.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Un Milione Di Piccole Cose
Un Milione Di Piccole Cose: Rai2 cambia il volto del preserale con il drama di ABC


zelig
Pagelle TV della Settimana (22-28/11/2021). Promosso il ritorno di Zelig. Bocciato il pomeriggio ballerino di Rai2


Massimo Lavatore
Rai2, Massimo Lavatore nuovo direttore ad interim


Doc - Nelle tue Mani 2
Rai, palinsesti gennaio 2022 – Tris di fiction su Rai 1. Arriva Il Complotto contro l’America su Rai 3

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.